Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

BMaker

Materiale idoneo a contatto alimentare per stampa 3D FDM

Recommended Posts

Sono alla ricerca di più informazioni possibili sui filamenti idonei al contatto alimentare:

  • certificazioni necessarie
  • componenti chimiche
  • eventuali accortezze nel processo di produzione/estrusione
  • accortezze nello sviluppo

Qualcuno ha esperienze?

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi rispondo da solo con una serie di informazioni che ho trovato in rete e mie constatazioni:

-> il filo deve ottenere approvazione FDA, che viene rilasciata a seguito di test chimici effettuati su un campione di filo. Il test viene eseguito da istituti o laboratori privati.

-> la base chimica più apprezzata è quella del PET o PETG (la plastica usata per le bottiglie d'acqua per intenderci), ma si trova anche PLA.

-> il processo di stampa 3D FDM prevede inevitabilmente la realizzazione di oggetti porosi. Ne consegue che sia sconsigliabile i riuso degli oggetti stampati a seguito del primo utilizzo a causa di quasi inevitabile proliferazione batterica.

-> come già sapevamo, esistono diversi filamenti già certificati in commercio ( PLA di Keytech, Taulman t-glase, Nanovia pla EF).

-> nel processo di estrusione degli oggetti è necessario usare un hardware dedicato: la stampante 3D, ma in particolare il blocco estrusore, non devono aver utilizzato altri materiali. Chiaramente, il rischio sarebbe quello di mischiare, anche se in minima parte, polveri di plastiche non idonee al contatto alimentare.

Ora aggiungo qualche domanda:

  • che parametri deve avere il materiale per ottenere certificazione FDA?
  • è disponibile sul mercato un materiale in granuli, dotato di certificazione FDA, che sia utilizzabile come base per estrudere un altro materiale?
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La certificazione fda viene rialasciata non solo per il tipo/qualità del materiale, ma impone delle specifiche molto strette per quanto riguarda la RUGOSITÀ del materiale. Onestamente non trattavo direttamente la cosa, ma lavoravo nel campo dosaggi, tra cui l'alimentare. Per esempio un'unità di dosaggio in inox 316 FDA ha una rugosità diversa(minore) rispetto alla stessa unità non FDA. Rugosità intesa per le parti a diretto contatto con il cibo. 

 

Dopo tutta la mia manfrina, vien da sé che la stampa 3d è in toto esclusa... Almeno la FDM... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Whitedavil grazie per aver condiviso la tua esperienza.

In realtà, come descritto in questa vecchia discussione sul forum, esistono materiali per stampanti 3D FDM dotati di certificazione (vedi il certificato allegato). Sicuramente il nodo sta nella "rugosità" che il processo di stampa prevede inevitabilmente.

Vorrei andare a fondo sulla questione e capire se effettivamente ci sono dei buchi di normativa e fin dove è possibile spingersi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Boh magari rivestendo con resina viene derogato qualcosa. Ovviamente resine o simili ad hoc

Anycubic kossel linear plus,
Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che il materiale e il suo processo produttivo creino un filamento certificato FDA non ci siano dubbi, ma il prodotto stampato sicuramente non potrà godere di tale certificazione. 

 

Per esempio un pezzo in pvdf lavorato e rifinito a cnc, per quanto sia "liscio" presenta i tipici "segni" di tale lavorazione e non passa l' FDA. Lo stesso pezzo in pvdf certificato, è talmente lucido che ti ci specchi quasi...

Non ti voglio smontare, ma almeno non perdi tempo. 

Se poi pensi ad oggetti "usa e getta", li non ti so dire

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Che il materiale e il suo processo produttivo creino un filamento certificato FDA non ci siano dubbi, ma il prodotto stampato sicuramente non potrà godere di tale certificazione. 
 
Per esempio un pezzo in pvdf lavorato e rifinito a cnc, per quanto sia "liscio" presenta i tipici "segni" di tale lavorazione e non passa l' FDA. Lo stesso pezzo in pvdf certificato, è talmente lucido che ti ci specchi quasi...
Non ti voglio smontare, ma almeno non perdi tempo. 
Se poi pensi ad oggetti "usa e getta", li non ti so dire
Questo è comprensibile. Ma allora i filamenti certificati alimentari che ragione d'essere hanno? Solo una tranquillità per piccola produzione casalinga monouso?

Anycubic kossel linear plus,
Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuttavia esistono 2 soluzioni, materiale antibatterico, ne ho visti un paio in giro e risolvono il problema della proliferazione, rivestimento in resina alimentare prochima che di per se e' certificata FDA

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Adryzz dice:

Tuttavia esistono 2 soluzioni, materiale antibatterico, ne ho visti un paio in giro e risolvono il problema della proliferazione, rivestimento in resina alimentare prochima che di per se e' certificata FDA

Il rivestimento in resina alimentare vorrei evitarlo: l'obiettivo sarebbe quello di evitare ulteriori finiture/lavorazioni oltre alla fase di stampa 3D.

