Vai al contenuto

Microstepping mito e realtà


Tomto
 Condividi

Messaggi raccomandati

Allego un PDF di un sito specializzato , riguardo ai microstep( il link si trova nella pagina reprap wiki che mi è stata girata da @iLMario).

Ricordiamoci che la configurazione più diffusa sulle prusa è: puleggia GT2  a 20 denti motore 1.8° e consente ad 1/16 di step una precisione teorica di posizionamento di 12,5 micron (0.0125 mm è c'ho fatto caso da poco )

Nel pdf viene evidenziato che un alto numero di m/step (da non confondere con i 256 interpolati) facciano perdere coppia al motore e non è detto che diano più precisione

A mio parere non ci sono driver migliori di altri (salvo alcuni casi e riferendosi sempre al nostro tipo di stampanti) ma driver che possono essere utili alle proprie esigenze

io ho 4 tipi di driver :

  1. A4988 (in dotazione con la stampante) 
  2. DVR 8825 che ho restituito non perchè non fossero buoni, ma perchè non abbastanza silenziosi per i miei standard
  3. TMC 2208 sulla trigorilla a 8bit
  4. TMC 2130 sulla 32 bit

Quindi non mi costerebbe nulla utilizzare driver di diverso tipo a qualunque configurazione microstep.   

Sulla 32 bit potrei portare i m/step dei tmc (o prenderene un' altro tipo che lo consentano alti m/step)  fino a 256 effettivi non interpolati , ma sarebbero inutilizzabili . Fino a poco tempo fa pensavo il contrario. Per raggiungere tali valori , e conservare alta coppia avrebbero bisogno di encoder rotativi (inutili nelle nostre configurazioni a basso costo ) come i motori brushless trifase.

Ho menzionato i miei driver giusto per far capire che quanto riportato, nel post , non è perchè se sostengo che troppi micropassi forse non vanno bene , è perchè non li  posso ottenere, ma solo che bisogna fare attenzione al mito "più micropassi più precisione"

In sostanza meglio non eccedere con i microstep effettivi con il rischio che il motore perda passi (poi uno può decidere anche di impostare 1/64 ,basta che il motore non perda passi alle velocità desiderate) 

Se mi sono spiegato male fatemelo presente . Preciso : questa è la mia attuale opinione , posso anche ricredermi

 

6_Microstepping WP (1).pdf

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

copio e incollo e quoto ilmario pero aggiungo che hai ragione e mi fido di quel che hai detto tu 😉

devo ancora capire cosè una trigorilla credevo fosse il seguito di king kong 2 io di elettronica sono a digiuno quasi

😳

🤔

piu che spiegato male direi che manca una lezione base proprio al primo approccio a tale argomento direi 🙂 è uno spunto per una nuova discussione 🙂

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

9 minuti fa, iLMario dice:

Io di questo argomento non ci capisco nulla, di conseguenza non ho capito nulla di quello che hai detto 😄

in sostanza anche se hai una 8 bit a 1/16 può essere precisa lo stesso(una precisione "relativa " che con i fdm cinesi...) .Se passi ad una 32 con l'intento di avere più microstep e quindi più precisione secondo me fai una cazzata , i motori dovrebbero, in teoria andare a basse velocità in particolare sulle prusa che hanno il carrello pesante, una core xy potrebbe già andare più veloce , per via delle minori masse in movimento. I vantaggi che hai con una 32 bit sono altri . In linea di massima una 32 bit è meglio, male stampanti che ne traggono più giovamento sono le delta e le core xy

Cito il magokimbra :

Perché una delta si avvantaggia delle schede a 32 bit? Semplice, perché mentre per una cartesiana il comando spostati da X 0 a X 10 vuol dire spostarsi di 10 mm su quell'asse e l'unico calcolo che deve fare il processore è moltiplicare 10 per il numero di passi per fare 1 mm. Se per esempio per fare un 1 mm ho bisogno di 80 passi il processore farà 10 per 80 e saprà che deve muoversi di 800 passi per fare i 10 mm del comando... Nelle delta invece c'è tutta una geometri dietro che necessita di calcoli trigonometrici, perché per muovere di 10 mm su X deve muovere tutti e tre i carrelli di un tot che è il risultato di questi calcoli. Quindi il processore lavora di più, molto di più, moltissimo di più, ci sono radici e potenze da calcolare il tutto moltiplicato per tutti e tre le torri. Quindi a parità di processore su una delta si riduce drasticamente velocità e risoluzioni massime...
Tieni anche presente che il processore, sempre lui, deve nel frattempo che esegue i comandi, controllare le temperature, controllare i pin se ci sono segnali strani (endstop o altro), leggere le temperature dai convertitori analogici digitali, calcolrarne il vero valore secondo delle tabelle dl tuo sensore, dare le informazioni al LCD etc etc, quindi altre miriade di cose da fare e nel frattempo deve calcolare il tutto per muoversi. E infatti sulle delta il mega comincia a far sentire, moto di più che su altri tipi di stampanti, i suoi limiti. Se vai a basse velocità e non chiedi troppo al processore poverino ce la fa pure, ma se lo spingi troppo rischi blocchi... Ed ecco che le 32 bit sulle delta fanno si che possano spingersi a velocità più alte, meccaniche permettendo...

