Crescita della stampa 3D: i dati rilasciati da 3D Hubs – Agosto 2014

    Crescita della stampa 3D: questione reale o visione futuristica? Per capirlo non esiste modo migliore che analizzare dei dati attendibili. Ogni mese 3D Hubs rilascia dei dati provenienti da un’analisi dei propri database. Questi dati, oltre a servire all’azienda per capire come e con che velocità sta crescendo, interessano anche a noi per vedere come il mondo della stampa 3D si sta evolvendo. Dopo un primo sguardo ai dati di agosto 2014 una cosa è certa: sì, la crescita della stampa 3D è reale.

    I TRENDS

    Se alla settimana numero 10 dall’apertura 3D Hubs ospitava 290 stampanti 3D, oggi – ossia alla settimana numero 67 – vanta 6377 stampanti 3D a livello globale. Questo significa che nel giro di un anno abbiamo assistito ad una crescita esponenziale del fenomeno, dimostrando a chi era scettico che il mercato è in crescita e che, confermando le previsioni, lo rimarrà ancora per almeno qualche anno (come si raccontava in questo articolo qualche mese fa).

    CRESCITA DELLA STAMPA 3D: LA QUALITA’ CONTA

    Lo sappiamo, 3D Hubs permette l’incontro tra una domanda e un’offerta. La domanda proviene da chi richiede il servizio di stampa 3D e il prossimo dato riguarda proprio questa tipologia di consumatori. Secondo gli utenti di 3D Hubs, le stampanti 3D Projet 660 e Zcorp sono quelle che stampano con maggiore qualità. Si parla di macchine professionali, poco comuni sul territorio, questo dato però ci dimostra come i professionisti che utilizzano queste stampanti per il proprio lavoro si siano aperti ad una nuova tipologia di clientela. Dopo tutto, se il mercato chiama, l’imprenditore risponde.

    crescita della stampa 3d QUALITà

    LE STAMPANTI 3D PIU’ COMUNI

    Ecco sorgere una prima domanda. Sull’offerta di oltre 6000 stampanti 3D di 3D Hubs, quali sono le stampanti 3D più comuni? Potete vedere la risposta nel prossimo grafico:

     crescita della stampa 3d

    Makerbot è in testa alla classifica delle stampanti più comuni su 3D Hubs con la Replicator 2, a ruota troviamo la Ultimaker 1 e, al terzo posto, la Prusa i3. Notiamo anche altri dati significativi:

    • nelle cinque prime posizioni, quattro sono occupate da Makerbot e Ultimaker, le quali si guadagnano il primato di aziende più comuni su 3D Hubs;
    • RepRap arriva a ruota in sesta posizione, ma in quanto a quantità rimane indietro;
    • sono ben due le italiane in classifica: la Sharebot NextGeneration e la PowerWASP.

    Makerbot domina globalmente con le sue Original, 5° generazione, Replicator 2 e 2X, rappresentando complessivamente 1206 hubs. Un quinto dell’offerta totale. La Replicator 2X domina il Sud America mentre la Repicator 2 gli USA e l’Asia. L’Europa rimane invece di Ultimaker.

    crescita della stampa 3d

    CHI VENDE DI PIU’?

    Ma se si sta assistendo ad una “crescita della stampa 3D”, allora ci sarà anche una crescita nella vendita di queste macchine. Allora quali sono le stampanti che stanno vendendo di più?


    Trending_Printers_August

    La Da Vinci 1.0 è in forte crescita, probabilmente grazie all’azione di marketing di XYZprinting che lancia la Da Vinci con un prezzo low cost rispetto ad altre concorrenti. La Replicator 5° generazione rimane in classifica ma scende, perdendo la gara con la Robo 3D printer e l’Afinia H480. Le stampanti 3D economiche stanno dando del filo da torcere alle grandi ormai conosciute, dimostrando che  comunque il prezzo conta.

    CRESCITA DELLA STAMPA 3D: UTILIZZO

    Se siete curiosi da sapere per cosa sono utilizzate le stampanti di 3D Hubs, ecco la risposta. Oltre la metà delle richieste riguardano prototipi e oggetti di hobbistica, il resto sono gadget, modelli, oggetti per la casa, oggetti d’arte o fashion.

     crescita della stampa 3d

    STAMPANTI 3D NELLE CITTA’

    Ultima chicca: secondo voi, qual’è la città con più stampanti 3D al mondo?

    Top_Print_Cities_August_0

    Milano! Sappiamo che 3D Hubs sta lavorando molto bene in Italia, ma bisogna ammettere che il nostro paese è stato molto ricettivo per quanto riguarda queste nuove forme di business, anche nei privati.

    Insomma, ad un primo impatto sembra che le cose si muovano a grande velocità. Da un lato troviamo le aziende produttrici di stampanti 3D, le quali procedono con la battaglia per accaparrarsi più clienti possibili; dall’altra la richiesta di consumatori che si avvicinano sempre di più a stampanti professionali, probabilmente perché offrono un rapporto qualità/prezzo maggiore.
    Intanto, se anche voi volete rimanere aggiornati sui dati pubblicati da 3D Hubs, basta inserire il vostro indirizzo email a questo link. Impossibile prevedere come si evolveranno le cose nei prossimi mesi, ma di sicuro noi saremo qui a raccontarvi cosa starà succedendo.