Vai al contenuto
  • Benvenuto!

     

Messaggi raccomandati

Un saluto a tutti del gruppo. Mi presento, mi chiamo Mimmo e mi occupo di progettazione dal 97, ultimamente sono entrato operativo nel mondo della stampa 3d con una Anycubic Photon ed una Sunlu S8.
Ringrazio @Marco Ardesi per l'invito in questo club/comunity.
Dico la mia da ignorante perchè non ho mai costruito una stampante tutta mia e perchè non sono padrone di tutti gli aspetti di funzionamento della stampante in questo caso FFF o FDM quindi firmware, settaggio elettroniche ed altro.
Sò soltanto che non è "semplice" però nemmeno "impossibile".
Infatti per capire almento a livello hardware ecc la mia stampante l'ho smontata pezzo pezzo (come con i giocattoli da bambino) e l'ho rimontata, analizzandola fino all'ultimo bullone e facendo anche un reverse engineering per poter capire dove poterla modificare nel modo più efficiente possibile.


trovate il progetto a questo link:
  https://grabcad.com/library/sunlu-s8-progetto-con-modifiche-1


attualmente non ho molto tempo però ho gradito molto l'invito e la considerazione di Marco.
sarei entusiasta di poter collaborare per la progettazione della stessa.
Penso che sia importante focalizzarsi su come impostare il progetto ... in che senso?
Nel senso capire su cosa proporre inizialmente e come strutturare il/i progetti.
Il lato economico ha certo la sua valenza però si può ovviare in molti modi così come tanti lati ancora non valutati del progetto.
Io intanto ci metto la mia esperienza e l'entusiasmo e ... chissà sia l'inizio di una comunity di riferimento.
Mimmo.
 

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 53
  • Creato
  • Ultima Risposta

Miglior contributo in questa discussione

Miglior contributo in questa discussione

Messaggi Popolari

Ciao a tutti 🤗 Piacere di conoscervi, anche se con qualcuno di voi ho già avuto il piacere di confrontarmi.  Innanzitutto credo che sia un'idea molto interessante, sicuramente dal punto di v

Ciao, un argomento di cui spesso discuto è la "sparizione" dei kit e delle stampanti 3D auto-assemblate. La cosa che mi colpisce di più è vedere le aziende italiane che hanno scelto di non coprir

mah... io penso che ci sia anche un problema di gestione garanzia... che i cinesi alla fine gestiscono un po' come vogliono ma un'azienda italiana non so come farebbe a gestire tanti privati che inizi

Immagini Pubblicate

1 ora fa, MimmoLagonigro ha scritto:

Un saluto a tutti del gruppo. Mi presento, mi chiamo Mimmo e mi occupo di progettazione dal 97, ultimamente sono entrato operativo nel mondo della stampa 3d con una Anycubic Photon ed una Sunlu S8.
Ringrazio @Marco Ardesi per l'invito in questo club/comunity.
Dico la mia da ignorante perchè non ho mai costruito una stampante tutta mia e perchè non sono padrone di tutti gli aspetti di funzionamento della stampante in questo caso FFF o FDM quindi firmware, settaggio elettroniche ed altro.
Sò soltanto che non è "semplice" però nemmeno "impossibile".
Infatti per capire almento a livello hardware ecc la mia stampante l'ho smontata pezzo pezzo (come con i giocattoli da bambino) e l'ho rimontata, analizzandola fino all'ultimo bullone e facendo anche un reverse engineering per poter capire dove poterla modificare nel modo più efficiente possibile.


trovate il progetto a questo link:
https://grabcad.com/library/sunlu-s8-progetto-con-modifiche-1


attualmente non ho molto tempo però ho gradito molto l'invito e la considerazione di Marco.
sarei entusiasta di poter collaborare per la progettazione della stessa.
Penso che sia importante focalizzarsi su come impostare il progetto ... in che senso?
Nel senso capire su cosa proporre inizialmente e come strutturare il/i progetti.
Il lato economico ha certo la sua valenza però si può ovviare in molti modi così come tanti lati ancora non valutati del progetto.
Io intanto ci metto la mia esperienza e l'entusiasmo e ... chissà sia l'inizio di una comunity di riferimento.
Mimmo.
 

