Vai al contenuto

CR10s Piatto riscaldante Impazzito


 Condividi

Messaggi raccomandati

Salve a tutti. P0chi giorni che posseggo questa CR10S e ho visto cose che non pensavo fossero possibili e sono piu convinto di sempre che quello della stampa 3d e' veramente un mondo complicato.

Dopo aver sudato per installare il BLTouch (quello, credo, buono) e aver scoperto che sulla mia MB v2.2 il BLTouch v3.1 devo invertire i cavi del sensore per farlo funzionare, adesso dopo poche stampe di prova il piatto mi da i numeri. Ho tolto il vetro e installato la copertura magnetica flessibile Creality, e gia' qui ho avuto problemi perche' il piatto e' molto piu basso e livellarlo a 0.2 per il BLTouch e' stato complicato in quanto le rotelle (perdonate la mancanza di proprieta' di linguaggio ma dopo soli 8 giorni..)sono praticamente svitate al massimo. Poi sta copertura magnetica non mi sembra il massimo per l'aderenza, probabilmente sbaglio qualche cosa. Ho scaricato 3 files da thingverse per fare un case per raspberry e ho dovuto impostare la temperatura del piatto a 65 gradi per farlo attaccare. Il primo pezzo lo ha stampato, ma con qualce imperfezione. Con il secondo sono nati i problemi. Per farlo attaccare ho riportato la temperatura a 55 gradi e' ho selezionato la creazione dello strato di adesione al piatto e lanciato la stampa. dopo 2 ore circa si ferma il tutto con un "thermal error" e richiesta di reset. Avevo letto su una precedente discussione di un problema simile, dove si suggeriva di riavviare la stampante, ma tutto uguale. Ho notato poi che inviando la stampa, sia da Cura 4.3 che da TF nella fase di pre riscaldamnto, il piatto resta alla stessa temperatura fino alla comparsa dell errore. Ho controllato se i cavi fossero ben saldati al piatto e qui nessun problema. Ho controllato che ci fosse continuta tra il plug che va all unita centrale della stampante e il piatto e anche qui no problem.

Ho aperto l'unita centrale e controllato anche la continuita' dei 3 cavi che alimentano il piatto e tutto ok. Ho acceso e controllato l'alimetazione e ho 13.7V verso il mosfet, ma nulla in uscita anche se avviavo una stampa con piatto impostato a 50 gradi. Dopo 20 minuti ho rifatto il test e avevo 12.7V verso il piatto in uscita dal mosfet. Sembrava fosse tornata in vita per qualche motivo. Rimontato tutto e mandata la stampa. Il piatto arriva a 52 e poi inizia scendere lentamente, mooolto lentamente. Ovvio la stampa non parte. Per la mia microscopica esperienza in elettronica sembra come se il mosfet andasse in protezione o non sia in grado di supportasre il carico. E mai possibile? Qualcuno ha avuto problemi simili? Se dovesse essere il Mosfet c'e' in giro qualcosa di meglio?

Grazie a tutti per l'aiuto

 

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

dunque...  si è un mondo complicato specie con le nostra stampanti a basso budget.

Iniziamo col dire che se il piatto si accende il mosfet non si è bruciato.... una volta bruciato non riparte più.

Tra i tanti aggiornamenti francamente un mosfet esterno è il primo che consiglio... solo perchè se si strina si brucia lui e non la scheda madre.

Mi viene in mente che avendo tu cambiato notevolmente il bed, forse dovresti rifare il pid del piatto se puoi (sulla mia non si può con il firmware attuale), il pid in pratica è il "profilo termico" del tuo piatto ovvero quello che la stampante sa su quanto ci vuole a scaldarlo, in quanto tempo si raffedda etc etc... tu lo hai cambiato molto quindi avrà un comportamento termico diverso.

e' l'unica cosa che mi viene in mente.

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Si può avere una foto del piatto magnetico? Se non sono quelli sottili stile ultima Prusa io li sconsiglio vivamente, mi ci sono trovato malissimo.

