Vai al contenuto

invernomuto

Membri
  • Numero contenuti

    2.202
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    51

invernomuto ha vinto la giornata in 14 Giugno

invernomuto ha avuto il contenuto più apprezzato!

Reputazione Forum

1.517 Excellent

1 Seguace

Su invernomuto

  • Grado
    Evangelista

Profile Information

  • Sesso
    Male
  • Città
    Torino

Visite recenti

1.285 visite nel profilo
  1. Uno scanner 3d? Da immagini / video non ho idea.
  2. Corretto. Il grosso equivoco è considerare il WD40 un lubrificante, non lo è e fa danni se usato come tale.
  3. Come ti hanno detto, controlla delicatamente che gli assi X e Y della stampante scorrano senza intoppi. Le cinghie sono tese? E' un classico che se non sono tese la cinghia salti e ti faccia uno spostamento di un layer.
  4. Semplicemente fai la classica verifica del piatto con il foglio di carta quando l'ugello è a zero, porti il nozzle più vicino al piatto agendo sulle molle o sui parametri che usi per la calibrazione. Splend'or classica da 1,50 euro bomboletta grande. Perché la stampa 3d non è una scienza esatta, basta che hai scalibrato il piatto staccando i precedenti pezzi e non hai più la situazione di partenza. Oppure piatto sporco, ecc. Con la lacca risolvi, puoi stampare pure a piatto quasi spento (non certo 75° per il PLA). Se è inumidito te ne accorgi perché fa tanti fili e le s
  5. O sei alto oppure ti conviene usare uno spruzzo di lacca, fai molto prima con i piatti in vetro.
  6. Se i 3 assi X, Y e Z li calibri con il classico cubo di calibrazione, allora conviene prima step/mm estrusore e flusso. Poi stampi il cubo e vai a calibrare la precisione dimensionale degli assi. Se invece calibri gli assi misurando gli spostamenti, puoi farlo nell'ordine che ti pare. Ovviamente flusso post step / mm dell'estrusore.
  7. Come ti ho detto se stampi miniature è sicuramente utile, si trovano un sacco di pezzi da stampare con molto dettaglio e va ad essere complementare alla stampa FDM: es, per elementi scenici poco dettagliati e grandi, vai di FDM, per cose con molti particolari e piccole, resina. Concordo con te che il post stampa è una rottura, io la uso molto poco, DEVI farti l'angolo del piccolo chimico separato dal resto della casa, una FDM puoi pure tenertela in camera (non salubre ma OK se stampi PLA e non soggiorni quando stampa), una resina per me non puoi tenertela dove stai.
  8. In generale non devi avere punti di sforzo lungo i punti di contatto dei layer se vuoi una stampa più resistente alla sollecitazione, specie per oggetti piccoli dove non puoi più di tanto agire con perimetri e infill. Pertanto se l'oggetto è una colonnina e la colonnina è soggetta ad una trazione lungo la sua verticale o a punti si forzo lungo la verticale (es, una pressione laterale), se la vuoi più resistente ti conviene stamparla in orizzontale.
  9. Non me ne intendo, ma ho sentito in canali di "guru" di stampanti a resina che basta ridurre un po' i tempi in cui il LCD sta acceso per molto tempo (i bottom layer) per avere LCD che durano decisamente di più. Onestamente non ho le competenze per verificare o meno questa affermazione, ma ho ridotto i bottom layer e le stampe vengono molto bene lo stesso. Se non stampi figurini o figure ultra dettagliate, per me la resina è completamente inutile. Io uso decisamente di più la FDM...
  10. Infatti io ho rinunciato all'upgrade dello schermo al mono. Velocità a parte, costano 3 volte tanto rispetto a un normale LCD RGB e anche un normale LCD RGB lo fai durare qualcosa in più se non fai 60s di esposizione per 15 bottom layer. Ti dirò, per l'uso che ne faccio io sono proprio due mondi completamente diversi. Tendenzialmente uso FDM per tutto quello che non sono miniature / figurini. Sì, comunque una Photon S si trova a meno di 200 euro spedita dall'EU. Tornassi indietro prenderei direttamente una wash and cure machine, ormai si trovano sui 110-130 euro.
  11. Premesso che le ultime versione di cura dovrebbero aver implementato delle migliorie sui supporti (custom support), senz'altro se stampi miniature conviene prendersi la resina. Hai risultati nettamente migliori, è MOLTO peggio il post stampa (pulizia con detergenti, polimerizzazione UV, ecc) ma i risultati sono strabilianti. Aggiungo inoltre che hai molti meno problemi di settaggio della stampante, metti quattro parametri in Chitubox e sei a cavallo, una volta trovati i parametri è difficile sbagliare le stampe. Per contro, la manutenzione della macchina è un po' peggiore, fep e resina vanno p
  12. Sicuramente hai una maggiore precisione, al costo di una maggiore frequenza di intasamenti o altro e ovviamente un aumento dei tempi di stampa. Io li ho provati per dei pezzi molto piccoli, ottieni particolari che non riesci a realizzare con un ugello più grande. Il problema non è la marca di stampante (puoi certamente abbassare la velocità per ottenere stampe più precise) ma probabilmente, come ti hanno risposto sopra, di settaggi. Partirei da una classica calibrazione degli assi per vedere che sia tutto OK (in altre parole, se sposti gli assi di 10cm si devono spostare effettivamente
  13. personalmente ho abbandonato le gole all metal, ho provato per un po' quelle in titanio ma avevo problemi con bowden + TPU, materiale che ultimamente sto stampando molto. Nessun problema con quelle al teflon. Ti chiedevo per capire se la situazione era simile. Proverei, se non lo hai già fatto, con la pasta termica da applicare sulla gola, se non funziona è come ti hanno già detto gli altri un problema di estrusore probabilmente non idoneo al modo in cui lo utilizzi (camera termica).
  14. Io con il V6 in mano lo tenevo tranquillamente in mano dal bordo in metallo dove entra il tubo in PTFE con il blocchetto sui 180°, senza ventolina (da 30mm) montata. Ha una ottima dissipazione passiva. Era sicuramente caldo ma non era da ustione. Eh ma appunto. Io ho stampato con 25°-30° di temperatura ambiente con una ventolina da 30mm senza problemi. Se lui ha problemi con la camera termica *spenta* a 35° (e con 15° di temperatura ambiente fuori!) e gli si intasa così spesso il nozzle forse il problema è altrove, non so quanto gli faccia il passaggio ad una 40mm, specie quando accend
  15. Per caso hai una gola all metal? Per la ventola anche secondo me non deve soffiare ma aspirare, ma se ci sono 35° nella camera di riscaldamento non è che una ventola da 40 mm può fare molto.
×
×
  • Crea Nuovo...