Grazie Mimmo per esserti scritto alla discussione. Entro qualche settimana in questa discussione definiremo secondo me le varie figure professionali o responsabili del progetto. Io per esempio non ho competenze nell'elettronica e poche nella meccanica, per cui mi renderò disponibile e responsabile della comunicazione fra i partecipanti e nel stilare la lista di componenti e ricercarle in Italia o online. 

Il concetto secondo ma vale anche per tutti coloro che possono dedicare tempo ed energie per il progetto.

Come sempre in progetti di questo calibro ci sono partecipanti che danno la loro opinione e mettono a disposizione le competenze (base community) e poi ci sono coloro che si prendono la responsabilità (organizzatori) di portare a terra le idee, verificarle e renderle concrete.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, Alessandro Tassinari ha scritto:

Wow, benvenuti a tutti nuovi!

Le parole di @Giorgia Malavasi sono chiarissime e le condivido completamente: il progetto deve sostenersi economicamente.

Il che mi preoccupa un po', o quantomeno è tutto da validare, visto che le scuole hanno sempre pochissimo budget da investire.

 

Inoltre, penso che le scuole non possano minimamente essere autonome nella gestione del processo di stampa e soprattutto insegnamento. Credo che oltre al progetto in sè, sia importantissimo valutare tutte le dinamiche logistiche interconnesse ad esso: le spedizioni, la gestione e l'avvio della scuola, le lezioni che potrebbero essere programmate, la manutenzione delle macchine una volta montate etc... 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io trovo tutto molto interessante ma un poco troppo teorico.... di quali scuole state parlando ? a parte che parecchie sono in dad al momento...  dubito che possa diventare una concretezza perchè mi sembra di notare parecchi problemi... faccio alcuni esempi che mi vengono in mente:

a) elementari.... dopo 10 minuti non gliene frega più nulla e non disegnano 3d

b) medie... potrebbero anche disegnare 3d ma non credo che la scuola media quindi di carattere generalista preveda attività così mirate.

c) superiori umanistiche.... vedi punto a) non gliene frega nulla

d) superiori tecniche... potrebbe anche andare... il disegno3d dovrebbe essere in parte già presente (non lo so) ... ma ci vorrebbe comunque un laboratorio specifico (per fumi, vapori, materiali e piccoli attrezzi); a qualcuno potrebbe interessare ma i tempi molto lunghi di disegno e stampa sarebbero un problema da gestire... inoltre come funziona ? tutti disegnano un certo pezzo ed i migliori vengono stampati? oppure abbiamo 30 stampanti con 30/60/90/120 bobine di materiale da usare che NON devono prendere umidità ? e quando si inceppa l'estrusore chi lo smonta e lo pulisce? alunno, docente o in tecnico che deve intervenire?

e) università (ingegneria... gli altri vedi punto a) ) ....  i laboratori universitari sono più specifici di così... 

 

Vedo molti molti problemi a gestire questa cosa....  perchè la stampa 3d è in realtà un "buco nero" di tempo da dedicare mentre la scuola deve gestire e spiegare molte cose in poco tempo....

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, marcottt ha scritto:

io trovo tutto molto interessante ma un poco troppo teorico.... di quali scuole state parlando ? a parte che parecchie sono in dad al momento...  dubito che possa diventare una concretezza perchè mi sembra di notare parecchi problemi... faccio alcuni esempi che mi vengono in mente:

a) elementari.... dopo 10 minuti non gliene frega più nulla e non disegnano 3d

b) medie... potrebbero anche disegnare 3d ma non credo che la scuola media quindi di carattere generalista preveda attività così mirate.

c) superiori umanistiche.... vedi punto a) non gliene frega nulla

d) superiori tecniche... potrebbe anche andare... il disegno3d dovrebbe essere in parte già presente (non lo so) ... ma ci vorrebbe comunque un laboratorio specifico (per fumi, vapori, materiali e piccoli attrezzi); a qualcuno potrebbe interessare ma i tempi molto lunghi di disegno e stampa sarebbero un problema da gestire... inoltre come funziona ? tutti disegnano un certo pezzo ed i migliori vengono stampati? oppure abbiamo 30 stampanti con 30/60/90/120 bobine di materiale da usare che NON devono prendere umidità ? e quando si inceppa l'estrusore chi lo smonta e lo pulisce? alunno, docente o in tecnico che deve intervenire?

e) università (ingegneria... gli altri vedi punto a) ) ....  i laboratori universitari sono più specifici di così... 