L'uso di un materiale antibatterico a monte può certamente aiutare, ma non credo sia molto diverso da usare un materiale già dotato di certificazione FDA. O sbaglio?

La certificazione FDA prevede anche che il materiale sia antibatterico? Devo approfondire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, BMaker dice:

Il rivestimento in resina alimentare vorrei evitarlo: l'obiettivo sarebbe quello di evitare ulteriori finiture/lavorazioni oltre alla fase di stampa 3D.

L'uso di un materiale antibatterico a monte può certamente aiutare, ma non credo sia molto diverso da usare un materiale già dotato di certificazione FDA. O sbaglio?

La certificazione FDA prevede anche che il materiale sia antibatterico? Devo approfondire...

No piano, stai facendo confusione, il materiale certificato FDA puo' andare a contatto con gli alimenti, ma non vuol dire che sia antibatterico, i filamenti antibatterici a base di ioni di argento sono usciti da poco per evitare il discorso usa e getta delle stampe 3d per alimenti, in quanto essendo porosi creano di per se un ambiente idoneo alla proliferazione, e' un discorso molto complesso.

Tutto e' nato dallo sviluppo delle protesi 3d, che sulla pelle creavano eritemi e infezioni a causa dei batteri che ristagnavano, da li sono nati i filamenti antibatterici usati con successo per risolvere il problema, lo step successivo e' stato pensare di certificarli FDA per usarli anche per alimenti.

E per incasinarti ancora di piu' ti dico questo, se anche usi una stampante solo per quello puoi avere tracce di ptfe, di metalli, di rame, tutto quello di cui e' fatto l'estrusore, quindi dovresti cercare estrusori specifici che garantiscano il non inquinamento del prodotto finito.

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Adryzz spunti utilissimi, grazie!

Ora vorrei approfondire la questione sui filamenti antibatterici a base di ioni di argento... fornitori?

Riguardo l'uso della stampante 3D immaginavo servisse un hardware che, a sua volta, fosse fatto apposta per questo tipo di lavorazione. Magari qualche stampante FDM che sia vicina al mondo del dentale/medicale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora quelli che stampano con la cioccolata?  Voi sape quanti batteri ci son dentro, figuriamoci in un contenitore per alimenti fatti in 3d......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se parli di stampe di "cibo" per privati non c'è problema. Se ti prendi l'epatite perché ti sei mangiato un cioccolatino che ti sei stampato in 3d,a nessuno frega nulla. Ma se pensi di commercializzare i tuo cioccolatini, sbagli di brutto. Forse non immagini nemmeno a quali regole, rigide, che devono rispettare le industrie alimentari. L'utente del topic parlava di certificazione FDA che, appunto, ha a che fare con la produzione destinata al pubblico. 

Senza offesa assolutamente, ma il tuo intervento è completamente fuori luogo ed inutile. 😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/6/2019 at 16:37, Whitedavil dice:

Se parli di stampe di "cibo" per privati non c'è problema. Se ti prendi l'epatite perché ti sei mangiato un cioccolatino che ti sei stampato in 3d,a nessuno frega nulla. Ma se pensi di commercializzare i tuo cioccolatini, sbagli di brutto. Forse non immagini nemmeno a quali regole, rigide, che devono rispettare le industrie alimentari. L'utente del topic parlava di certificazione FDA che, appunto, ha a che fare con la produzione destinata al pubblico. 

Senza offesa assolutamente, ma il tuo intervento è completamente fuori luogo ed inutile. 😊

Non deve stampare il cibo, ma creare stampi adatti per il cibo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


I servizi di Stampa 3D forum

Seleziona il servizio che stai cercando:



  • Contenuti simili

    • Da Nicc0lo
      Buonasera ragazzi. Posseggo una stampante 3D Anet A8.
      Dal momento che mi ha sempre portato problemi fin dalle prime stampe, dovuti principalmente alla calibrazione sempre sballata della macchina, dopo la spesa iniziale per la stampante, data la delusione dai risultati ho stampato pochissimo. Ho deciso quindi di vederla a pochissimo prezzo (già assemblata, 50€ più filamento) e il mio potenziale acquirente mi ha chiesto di vedere una stampa di prova. Ho quindi deciso di stampare un Baby Yoda per il figlio di questo signore, quindi ho calibrato il piano, ho dato un ritocco all'asse Z, insomma l'ho settata come meglio potessi. E, di tutta risposta, la macchina mi ha nuovamente dato problemi: dopo la prima metà della stampa andata, devo dire, abbastanza bene, ha iniziato a lasciare dello spazio tra i layer a più riprese. Ho impostato il riempimento al 20%, definizione stampa 0.15, filo in PLA 1,75, piatto riscaldato a 60° ed estrusore a 200°. Come posso fare? Dove ho sbagliato? Sono disperato! 😥😥😥 Devo assolutamente venderla perché vorrei comprarne un'altra! Allego le foto del macello.