 

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

22 minuti fa, jagger75 dice:

devo ancora capire cosè una trigorilla credevo fosse il seguito di king kong 2

Vi prego, bannatelo.... moderatore intervieni!

7 minuti fa, Tomto dice:

in sostanza anche se hai una 8 bit a 1/16 può essere precisa lo stesso(una precisione "relativa " che con i fdm cinesi...) .Se passi ad una 32 con l'intento di avere più microstep e quindi più precisione secondo me fai una cazzata , i motori dovrebbero, in teoria andare a basse velocità in particolare sulle prusa che hanno il carrello pesante, una core xy potrebbe già andare più veloce , per via delle minori masse in movimento. I vantaggi che hai con una 32 bit sono altri . In linea di massima una 32 bit è meglio, male stampanti che ne traggono più giovamento sono le delta e le core xy

ma i 256 step interpolati, non vanno bene ugualmente ? Cosa cambia , in questo caso, tra un interpolato ed uno nativo ? Io vedo il movimento più fluido, è una sensazione ?

8 minuti fa, Tomto dice:

Perché una delta si avvantaggia delle schede a 32 bit? Semplice, perché mentre per una cartesiana il comando spostati da X 0 a X 10 vuol dire spostarsi di 10 mm su quell'asse e l'unico calcolo che deve fare il processore è moltiplicare 10 per il numero di passi per fare 1 mm. Se per esempio per fare un 1 mm ho bisogno di 80 passi il processore farà 10 per 80 e saprà che deve muoversi di 800 passi per fare i 10 mm del comando... Nelle delta invece c'è tutta una geometri dietro che necessita di calcoli trigonometrici, perché per muovere di 10 mm su X deve muovere tutti e tre i carrelli di un tot che è il risultato di questi calcoli. Quindi il processore lavora di più, molto di più, moltissimo di più, ci sono radici e potenze da calcolare il tutto moltiplicato per tutti e tre le torri. Quindi a parità di processore su una delta si riduce drasticamente velocità e risoluzioni massime...
Tieni anche presente che il processore, sempre lui, deve nel frattempo che esegue i comandi, controllare le temperature, controllare i pin se ci sono segnali strani (endstop o altro), leggere le temperature dai convertitori analogici digitali, calcolrarne il vero valore secondo delle tabelle dl tuo sensore, dare le informazioni al LCD etc etc, quindi altre miriade di cose da fare e nel frattempo deve calcolare il tutto per muoversi. E infatti sulle delta il mega comincia a far sentire, moto di più che su altri tipi di stampanti, i suoi limiti. Se vai a basse velocità e non chiedi troppo al processore poverino ce la fa pure, ma se lo spingi troppo rischi blocchi... Ed ecco che le 32 bit sulle delta fanno si che possano spingersi a velocità più alte, meccaniche permettendo...

Beh, questo è scontato

  • Haha 2
Link al commento
Condividi su altri siti

7 minuti fa, iLMario dice:

ma i 256 step interpolati, non vanno bene ugualmente ? Cosa cambia , in questo caso, tra un interpolato ed uno nativo ? Io vedo il movimento più fluido, è una sensazione ?

Vanno bene . 256 nativi  sono 256 effettivi . Avresti gli step per mm da 80 a  1280 (ma con un motore inutilizzabile ,se vedi il pdf c' una percentuale del decremento della coppia all'aumentare dei micropassi effettivi .