 

Vedo molti molti problemi a gestire questa cosa....  perchè la stampa 3d è in realtà un "buco nero" di tempo da dedicare mentre la scuola deve gestire e spiegare molte cose in poco tempo....

Ciao Marco, le scuole sono in DAD ma i laboratori sono attivi per le scuole che se la sentono con ingressi controllati e quindi alternati. Io ho un corso di sistemi produttivi e gli faccio lavorare sulle stampanti 3D. Usiamo PLA possibilmente neutro e ho in mente anche di introdurre i filamenti Kanesis in quanto più sicuri.

Il target sono gli studenti dei CF o CFP con corsi elettronici, elettrici, grafici o settori a cui farebbe comodo potersi produrre un prototipo.

Nel progetto mi piacerebbe partecipassero anche le figure coinvolte come professori o coordinatori, proprio per andare a raccogliere le vere esigenze.

Io invece parlo per mia esperienza personale e faccio da portavoce anche di qualche collega.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Marco Ardesi ha scritto:

Ciao Marco, le scuole sono in DAD ma i laboratori sono attivi per le scuole che se la sentono con ingressi controllati e quindi alternati. Io ho un corso di sistemi produttivi e gli faccio lavorare sulle stampanti 3D. Usiamo PLA possibilmente neutro e ho in mente anche di introdurre i filamenti Kanesis in quanto più sicuri.

Il target sono gli studenti dei CF o CFP con corsi elettronici, elettrici, grafici o settori a cui farebbe comodo potersi produrre un prototipo.

Nel progetto mi piacerebbe partecipassero anche le figure coinvolte come professori o coordinatori, proprio per andare a raccogliere le vere esigenze.

Io invece parlo per mia esperienza personale e faccio da portavoce anche di qualche collega.

ok , ci può stare ma alla fine concordi con me che è solo un piccolo spicchio delle scuole, ovvero solo studenti adolescenti di materie tecniche... gente che forse l'avrebbe (oppure la ha già) anche a casa (disponibilità economica e di spazi permettendo).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, marcottt ha scritto:

ok , ci può stare ma alla fine concordi con me che è solo un piccolo spicchio delle scuole, ovvero solo studenti adolescenti di materie tecniche... gente che forse l'avrebbe (oppure la ha già) anche a casa (disponibilità economica e di spazi permettendo).

I progetti per un'eventuale formazione teorica e pratica sulla stampa 3D esistono già da più di 10 anni e in questa discussione li ho nominati più volte invano. Spero siano stati ignorati per convenienza, in quanto trovo piuttosto grave che chi si occupa di stampa 3D non conosca il progetto RepRap.org, perché equivarrebbe ad essere di fede cristiana e ignorare il significato della croce.

Sulla base di una delle prime stampanti progettate dal team di RepRap, la Mendel, un giovane studente di Praga sviluppò una variante che ebbe un discreto successo, tanto che, questo giovane studente, successivamente realizzò un progetto tutto suo, sempre condiviso su RepRap e che, di fatto, segnò la storia della stampa 3D di largo consumo. Il giovane studente si chiama Joseph Prusa e la stampante è la Prusa i3. 

Ora, partendo dal presupposto che, in un laboratorio scolastico, uno straccio di stampante 3D ci  sia già, quanto sarebbe bello prendere in mano il progetto di quel genio di Prusa e realizzarlo passo passo? Che senso ha progettare una nuova stampante in kit? Ma, soprattutto, che senso ha chiamarlo "progetto", quando non sarebbe altro che l'ennesima copia dell'ennesima variante. 

