Vai al contenuto

Velocità di stampa 3D


Matteo
 Condividi

Messaggi raccomandati

Buongiorno a tutti, ho allo studio un progetto imprenditoriale abbastanza ambizioso.

Purtroppo sono nella fase più complessa, valutare praticamente se il gioco ne vale la candela.

Per questo ho due curiosità da chiedere ad utenti molto esperti.

So che, se ci chiedessi la velocità di stampa media delle stampanti in commercio mi foreste che non c'è risposta perché dipende da troppi fattori.

Purtroppo però, per le mie valutazioni ho bisogno di sapere: in media, stampando pezzi di varie misure, e con definizione e qualità media, quanti pezzi potrei stampare in 8 ore lavorative?

La seconda domanda è la seguente: se ho 2000 stampanti, ognuna collegata ad un PC, e ogni PC messo in rete con il computer su cui disegno in CAD, è possibile dare il comando di stampa su tutte le 2000 stampanti contemporaneamente?

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 9
  • Creato
  • Ultima Risposta

Miglior contributo in questa discussione

Miglior contributo in questa discussione

@Matteo ti rispondo molto velocemente: cosa significa "pezzo"? La tua domanda potrebbe non avere una risposta precisa, come hai scritto tu stesso entrano in gioco innumerevoli variabili.


 


Per le 2000 stampanti io penso che bisogna sviluppare un software apposito, attualmente non penso che puoi fare il tutto in maniera automatica, cioè avresti 2000 perifiche :D


Link al commento
Condividi su altri siti

Beh, la domanda reale è questa: se dovessi aprire una azienda di stampaggio plastica dove non utilizzo presse ma solo stampanti 3d, di quante stampanti necessiterei per fare una produzione industriale (5000/10000 pezzi/giorno)?

Una stampante quanti oggetti potrebbe stampare mediamente in un giorno?

Link al commento
Condividi su altri siti

@Matteo Prendere in considerazione la stampa 3D per una produzione industriale penso sia un grosso errore almeno con la tecnologia di adesso.

I motivi:

Costi molto elevati in confronto di altre tipologie produttive

Rifinitura/ resistenza dei pezzi stampati

Tempi di produzione: un pezzo stampato in 3D può impiegare molte ore per esser realizzato ( considerando poi eventuali scarti di materiale )...pochi minuti con altre tecniche

Link al commento
Condividi su altri siti

Beh, la domanda reale è questa: se dovessi aprire una azienda di stampaggio plastica dove non utilizzo presse ma solo stampanti 3d, di quante stampanti necessiterei per fare una produzione industriale (5000/10000 pezzi/giorno)?

Una stampante quanti oggetti potrebbe stampare mediamente in un giorno?

Considera che un "pezzo" di plastica stampato in modo tradizionale, su una quantità di 1000 pezzi, considerando il costo dello stampo (che rappresenta il 95% del costo finale), il cliente lo paga forse 1 Euro. Il costo del materiale plastico è irrisorio, quindi se la quantità aumenta il costo diminuisce, e può arrivare anche a qualche centesimo.

Per una stampante 3d invece il prezzo per ogni singolo pezzo stampato rimane sempre uguale, ed è mooooooooolto più alto. Se ci metti la stampante, il materiale (i filamenti costano un'enormità rispetto ai sacchi di pellet usati a livello industriale), il tempo di stampa di ogni singolo pezzo, credo che la tua impresa sia destinata a fallire nel giro di qualche giorno...

 

Amortizzare 1000 stampanti attaccate a 1000 computer, non considerando i costi del personale, vuol dire come minimo avere un utile di un milioncino di euro... e sei solo andato in pari.

Ne devi stampare di plastica per guadagnare un milione...

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 settimane dopo...

Dell Computer ha acquistato nel Gennaio 2014 5000 stampanti Zortrax M200, che sono utilizzate per la produzione in serie di componenti di PC. L'iniziativa potrebbe apparire stravagante, ma si pensi alla estrema flessibilità operativa rispetto ai tempi necessari per progettare, realizzare e mettere in produzione gli stampi ad iniezione. La stampa 3D, ovviamente con un numero elevato di macchine, consente di stampare un componente pochi minuti dopo averlo progettato.


Quanto alle problematiche di utilizzo, pressoché zero. Le stampanti sono scollegate da PC: utilizzano schede SD che contengono i modelli da stampare, e hanno bisogno soltanto dell'alimentazione elettrica.

Link al commento
Condividi su altri siti

Considera che un "pezzo" di plastica stampato in modo tradizionale, su una quantità di 1000 pezzi, considerando il costo dello stampo (che rappresenta il 95% del costo finale), il cliente lo paga forse 1 Euro. Il costo del materiale plastico è irrisorio, quindi se la quantità aumenta il costo diminuisce, e può arrivare anche a qualche centesimo.

