In tutte le competizioni arriva il momento di applaudire gli sconfitti e di donare ai vincitori il simbolo stesso della gara: il premio. Anche in questo caso, come in tutti i progetti su commissione, l’oggetto deve rappresentare fedelmente le caratteristiche che gli organizzatori dell’evento ritengono fondamentali, oltre ad essere esteticamente appariscente e dettagliato. E’ proprio per mostrarvi questo processo – creativo e professionale – che oggi vi presento il progetto prodotto da 2be3Dstudio di stampa 3D e prototipazione rapida con sede a Roma, per il festival di cortometraggi Roma Creative Contest 2015.

2be3D – La progettazione del premio

Il Roma Creative Contest è un evento annuale dedicato al cinema indipendente e alle produzioni di giovani video makers. Organizzato e promosso da uno staff under 30, l’obiettivo del concorso è quello di dare la possibilità a chiunque abbia talento di godere di una visibilità internazionale, mantenendo uno stile giovanile e irriverente. E’ proprio questa l’essenza che 2be3D doveva cercare di riproporre in chiave diversa, stampandola in 3D.
2be3D Nel video teaser realizzato durante le fasi della lavorazione – e che trovate in alto come anteprima o a questo link su youtube – è possibile capire come si è suddiviso l’intero procedimento di realizzazione, dalla creazione del modello 3D fino alla sua realizzazione in stampa 3D e al seguente trattamento di post-produzione.

Nella fase di ideazione e costruzione del modello 3D sul software, i ragazzi di 2be3D si sono concentrati nel rispettare i tratti e le linee guida che il committente aveva fornito, dando forma a un file che sia stampabile con il livello massimo di dettaglio. A seconda delle caratteristiche dell’oggetto in esame l’approccio alla modellazione può avvenire con diverse tipologie di modellazione tridimensionale – per approfondire questo tema vi rimango alla nostra guida ai software di modellazione 3D.
2be3D Una volta concordate tutte le specifiche del modello, si passa alla sua ottimizzazione in termini di resa estetica e si vanno a sistemare tutte le possibili eventuali criticità, in modo tale da giungere ad un modello che renda il massimo della qualità.

Arrivati a questo punto non resta altro che dare vita a quello che fino ad ora non è stato altri che un’insieme di coordinate e punti in uno spazio virtuale: è il momento di lanciare la stampa 3D.
2be3D La stampante 3D utilizzata da 2be3D per questa lavorazione è la 3D Systems Projet 660C, una top di gamma nella famiglia delle stampanti a tecnologia CJP “Color Jet Printing”. Questa tecnologia lavora con un materiale polveroso di nome “Sandstone”, comunemente chiamato “polvere di gesso”, il quale viene, strato dopo strato, incollato e colorato solo nella sua sezione più esterna.
Questa tecnologia ha inoltre due ulteriori vantaggi: colora direttamente in fase di costruzione il modello, con oltre 6 milioni di tonalità differenti, e non ha limiti di costruzione in quanto l’oggetto è sempre supportato dalla polvere in eccesso che non costituisce parte di esso.

Tutto questo si traduce in grande dettaglio (0,1 mm) su tutti e tre gli assi di costruzione X Y Z, sia superficiale che di texture, e tempi di realizzazione molto bassi. 
Infatti la CJP è anche una delle tecnologie di produzione additiva con maggiore velocità sull’asse Z (circa 30 mm/ora) e la stampante stessa è predisposta di spazio apposito per la pulizia e la post-produzione del pezzo a fine stampa.
2be3D
L’oggetto ottenuto dopo circa 4 ore di stampa, qualche passaggio di finitura e controllo qualità, è il risultato di tutta una serie di processi che, se gestiti professionalmente, si traducono nella coesistenza di design e originalità. Ed è proprio questo il risultato che in 2be3D sono riusciti a ottenere, racchiudendo il messaggio personalizzato in base allo stile che il committente aveva richiesto, esaltandolo e facendone percepire i valori al semplice sguardo.
2be3DQuello per il Roma Creative Contest 2015 non è il primo premio stampato in 3D da 2be3D, l’azienda aveva già realizzato il premio Broadway Awards 2014 per il Music All Party e gli Apulia Awards 2015 nel pittoresco Castello di Palagianello in Puglia. Insomma, questi ragazzi di Roma non sono nuovi a questo tipo di lavori e, ammettiamolo, sanno come gestirli.
Per conoscere meglio 2be3D, ecco il link al loro sito.