Tutti gli strumenti esistono già e sarebbe inutile ed antieconomico prodigarsi per realizzarne di "italiani al 100%". L'elettronica c'è e non può essere che cinese; l'estruso in alluminio lo producono decine di aziende, anche di primaria importanza; viti, cuscinetti, tiranti e quant'altro idem.

L'unico valore aggiunto necessario è il docente e/o tecnico di laboratorio, con le competenze necessarie per far funzionare una stampante 3D qualsiasi, affinché possa produrre con gli studenti le parti necessarie a costruire uno qualsiasi delle decine di progetti Open Source disponibili.

Attraverso un percorso formativo di questo tipo, gli studenti verrebbero coinvolti nella produzione di componenti attraverso la stampa 3D, finalizzati alla realizzazione di un'altra stampante 3D, che se Asimov fosse ancora vivo direbbe: "Ve l'avevo detto io!"

Poi, per carità, questa è la mia opinione. Forse mi sbaglio, forse no. In ogni caso penso di avervi tediato fin troppo nel ribadirla, per cui mi congedo e vi saluto augurandovi, anche se non ci credo, un sincero in bocca al lupo.

  • Like 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, marcottt ha scritto:

ok , ci può stare ma alla fine concordi con me che è solo un piccolo spicchio delle scuole, ovvero solo studenti adolescenti di materie tecniche... gente che forse l'avrebbe (oppure la ha già) anche a casa (disponibilità economica e di spazi permettendo).

concordo con te su fatto che sia uno spicchio e che gli studenti possono comprarsi una ender.

Il vantaggio del progetto che nascerà o potrebbe nascere è, come sottolinea @Giorgia Malavasi, nella gestione del progetto e della formazione degli studenti. Nasce tutto secondo me dalle competenze e buona volontà delle persone all'interno di questa discussione.

 

57 minuti fa, Mino ha scritto:

L'unico valore aggiunto necessario è il docente e/o tecnico di laboratorio, con le competenze necessarie per far funzionare una stampante 3D qualsiasi, affinché possa produrre con gli studenti le parti necessarie a costruire uno qualsiasi delle decine di progetti Open Source disponibili.

Attraverso un percorso formativo di questo tipo, gli studenti verrebbero coinvolti nella produzione di componenti attraverso la stampa 3D, finalizzati alla realizzazione di un'altra stampante 3D, che se Asimov fosse ancora vivo direbbe: "Ve l'avevo detto io!"

hai centrato il punto. Sarebbe un grosso traguardo questo.

Grazie mille per la partecipazione.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
54 minuti fa, Mino ha scritto:

I progetti per un'eventuale formazione teorica e pratica sulla stampa 3D esistono già da più di 10 anni e in questa discussione li ho nominati più volte invano. Spero siano stati ignorati per convenienza, in quanto trovo piuttosto grave che chi si occupa di stampa 3D non conosca il progetto RepRap.org, perché equivarrebbe ad essere di fede cristiana e ignorare il significato della croce.

Sulla base di una delle prime stampanti progettate dal team di RepRap, la Mendel, un giovane studente di Praga sviluppò una variante che ebbe un discreto successo, tanto che, questo giovane studente, successivamente realizzò un progetto tutto suo, sempre condiviso su RepRap e che, di fatto, segnò la storia della stampa 3D di largo consumo. Il giovane studente si chiama Joseph Prusa e la stampante è la Prusa i3. 

Ora, partendo dal presupposto che, in un laboratorio scolastico, uno straccio di stampante 3D ci  sia già, quanto sarebbe bello prendere in mano il progetto di quel genio di Prusa e realizzarlo passo passo? Che senso ha progettare una nuova stampante in kit? Ma, soprattutto, che senso ha chiamarlo "progetto", quando non sarebbe altro che l'ennesima copia dell'ennesima variante. 

Tutti gli strumenti esistono già e sarebbe inutile ed antieconomico prodigarsi per realizzarne di "italiani al 100%". L'elettronica c'è e non può essere che cinese; l'estruso in alluminio lo producono decine di aziende, anche di primaria importanza; viti, cuscinetti, tiranti e quant'altro idem.