256 micropassi interpolati  in realtà sono 16 "simulano " i 256 per fluidità e silenziosità  . Di fatto il loro valore step/mm per le nostre stampanti è 80

Comunque torno a ripetere il bello di questi driver è metterli in uart

La original prusa utilizza i tmc 2130 in spi(BGM compreso) .puoi impostare la modalità ibrida ...ma in sostanza sono un pelo meglio dei 2208 alcune funzioni che hanno i 2130 tipo il coolstep in marlin non sono utilizzabili

Link al commento
Condividi su altri siti

16 minuti fa, Tomto dice:

La original prusa utilizza i tmc 2130 in spi(BGM compreso) .puoi impostare la modalità ibrida ...ma in sostanza sono un pelo meglio dei 2208 alcune funzioni che hanno i 2130 tipo il coolstep in marlin non sono utilizzabili

Ah ecco spiegata la modalità silenziosa di PrusaSlicer. Probabilmente attiva i 2130 in stealthchop

Link al commento
Condividi su altri siti

Cita

Vi prego, bannatelo.... moderatore intervieni! 

ahahahahh grazie 😞

cmq era una battuta

in grandi linee so tutto questo certo non approfondito come voi (che probabilmente lo fate per lavoro o similare io installo condizionamento refrigerazione e impianti elettrici industriali non elettronica purtroppo)ma adesso mi avete dato una delucidazione in piu e ve ne sono grato 😉

la mia battuta intendeva che io (se non ho letto male le istruzioni della mia i3pro w ) non ho una 32 bit e non posso nemmeno installarla sempre se non ho capito male o almeno non ne troverei un vantaggio perche la struttura questo puo darmi non di piu

sbaglio?correggetemi se sbaglio perche non mi sono mai messo a spulciare fino a fondo l elettronica della mia stampante almeno al livello componenstistica elettronica.

Link al commento
Condividi su altri siti

7 minuti fa, jagger75 dice:

ahahahahh grazie 😞

cmq era una battuta

Mi hai fatto morire dal ridere

7 minuti fa, jagger75 dice:

non ho una 32 bit e non posso nemmeno installarla sempre se non ho capito male o almeno non ne troverei un vantaggio perche la struttura questo puo darmi non di piu

sbaglio?correggetemi se sbaglio perche non mi sono mai messo a spulciare fino a fondo l elettronica della mia stampante almeno al livello componenstistica elettronica.

Una 32 bit puoi metterla puoi cambiare la vecchia scheda ....se per ora sei soddisfatto delle stampe però  non hai motivo di cambiarla .Ma se un giorno vorrai .Dovrai fare i collegamenti  e compilare il marlin  ma per questo puoi chiedere aiuto al forum siamo qui apposta

Link al commento
Condividi su altri siti

12 ore fa, Tomto dice:

Allego un PDF di un sito specializzato , riguardo ai microstep( il link si trova nella pagina reprap wiki ....

 

pienamente d'accordo con questo discorso, aggiungerei anche il fatto che la stampa fdm in generale non è adatta a queste precisioni... e che comunque avere una meccanica da 10micron è veramente difficile.....

 

11 ore fa, iLMario dice:

Quindi a parità di processore su una delta si riduce drasticamente velocità e risoluzioni massime...

vorrei fare un po' di chiarezza su questo discorso....

il processore non c'entra nulla con la velocita' ne con la risoluzione delle stampe.... in questo discorso è stato mischiato "tempo di processo" e "potenza di calcolo" 

il "mago" parla di "tempo di processo" ossia il tempo che impiega il processore ad effettuare il calcolo (se il calcolo è facile o complesso al processore non interessa anche se ovviamente un calcolo piu' complesso necessita di piu' tempo)

ovviamente un 8bit avra' un tempo di processo piu' alto di un 32 bit (a parita' di calcolo) ma entrambi possono muovere l'asse X a 100mm\s quindi dire che influisce sulla velocità non è corretto. il processore influisce sul tempo totale di stampa in quanto con un processore meno potente si avra' un "tempo di processo" piu' lungo.

"risoluzione massima".... ma seriamente?

qui stiamo parlando di "potenza di calcolo" ma non è che un 8bit (o chi per lui) va una favola a 1\16,maluccio a 1\32 ed esplode a 1\256.... un processore estremamente critico(con qualsiasi risoluzione) puo' diventare non sufficiente per stampare a risoluzioni molto elevate in quanto la sua potenza di calcolo risulta insufficiente(la stampante si inchioda) 

ma se la stampante continua ad andare anche se impiega molto piu' tempo(a causa del tempo di processo) stiamo stampando alla risoluzione che abbiamo impostato noi e non a

quella che faceva piu' comodo al processore....

 

 

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...