Da quanto è l'alimentatore (V e A)? Il mosfet non dovrebbe essere perché come ti ha detto @marcottt se salta il mosfet sulla scheda non parte più. Potrebbe essere un problema di alimentatore.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

3 minuti fa, marcottt dice:

se l'alimentatore è come nella mia, ovvero i 12v che escono servono un po' a tutto e non discriminano l'alimentazione del piatto rispetto a quella della sta, allora no perchè non accenderebbe neanche la logica stampante.

Hai perfettamente ragione, prende i 12V anche la scheda sulla stessa linea del piatto per cui se scende dovrebbe spegnersi/riavviarsi. In effetti quando mi è capitato sulla delta appena partiva il riscaldamento del piatto mi si resettava la scheda.

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, marcottt dice:

dunque...  si è un mondo complicato specie con le nostra stampanti a basso budget.

Iniziamo col dire che se il piatto si accende il mosfet non si è bruciato.... una volta bruciato non riparte più.

Tra i tanti aggiornamenti francamente un mosfet esterno è il primo che consiglio... solo perchè se si strina si brucia lui e non la scheda madre.

Mi viene in mente che avendo tu cambiato notevolmente il bed, forse dovresti rifare il pid del piatto se puoi (sulla mia non si può con il firmware attuale), il pid in pratica è il "profilo termico" del tuo piatto ovvero quello che la stampante sa su quanto ci vuole a scaldarlo, in quanto tempo si raffedda etc etc... tu lo hai cambiato molto quindi avrà un comportamento termico diverso.

e' l'unica cosa che mi viene in mente.

Ciao, grazie per l info. Ma come si fa il pid?

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, marcottt dice:

se l'alimentatore è come nella mia, ovvero i 12v che escono servono un po' a tutto e non discriminano l'alimentazione del piatto rispetto a quella della sta, allora no perchè non accenderebbe neanche la logica stampante.

Ciao,

L'alimentatorer e' lo standard dell CR10s, 12v. Ho seguito il video consigliatomi su questo forum per regolare al meglio la vpr per i motori  e quindi ho in uscita un 13.8V circa. l'alimentare serve tutto sulla stampante.

Link al commento
Condividi su altri siti

18 minuti fa, Madk71 dice:

Ciao, grazie per l info. Ma come si fa il pid?

Se hai Marlin, colleghi il PC alla stampante e da riga di comando (es con un programma tipo Pronterface) dai:

M303 E-1 S60 C8

Dove E-1 indica il bed, S è la temperatura target per il PID (60° in questo esempio) e C è il numero di cicli che vuoi effettuare per la taratura dei PID. Modifica a piacere sulla base delle tue esigenze.

li usi con il comando M304 

M304 [D < value >] [I < value >] [P < value >]

Dove al posto di "<value>" ecc devi inserire i valori per D, I e P che ti vengono stampati a schermo dal comando precedente (M303).

Salva in memoria con M500.

Qui trovi e dettagli:

http://marlinfw.org/docs/gcode/M303.html

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, invernomuto dice:

Si può avere una foto del piatto magnetico? Se non sono quelli sottili stile ultima Prusa io li sconsiglio vivamente, mi ci sono trovato malissimo.

Da quanto è l'alimentatore (V e A)? Il mosfet non dovrebbe essere perché come ti ha detto @marcottt se salta il mosfet sulla scheda non parte più. Potrebbe essere un problema di alimentatore.

 

Ciao, il mio alimentatore, come dicevo prima, e' quello standard dell cr10s da 12v che aiimenta tutto.

Di seguito le foto del copertura del piatto. praticamente c'e' questo adesivo che ho attaccato sul piatto originale della cr10s e su ci va la copertura flessibile che si attacca magneticamente. Spero di non aver preso una schifezza (anche se sembra funzionare male) lho pagata piu' di 30 euro.

20191216_135831.jpg

20191216_135853.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...