L'unico valore aggiunto necessario è il docente e/o tecnico di laboratorio, con le competenze necessarie per far funzionare una stampante 3D qualsiasi, affinché possa produrre con gli studenti le parti necessarie a costruire uno qualsiasi delle decine di progetti Open Source disponibili.

Attraverso un percorso formativo di questo tipo, gli studenti verrebbero coinvolti nella produzione di componenti attraverso la stampa 3D, finalizzati alla realizzazione di un'altra stampante 3D, che se Asimov fosse ancora vivo direbbe: "Ve l'avevo detto io!"

Poi, per carità, questa è la mia opinione. Forse mi sbaglio, forse no. In ogni caso penso di avervi tediato fin troppo nel ribadirla, per cui mi congedo e vi saluto augurandovi, anche se non ci credo, un sincero in bocca al lupo.

Credo che ci sia tanto di giusto in quello che dici, per questo secondo me potrebbe essere una buona idea quella di proporre strumenti di qualità più elevata per dare alle nuove generazioni nostrane degli standard minimi più alti, infatti chi già a scuola usa stampanti con prestazioni più elevate e dotate magari di guide lineari, enclosure con filtri hepa, elettronica originale con grosse community italiane dietro et similia, sentirà la necessità di stumenti con standard minimi sicuramente più elevati di molte attuali produzioni internazionali. Lo scopo della scuola non è solo insegnare la nozione, ma dare delle aspirazioni e metterle a portata di mano e in questo l'educazione italiana è sempre stata una eccellenza. 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un'altra cosa da gestire è il docente che deve sapere quello che fa e deve saperlo insegnare, potrebbe essere una idea quella di inserire insieme allo strumento in sé (la stampante), un percorso didattico che preveda oltre alla stampa di alcuni pezzi che possano servire al completamento della stampante (portabobine piedini maniglie ad esempio) anche la stampa di una serie di upgrade della utili al raggiungimento di alcuni obbiettivi, come la trasformazione da bowden a  direct drive per la stampa di materiali molto elastici ad esempio o per assurdo la possibilità di arrivare a montare un doppio estrusore per le fasi più avanzate della didattica per la stampa idex. 

 

Questo percorso darebbe al docente una strada gia battuta che gli permetterebbe in tal modo di non doversi inventare e costruire un programma su argomenti che magari non è abituato a masticare di frequente 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, 3DprinZe ha scritto:

Un'altra cosa da gestire è il docente che deve sapere quello che fa e deve saperlo insegnare, potrebbe essere una idea quella di inserire insieme allo strumento in sé (la stampante), un percorso didattico che preveda oltre alla stampa di alcuni pezzi che possano servire al completamento della stampante (portabobine piedini maniglie ad esempio) anche la stampa di una serie di upgrade della utili al raggiungimento di alcuni obbiettivi, come la trasformazione da bowden a  direct drive per la stampa di materiali molto elastici ad esempio o per assurdo la possibilità di arrivare a montare un doppio estrusore per le fasi più avanzate della didattica per la stampa idex. 

 

Questo percorso darebbe al docente una strada gia battuta che gli permetterebbe in tal modo di non doversi inventare e costruire un programma su argomenti che magari non è abituato a masticare di frequente 

tutto ciò è auspicabile.... ma non voi... io specie all'inizio, ho perso molte molte molte ore dietro alla stampante, in attese e tentativi spesso frustranti...   continuo a credere che non puoi obbligare qualcuno ad un'hobby... e se invece lo vedi come didattica professionale allora ti servono probabilmente stampanti professionali... che costano... senza contare i materiali di consumo.

ben inteso... sarebbe fantastico una cosa del genere... ma la vedo di difficoltosa attuazione... 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, 3DprinZe ha scritto:

Credo che ci sia tanto di giusto in quello che dici, per questo secondo me potrebbe essere una buona idea quella di proporre strumenti di qualità più elevata per dare alle nuove generazioni nostrane degli standard minimi più alti, infatti chi già a scuola usa stampanti con prestazioni più elevate e dotate magari di guide lineari, enclosure con filtri hepa, elettronica originale con grosse community italiane dietro et similia, sentirà la necessità di stumenti con standard minimi sicuramente più elevati di molte attuali produzioni internazionali. Lo scopo della scuola non è solo insegnare la nozione, ma dare delle aspirazioni e metterle a portata di mano e in questo l'educazione italiana è sempre stata una eccellenza. 