    • Da Cromo
      Ciao a tutti!
      Da tempo ho comprato questo PLA della Amolen che cambia colore a seconda della temperatura, solo che non sono mai riuscito a stamparlo per un problema (suppongo) di retrazione.
      Il filamento, come si vede in foto, dopo un tot. di retrazioni si blocca perché scavato dall'estrusore e la stampa continua senza estrudere.
      finché stampo cose tipo cubetti va tutto bene, ma se ci sono tante retrazioni finisce sempre male.. Penso sia dovuto al fatto che l'estrusore utilizzato è un Titan, ma sinceramente non so dove metter mano per risolvere il problema. 
      Meno distanza di retrazione? Meno velocità di retrazione? Aumento/diminuisco la forza della molla dell'estrusore? 
      Grazie in anticipo per le risposte 🙂 





    • Da Leo683
      Sono già 5 stampe che mi vengono così, anche di oggetti diversi, ho provato a sostituire l'hotend con uno nuovoma non si è risolta la cosa. Credo sia un problema di temperatura, ma non dipende dall'hotend nè dal file gcode. La mia ipotesi è che la scheda madre non riceva il segnale del sensore di temperatura (termometro) e quindi non attivi la resistenza credendo che la temperatura sia fissa a 200°. C'è qualcuno che ha avuto il mio stesso problema o che mi potrebbe aiutare a risolverlo? Grazie

    • Da TheRed
      Salve, buongiorno. Sono nuovo in questo forum e volevo esporvi il mio problema riguardo ad alcune stampe che vi metto in allegato. Premetto che sono un neofita nel settore avanzato della stampa 3D.
      Sono in possesso di una anycubic i3 mega. Purtroppo, dopo aver cambiato filamento e andato ad effettuare varie stampe di prova, ho notato che le mie stampe non venivano affatto bene. I layer non erano ben attaccati tra loro e si venivano a creare degli spazi vuoti tra di essi.
      Dapprima ho pensato che il problema fosse il motore spingifilo con il suo ingranaggio di spinta. Gli ho dato un'occhiata e una pulita (anche se non era necessaria) ma non è cambiato nulla.
      Allora ho deciso di controllare la bobina di PLA nuova di zecca che avevo inserito nella stampante. Al tatto è ok, leggermente rugosa ma per lo più liscia e soprattutto morbida (a detta del venditore tutto normale essendo fatta al 100% in amido di mais e patate). Scorre bene all' interno della stampante e non vi sono problema nell'estrusione. Tuttavia decido di riprovare con un altra bobina dello stesso tipo per vedere se è un problema di materiale. Ma niente, il problema persiste.
      Decido quindi di fare varii test di velocità nelle stampe. Prima 30 mm/s, poi 40 e infine 50. Niente da fare. C'è sempre lo stesso problema.
      Infine decido di controllare la temperatura. Prima son partito da 195°, poi dopo un po' 200, 205 e così via fino a 220° (il piatto sempre a 55°). La situazione sembrava essersi messa posto a 200° circa ma niente.
      Il risultato sono delle stampe che appena le prendi in mano si sbriciolano. Rugose e fragili. Sembrano fatte in carta pesta. Addirittura alcune stampe si sono sbriciolate mentre le toglievo dal piatto🤣🤣.
      Qualcuno ha idee su come risolvere? Ho consultato diverse guide e lo stesso venditore del materiale, ma non sono riuscito a venirne a capo. 




    • Da AlexPA
      Tornato di recente al Direct, ho provato stampa (PLA Real Filament oro) cubo 20x20x20. File da G Code su SD Card, Simplify 3D (retrazione 0,3mm, vel. retrazione 1800mm/min, sollevam vert. retrazione 0,10mm, temperature 205/40° come suggerito dal produttore Real). 
      (Tentativo del) Primo strato: una schifezza, visibile nella foto.
      (Tentativi degli) Strati successivi (video): l'ugello si alza troppo dal piatto, il filamento non viene nemmeno tirato tra gli ingranaggi(!!).
      A cosa potrebbe essere dovuto il filamento non trascinato? Vite molla troppo stretta o allentata?
      @Killrob come da tuo suggerimento https://www.stampa3d-forum.it/forum/topic/10515-lo-z-offset-deve-toccare-il-piatto/?tab=comments#comment-77911 dopo che ho alzato l'ugello a 50mm, ho fatto la correzione da te suggerita ("50/47*400 = 425.53 questi sono i tuoi nuovi stepmm"), ma il nuovo valore non viene memorizzato una volta inserito da display.
      Come ho visto da un vecchio post dove chiedevo consigli, dovrei inserire da G Code le righe M92 Z425.53 e M500 per salvare il nuovo valore. Corretto?
       
      VID_20200420_113241.mp4 VID_20200420_110458.mp4

  • Discussioni

  • Collaboratori più popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.