Vai al contenuto

Informazioni su questo Club

Il Club di Marco Ardesi. Qui trovi discussioni, video, dirette YouTube e molto altro!
  1. Novità in questo club
  2. Ciao, in questa diretta abbiamo organizzato, con la collaborazione di Fabio Molinari di Protys, un appuntamento tecnico dedicato alla stampa 3D del materiale in filamento PBT. Nella live spiegheremo che parametri utilizziamo e come ci comportiamo con questo polimero. ORE 21.30 in live VAI ALLA DIRETTA
  3. Ciao, stasera testerò la versione 4.9.0 Beta di Cura 3D. Nello specifico approfondiremo le funzionalità di slicing invitando Kubo, un followers che ha testato molto Cura 3D. Inviami il file durante la diretta o poco prima, al numero 345 6936244 su WhatsApp o usando la mail ardesi.marco@gmail.com. Assistenza diretta in live. 1 ora e mezza a disposizione di tutti i followers. VAI ALLA DIRETTA
  4. Buongiorno a tutti, in questa rubrica si interverranno docenti universitari che approfondiranno le tecniche scientifiche applicate all'additive manufacturing. In questa diretta parleremo con la Dr. Paola Ginestra che illustrerà una breve lezione sul biomanufacturing con particolare riferimento al bioprinting. VAI ALLA DIRETTA
  5. Ciao, questa rubrica è dedicata alle aziende e liberi professionisti che operano nella stampa 3D in Italia. Grazie a questa costante rubrica offriamo al pubblico un panorama che lavora nell'Additive Manufacturing AM. Affrontiamo in questa rubrica la storia dell'imprenditore, la storia dell'impresa, l'impresa attuale, gli sviluppi dell'impresa e le considerazione sui possibili sviluppi nel settore AM. VAI ALLA DIRETTA
  6. Praticamente serve per stampare contemporaneamente più stl, ma con parametri di stampa differenti, tipo altezza layer, riempimento, velocità di stampa, supporti o senza, e altri. Dalla parte destra del monitor clicchi sul triangolino e accedi a Prepara lo slicing e clicchi su Impostazioni di stampa, poi diventa difficile spiegare il tutto, ti consiglio di guardare il video dei Help 3d al minuto 10 in poi "Come impostare il bridging" come vedi lui usa questa funzione per fare un test tutto in una volta.
  7. @Marco Ardesi @Noè di cosa si tratta? Non uso IdeaMaker ma sembra una funzionalità interessante, mi piacerebbe saperne di più.
  8. Ciao Marco, ora che ci hai fatto capire molto bene la funzionalità dei modificatori, che veramente è una grandissima potenzialità, quando ne hai voglia e tempo dovresti fare una live sulle impostazioni di gruppo e layer, che pure quella mi sembra molto interessante.
  9. Lo sviluppo dei materiali tecnici incrementerà grazie allo sdoganamento della camera calda. Il brevetto della tecnologia della camera riscaldata per la stampante 3D FDM ( US6722872B1 ) è scaduto a vita. Ecco perchè sta avvenendo un forte sviluppo dei materiali tecnici. Per oltre 20 anni, il produttore di stampanti 3D Stratasys ha detenuto i diritti di brevetto per la camera riscaldata indispensabile per cristallizzare in fase di stampa i materiali semi-cristallini. Sono stati fatti 3 IP (Intellectual Properties, ndr), l’azienda ha avuto i diritti esclusivi di utilizzare la camera di costruzione riscaldata nelle sue stampanti 3D FDM dal giugno del 2000. Significa che i costruttori di stampanti 3D non sono stati in grado di sviluppare e vendere stampanti 3D commerciali con i loro componenti elettronici di controllo del movimento isolati dal resto della camera. Dei tre brevetti, US7297304B2 e US20040104515A1 sono scaduti nel novembre 2020. Il terzo e ultimo brevetto, US6722872B1 , è scaduto il 27 febbraio 2021 a seguito di una precedente proroga di diversi anni prima. Da oggi in poi vedremo un importante cambiamento nel settore della fabbricazione delle stampanti 3D FDM ad alta temperatura. CONTINUA A LEGGERE
  10. Ottima scelta. Il raft sto smettendo di usarlo pian piano e devo dire che è proprio una pacchia... il raft con alcuni materiali è tosto da staccare concordo con te sul raft. Senza supporti però non oso sempre perchè i pezzi tendono a staccarsi 😒 Il brim mi salva la stampa spesso
  11. Ciao Luciano, io la uso dal giorno dopo che è uscita e non ho mai riscontrato problemi... forse con schede grafiche performanti potrebbe girare male il programma? Alcuni utenti del giovedì sera per esempio non riuscivano a vedere bene lo slicing sulla nuova versione di cura.
  12. Mi dispiace ma non uso IdeaMaker
  13. Noè