Le stampanti che hai descritto è già tanto se ti fanno capire che il materiale di base che utilizzi è una bobina di filo. Sono sistemi chiusi non solo per proteggerti ma, soprattutto, per impedirti di capire come funzionano.

La scuola deve darti le conoscenze di base, non deve illustrarti le soluzioni più performanti; a quello ci pensano pubblicità, rappresentanti e fiere di settore.

Costruire una Mendel significa entrare in contatto, oserei dire, intimo con ogni aspetto della stampa 3D. Per fare un paragone: un conto è imparare a pedalare, altro è costruire la bicicletta :))

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, marcottt ha scritto:

tutto ciò è auspicabile.... ma non voi... io specie all'inizio, ho perso molte molte molte ore dietro alla stampante, in attese e tentativi spesso frustranti...   continuo a credere che non puoi obbligare qualcuno ad un'hobby... e se invece lo vedi come didattica professionale allora ti servono probabilmente stampanti professionali... che costano... senza contare i materiali di consumo.

ben inteso... sarebbe fantastico una cosa del genere... ma la vedo di difficoltosa attuazione... 

secondo me ci sta che la pensi così... il mondo è vario e gli obiettivi si portano a casa solo se si è fermamente convinti e determinati. Il motivo dell'avvio di questa discussione è stimolare la community a lavorare verso un progetto educativo senza scopo di lucro. Da quanto visto fino ad oggi però difficilmente persone si mettono in gioco per realizzare un progetto senza ritorni diretti... Piuttosto si danno da fare per costruirsi una stampante e tenersela o venderla.

Tu Marco hai esperienza nell'insegnamento in scuole superiori?

6 minuti fa, Mino ha scritto:

Costruire una Mendel significa entrare in contatto, oserei dire, intimo con ogni aspetto della stampa 3D. Per fare un paragone: un conto è imparare a pedalare, altro è costruire la bicicletta :))

Secondo me la Mendel è il progetto più semplice ed istruttivo, alla portata di tutti perchè ci sono già dei progetti... se non ricordo male era anche una valida stampante se ben montata.

In base all'obiettivo che ho io, ti dico che forse (come mi avete già suggerito) la soluzione più corretta è quella di sviluppare un progetto esistente come quello che hai menzionato.

Ne esistono molti di progetti Mendel o ne esiste uno? Io non ho mai montato una Mendel perchè usavo solo EVO R2 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao Marco.... ora faccio outing e ti confesso una cosa.... non solo non ho alcuna esperienza di insegnamento a scuola (solo in aziende per office automation) ma quando la scuola di mia figlia (2° elementare) propose di comprare una stampante 3d mi opposi perchè lo ritenevo assolutamente inutile... 
Certo che una scuola superiore in ambito tecnico sarebbe altra cosa per l'interesse... purtroppo abito in zona remota e la scuola tecnica superiore più vicina è a circa 40km e non ho alcun rapporto di questo genere.

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Marco Ardesi ha scritto:

secondo me ci sta che la pensi così... il mondo è vario e gli obiettivi si portano a casa solo se si è fermamente convinti e determinati. Il motivo dell'avvio di questa discussione è stimolare la community a lavorare verso un progetto educativo senza scopo di lucro. Da quanto visto fino ad oggi però difficilmente persone si mettono in gioco per realizzare un progetto senza ritorni diretti... Piuttosto si danno da fare per costruirsi una stampante e tenersela o venderla.

Tu Marco hai esperienza nell'insegnamento in scuole superiori?

Secondo me la Mendel è il progetto più semplice ed istruttivo, alla portata di tutti perchè ci sono già dei progetti... se non ricordo male era anche una valida stampante se ben montata.