Per una stampante 3d invece il prezzo per ogni singolo pezzo stampato rimane sempre uguale, ed è mooooooooolto più alto. Se ci metti la stampante, il materiale (i filamenti costano un'enormità rispetto ai sacchi di pellet usati a livello industriale), il tempo di stampa di ogni singolo pezzo, credo che la tua impresa sia destinata a fallire nel giro di qualche giorno...

 

Amortizzare 1000 stampanti attaccate a 1000 computer, non considerando i costi del personale, vuol dire come minimo avere un utile di un milioncino di euro... e sei solo andato in pari.

Ne devi stampare di plastica per guadagnare un milione...

I tuoi conteggi sono abbastanza discutibili. Anche considerando parti semplici, il costo di uno stampo per iniezione raramente scende al di sotto di 10.000€. Il che, diviso 1000 pezzi, fa 10€/pz solo di costo ammortamento stampo. Inoltre, perché dovrebbero esserci 1000 computer con delle macchine che stampano da SD o da PenDrive? Di computer ne basta uno, per generare il Gcode.

E' vero, per acquistare 1000 stampanti ci vogliono circa 900000 euro. Ma i costi di produzione di lotti di 1000 pezzi si riducono di 10 volte rispetto alla stampa ad iniezione. Ovviamente, chi stampa in 3D con molte stampanti può permettersi macchine per estrusione, che sono piuttosto economiche ed utilizzano pellet industriali, con il risultato che il materiale di consumo costa come quello per la stampa ad iniezione.

Per chi deve variare frequentemente le parti prodotte e non raggiunge tirature elevate (>10000 pz per tipo), la stampa 3D con un batch di macchine rappresenta una reale alternativa ed offre un time-to-market imbattibile. 

Link al commento
Condividi su altri siti

Senza perderci in sofismi.. :)


 


Io  vendo anche ABS che su macchine come delta ha una buona resa.., anzi ottima..


 


Ma vi invito a provarlo....


 


 



KEYTECH 1.75 mm PLA LAYER Natural.. A breve anche per 3mm. Realizzate Stesso Oggetto ABS e PLa Layer, poi provate la resistività meccanica dei due oggetti.. Provate anche a lavorare per asportazione ( torniture, Fresa) oggetti fatti con Pla Layer, verniciabile in forno da carrozzieri.

A brevissimo anche PLAHS in bobina da 1.75, con questo materiale abbiamo realizzato degli stampi pilota a iniezione......., e lo stampi come un PLA... poi magari vi ci fate anche i vasettini e soldatini :)


 


Concordo che in alcuni casi certi termoplastici come ABS sono ancora indispensabili.., ma se nn sono indispensabili perchè complicarsi la vita...?!!


 


Sono daccordo invece quando si disquisisce della pretesa di salvare il mondo usando amido di mais...

Link al commento
Condividi su altri siti

Ammirevole la tua iniziatiava e volevo aggiungere che le stampanti hanno un minimo di manutenzione, cambio filamento,livellatura piano, preparazione piano ecc ecc


Per le stampanti DLP i tempi si calcolano in cm x h ovvero la stampate stampa un centimetro ogni tot tempo che il pezzo sia uno o che il piatto e pieno ilo tempo varia di poco, contro le stampandi DLP hanno un'area di stampa piccola al max 10x10x15cm la macchina costa di più e i materiali anche.


Mi ricordo di aver visto un video su YT dove un maker aveva creato un piatto che scaricava da solo l'oggetto appena stampato e ripartiva con la stampa succ4essiva , se lo ritrovo lo posto se ti può interessare

Link al commento
Condividi su altri siti

Non si può prendere in considerazione la stampa 3d per una produzione industriale secondo me!


Ma mettiamo che i calcoli fatti da ShareMind sia giusti ( anche sé dubito che qualcuno voglia investire 900000 euro solo in stampanti), ma come fare a gestire un numero così elevato di macchine?


Stiamo parlando di 1000 stampanti da avviare e controllare, senza parlare di 1000 sd in cui caricare il gcode, 1000 bobine da cambiare ( con singolo estrusore, altrimenti raddoppiano) , 1000 stampe da rimuovere dal piatto.


Quante persone ci vogliono?...e sopratutto con quali risultati finali?


non dimentichiamoci che la qualità dei nostri oggetti stampati ( a meno che non si acquisti stampanti Mooolto più costose) non sono nemmeno paragonabili ad oggetti prodotti industrialmente con altre tecniche molto più vantaggiose!

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...