Vi siete mai chiesti se ci fosse un modo per testare a pieno le qualità della vostra stampante 3D? Che cosa è in grado di fare, e quali sono le effettive prestazioni al di là della scheda tecnica? Da oggi è disponibile un test delle prestazioni che può fare al caso vostro.

Il designer CTRL V ha pubblicato nel vasto database di Thingiverse un file STL, liberamente scaricabile, studiato appositamente per lo scopo. Si tratta di un modello 3D composto da vari elementi inclinati, aggettanti, concavi e forati, caratterizzati da una diversa complessità. Per fare un’analogia, possiamo mettere alla prova la nostra stampante 3D come faremmo in un computer con i classici benchmark.

test-prestazioni-1

Più precisamente, l’oggetto è composto in questo modo:

-dimensioni: 4x50x50mm (basamento);

-grandezza dei fori: 3 fori da 3/4/5 millimetri di diametro;

-dimensioni del dado: dado esagonale di tipo M4;

-dettagli: piramide, cono, numeri;

-forme arrotondate: onde, semi-sfera;

-distanza minima tra le superfici: 0.1/0.2/0.3/0.4/0.5 millimetri;

-sporgenze: 25°/30°/35°/40°/45°;

-lunghezza ponti: 2/3/4/5/6/7/8/9 millimetri;

-superfici: tutte le parti piane.

test-prestazioni-2

Ciò è estremamente utile non solo per vedere di cosa è capace la nostra macchina, ma soprattutto per verificare che sia ben regolata. Si potrebbe avere un piatto di stampa non perfettamente orizzontale e quindi non perpendicolare all’asse Z, oppure potrebbe risultare che i binari su cui si muovono gli assi non siano perfettamente allineati.  Col tempo, inoltre, le prestazioni possono subire un lieve calo a causa delle cinghie che si allentano. Le conseguenze di queste anomalie alla stampante sono le vibrazioni e una diminuzione della qualità generale della stampa. Potrebbe anche accadere che le forme rotonde vengano stampate come ovali. Ed è proprio grazie a questo file tester che possiamo verificare la presenza di difetti ed individuare i punti deboli per poi agire con una mirata manutenzione.

test-prestazioni-3

Ovviamente la qualità della stampa è influenzata anche dalle impostazioni e dai parametri dello slicer, per questo CTRL V consiglia di impostare la risoluzione del layer più alta possibile ed un riempimento del 33 %.

E’ evidente come questo semplicissimo modello 3D possa portare ai numerosi benefici già citati, peraltro richiedendo una media di 50 minuti di tempo e una quantità minima di materiale. Il tester è scaricabile a questo link e pronto per fare un check-up della vostra stampante.

test-prestazioni-4test-prestazioni-5 test-prestazioni-8 test-prestazioni6 test-prestazioni7