In base all'obiettivo che ho io, ti dico che forse (come mi avete già suggerito) la soluzione più corretta è quella di sviluppare un progetto esistente come quello che hai menzionato.

Ne esistono molti di progetti Mendel o ne esiste uno? Io non ho mai montato una Mendel perchè usavo solo EVO R2 

Esistono la Mendel originaria e la variante Prusa Mendel; la seconda è ancora un buon progetto, in quanto garantisce risultati davvero sorprendenti e non richiede né estrusi né frame tagliati a laser. È indubbiamente un’ottima “nave scuola” ma non la migliore. A fronte di reperire un frame, se non in alluminio almeno in acrilico, la Prusa i3 è a mio parere il top, sia per la maggiore semplicità nell’assemblaggio, sia per le sue caratteristiche progettuali, molto più vicine alle più recenti Prusa, Ender e Compagnia bella realizzate con profilati estrusi.

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti. 

Ho già accennato ad alcuni di voi che ho recentemente scoperto che la mia stampante Geeetech monta un chip STM32 di stmicroelectronics un azienda italiana.

Sarebbe bello fare una ricerca, cercando di reperire più componenti possibili  prodotti in Italia.

Mi piace molto l'idea di partire con un kit base molto economico, e poi poter acquistare i miglioramenti mano mano che si fa esperienza.

Leggendo vedo che le idee non mancano.

Questo progetto mi affascina molto e anche se non ho le competenze come molti di voi, vorrei dare un contributo.

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Mino ha scritto:

Esistono la Mendel originaria e la variante Prusa Mendel; la seconda è ancora un buon progetto, in quanto garantisce risultati davvero sorprendenti e non richiede né estrusi né frame tagliati a laser. È indubbiamente un’ottima “nave scuola” ma non la migliore. A fronte di reperire un frame, se non in alluminio almeno in acrilico, la Prusa i3 è a mio parere il top, sia per la maggiore semplicità nell’assemblaggio, sia per le sue caratteristiche progettuali, molto più vicine alle più recenti Prusa, Ender e Compagnia bella realizzate con profilati estrusi.

https://reprap.org/wiki/Build_A_RepRap

Sono questi i progetti open che intendi?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Mino ha scritto:

 

La pagina che hai linkato tu ne fa vedere solo alcuni. Clicca qua https://reprap.org/wiki/RepRap_Options

 

grazie mille... guardo subito!

Stavo anche vagando su questo sito... https://openbuilds.com/?category=h-bot-and-core-xy&id=274

Forse come mi hanno suggerito in molti, l'idea più corretta è partire da uno di questi progetti.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, ho cominciato stamattina lo studio del Kit Prusa i3 e sono rimasto colpito dalla quantità di informazioni utili che si trovano online. https://reprap.org/wiki/Prusa_i3#Specifications

Non riesco però a capire che estrusore è consigliato per Prusa i3 e dove si acquista... nei video di montaggio sembra avere un estrusore in plastica... è possibile?

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, Marco Ardesi ha scritto:

Ciao a tutti, ho cominciato stamattina lo studio del Kit Prusa i3 e sono rimasto colpito dalla quantità di informazioni utili che si trovano online. https://reprap.org/wiki/Prusa_i3#Specifications

Non riesco però a capire che estrusore è consigliato per Prusa i3 e dove si acquista... nei video di montaggio sembra avere un estrusore in plastica... è possibile?

Si chiama “wade extruder” e su Thingiverse ne trovi innumerevoli versioni. Questo è quello che ho io su una Prusa i3.

4C030F5F-EBC0-4D7D-9DDD-4A225E2FD9CA.jpeg

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lascio sul forum il link dell'elenco che assieme ai miei studenti ho fatto in mattinata. In modo che possa essere controllato ed eventualmente modificato in base all'esperienza delle persone che navigano in questa discussione.

https://docs.google.com/spreadsheets/d/1acAsq1HRAZ-QYaYu81CdnGHgv4iU-m45x-yzBdDFyb8/edit?usp=sharing

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...