    IdeaMaker

    Ho letto in alcuni forum che delle persone, hanno installato l'aggiornamento di IdeaMaker Versione 4.1.0 Beta e quando sono andati per avviare lo slicer e andando in anteprima non si vede nulla, cioè si vede solo il piatto di stampa ma senza l'anteprima del modello, uno addirittura ha detto che è tornato alla versione precedente ed ha continuato ad evere lo stesso problema, vi risulta?
  14. Ciao @Marco Ardesi, io sono un utilizzatore atipico, ho sempre avuto a che fare con Formlabs. Di conseguenza ho grande esperienza con PreForm, lo slicer della casa madre, che trovo veramente ben fatto e immediato. Tra chi usa stampanti più basic credo che uno dei software più diffusi sia Kitubox. Mi è capitato di usarlo solo una volta e oggettivamente ricordo non mi avesse fatto impazzire come sistema.
  15. Preferisco il Brim. Da un minimo di 5 giri ad un massimo di 25/30 giri a seconda delle dimensioni del pezzo. Nel 95% delle stampe fila tutto liscio.
  16. cerco sempre di evitare ogni tipo di supporto aggiuntivo per semplicita' e pigrizia, nel 90% dei casi riesco senza mettere niente. quando il pezzo è ostico provo il brim anche se 99\100 risulta poco efficace ed il pezzo se lo tira dietro tranquillamente (si tira i primi due perimetri e si imbarca lo stesso) il raft lo considero come la "peste", mi da sempre problemi e lo uso solo quando sono costretto ma quasi sempre poi è lui a fare casino e rovinare la stampa. in molti casi aggiungo strutture rimuovibili disegnate "ad-hoc" al pezzo per evitare deformazioni che è di gran lunga la soluzione migliore per me quando ho problemi di deformazione
  17. Abs Juice e andare! che poi è "l'anello di congiunzione" tra il BRIM (che viene stampato SOLO nel contorno del pezzo) e la RAFT vero e proprio. Con il tempo ho imparato a "spennerlarlo" abbastanza bene per garantire la presa su tutto il piano ma non così tanto da creare problemi durante la stampa come grumi o imperfezioni della base. P.S. questo metodo lo uso solo su piano in vetro liscio, non microforato o ULTRABASE e simili
  18. Ciao, giusto in questi ultimi mesi sto adottando la strategia di non utilizzare il raft per materiali tecnici come ABS, PC-PBT, HIPS, PP... Preferisco settare bene l'allineamento del primo strato e le temperature del piano con un brim molto largo. Inizialmente non ottenni dei buoni risultati ma, man mano che passa il tempo, i pezzi stanno sempre meglio adesi al piano di stampa. Voi usate il raft per i materiali tecnici?
  19. Ciao, ultimamente sto parlando con molte persone che utilizzano le stampanti 3D a resina. Vedo che gli slicer usati sono molteplici ed in base alle abitudini lo stampatore sceglie l'uno piuttosto che l'altro. Voi quale preferite fra tutti gli slicer per le stampanti a Resina?
  20. until
    In questa live io, Michelangelo Agostinetto e Luca Barsanti parleremo delle stampanti 3D a Resina e di uno degli slicer più diffusi per SLA. Parleremo dei modelli recenti di stampanti sul mercato e delle pratiche per utilizzarle al meglio. Grazie all'esperienza di Luca e Michelangelo nella stampa SLA, saremo in grado di darvi consigli sulle stampanti e sulla preparazione dei file per la stampa. VAI ALLA DIRETTA
  21. Un valido esempio è WASP, che ormai da mesi ha ideato il sistema Pellet HD e lo propone a chi ha già una loro Delta sotto forma di upgrade. Allo stesso modo, la Delta 3MT parte già col sistema a pellet, chiaramente per la questione delle dimensioni.
  22. @Christian CP3D e @Marco Ardesi se fate prove o se testate materiali, vi invito ad aggiungere delle Schede materiale nel Database materiali della community! Lo linko qui: https://www.stampa3d-forum.it/database-materiali/
  23. La camera calda non è strettamente necessaria, anche se ben accetta la stampa in camera chiusa. Invece è importante avere un piano che scaldi a 60-90 °C senza problemi per evitare distacchi. La delaminazione può essere un problema, infatti consiglio di andare piano, magari 30-50 mm/s. I dati che sto condividendo riguardano in Nylon Carbonio, mentre il Nylon non caricato ormai sono anni che non uso. Però non andiamo molto distanti come parametri.
  24. Ottime le info! Io con il nylon non ho mai ottenuto buoni risultati. A breve proverò quello caricato carbonio. Credo che il nylon sia il polimero più difficile da stampare con le stampanti 3D FDM. Se non erro è obbligatoria la camera riscaldata altrimenti delamina. Poi non mi sono molto focalizzato sulla stampa del PA perchè ho conosciuto aziende che hanno impianti MJF che producono nylon in meno tempo. Avendo investito in molti sul PA in SLS o MJF lo ho lasciato stare...
  25. until
    In questa diretta ci mettiamo a disposizione. Solo per i nostri followers che seguono la diretta, sarà possibile chiedere informazioni e consigli sulla stampa 3D. Noi, attraverso anche le nostre conoscenze, riusciremo a guidarti verso una soluzione del problema relativo alla generazione del file da stampa o all'uso di una stampante 3D professionale.. In particolare, Marco Ardesi e Fabio Molinari potranno condividere lo schermo stampando a monitor lo slicer con il file in .stl. I partecipanti saranno Fabio Molinari, Andrea Morretta, Alberto Giori e Marco Ardesi. VAI ALLA DIRETTA
  26.  

×
×
  • Crea Nuovo...