Polar 3D: la prima stampante 3D a muoversi su coordinate polari

    Si chiama Polar 3D e il nome non poteva essere più eloquente trattandosi della prima stampante 3D a muoversi su coordinate polari. Una macchina semplice quanto innovativa con un design minimale.


    Il progetto nasce nel 2013 a Cincinnati, in Ohio (Stati Uniti), con lo scopo di espandere la tecnologia di stampa 3D all’interno della didattica. Il team si prospetta di dare un nuovo volto all’apprendimento permettendo agli studenti di toccare con mano le proprie creazioni prodotte con software CAD e di creare soluzioni innovative per i problemi di ogni giorno.

    polar-3d-2Il mezzo con cui ottenere tutto ciò è la Polar 3D, presentata ufficialmente al CES di Las Vegas e che ha ottenuto grandi consensi da parte del pubblico e degli addetti ai lavori.

    La tecnologia che muove la Polar è la prima del suo genere. L’estrusore si muove sull’asse Z mentre è il piatto di stampa a fare il resto: è un vetro circolare che ruota su se stesso e trasla sul piano X-Y. Il piatto può compiere una traslazione massima di 10.15 centimetri rispetto al suo asse centrale, il che, combinato alla rotazione, permette di ottenere un diametro massimo di stampa di 20.3 centimetri.

    Le specifiche tecniche complete sono le seguenti:

    -Tecnologia di stampa:

    FDM

    -Volume di stampa:

    20.3 Diametro x 15.2 altezza (cm)

    -Risoluzione dei Layer:

    50 – 400 Micron – preimpostati come: High 150 Micron, Med 250 Micron, Low 320 Micron

    -Diametro filamento:

    1.75 mm

    -Diametro estrusore:

    0.4 mm

    -File supportati:

    .stl, .obj, .p3d

    -Dimensioni della stampante:

    32 x 20 x 35.5 (cm)

    -Connettività:

    Wi-Fi, Ethernet, USB.

    E’ dotata di una telecamera in grado di riprendere a 1080p per monitorare il processo di stampa.

    polar-3d-3polar-3d-4

    Al CES, Polar 3D ha introdotto inoltre tre interessanti iniziative per la promozione è lo sviluppo del loro progetto:

    – il “Polar ambassador program” invita gli educatori e gli studenti a svolgere ruoli di veri e propri ambasciatori della missione Polar rappresentandola negli altri paesi fuori dagli Stati Uniti;

    – il “Polar Cloud” è una piattaforma social di condivisione di esperienze, progetti e di file;

    – la Polar Challenge” prevede l’organizzazione di contest in cui ci saranno in palio proprio delle stampanti Polar 3D.

    Il tutto è un intero ecosistema studiato attorno alla vera innovazione della stampante 3D Polar per permetterne la diffusione a livello didattico; e proprio per questo il prezzo proposto alle scuole e agli studenti subisce un brusco ridimensionamento fino ad arrivare ai 599 dollari, rispetto ai 799 dollari necessari per portarla a casa al prezzo di listino.

    polar-3d-7 polar-3d-6 polar-3d-5