Vai al contenuto

Info su prima messa in funzione


da_retta
 Condividi

Messaggi raccomandati

Salve a tutti, oggi finirò di montare la mia prima stampante 3d, mi mancano solo i cablaggi. L'assemblaggio è stato semplice, però mi sono messo a fare questa cosa senza sapere niente sull'argomento e senza avere le benchè minime basi su software e modellazione 3d, quindi una volta finito l'assemblaggio avrò dei problemi. Mi piacerebbe trovare una sorta di guida a grandi linee per capire i passi da seguire con l'obiettivo di stampare progetti scaricati dai vari siti web. Guardando il forum vedo che tutto è trattato in maniera esaustiva, a me mancherebbe una sorta di indice mentale per iniziare a muovermi con un criterio. Poi una volta capiti gli step da fare mi metto con calma pazienza e dedizione e guardiamo che viene fuori. Qualcuno sa indicarmi se c'è una guida che non ho visto o sa darmi info? La stampante è una geeetech prusa i3 pro b

Link al commento
Condividi su altri siti

anche io ho questa stampante, ora in manutenzione, scheda bruciata (colpa mia

ll vero esperto e alep, che ne ha una anche lui e mi ha dato molte dritte all'inizio

auguri  e buon lavoro (non ti scoraggiare le prime volte...)

oggi ho ordinato una cr-10...poi vediamo...

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, stamattina dopo nemmeno troppe bestemmie sono riuscito a stampare un piccolo solido venuto imperfetto, ma comunque come prima stampa mi posso accontentare. Finita di montare la stampante ho calibrato il piatto con il foglio di carta, ho testato il movimento dei motori e tutto era a posto. Ho caricato il firmware marlin seguendo la guida geeetech e ho mandato in stampa un cubetto usando repetier e cambiando solo le impostazioni più intuitive del tipo pla 1.75, geeetech 20*20 e mettendo 200° di temperatura e 60 il piatto e 3mm di spessore (messe senza un criterio ben preciso ma fanculo volevo stampare) . Per migliorare il risultato quali possono essere altre impostazioni da variare?  

IMG_20171230_133507.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

Per essere la prima stampa è un ottimo risultato, mentre per giudicarla e dare consigli sono troppo poco in vista i lati del cubo, cosi come il cubo in foto per la prospettiva sembra schiacciato. Ed il giallo evidenzia poco gli angoli. Nonostante questo ti direi di controllare la tensione delle cinghie e proverei ad abbassare la temperatura di estrusione un 5/10 gradi e anche la temperatura del piatto di almeno 10 gradi. col pla il piatto può essere tenuto abbastanza freddo.

A vedere bene la foto sembra (insisto sembra) che ci sia un po di wooble ( ossia l'asse z non ha le barre abbastanza dritte) nel caso puoi stamparti gli anti wooble,

Prima ti parlavo di cinghie perchè questo difetto può dipendere anche da cinghie troppo molli. Ci vorrebbe una foto meno dall'alto per dare un parere più sereno.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao grazie per l'interessamento. Il solido è un parallelepipedo 2x2x1 cm.  Ora cerco di fare un paio di foto che evidenziano i difetti. Durante la posa dei primi strati la figura si è un po' imbarcata verso l'alto negli angoli deformando tutto il proseguimento. Sempre durante la posa dei primi strati alcune parti sono venute via mentre l'estrusore era in movimento. La stampante l'ho montata a lavoro quindi fino a martedì non potrò ribaloccarmi. Intanto vado in modalità studio.... 

IMG_20171230_181835.jpg

IMG_20171230_181908.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

come dici il primo layer è venuto male e questo ha influito molto su tutti gli altri, sicuramente la temperatura era troppo alta e il primo layer forse un po' troppo alto.

fossi in te mi concentrerei per prima cosa nel realizzare un primo layer buono  per avere una buona base di partenza.

l'altezza del primo layer: in repetier è impostata di default a 0,3 mm, per un estrusore da 0,4 e layer da 0,2 non è male(forse dovrai abbassarla a 0,2\0,25)

devi ottenere una buona adesione senza pero' schiacciare troppo visibilmente il primo strato.

l'incremento di estrusione nel primo layer: devi far in modo che il primo layer sia pieno senza pero' avere rigonfiamenti di materiale che saranno colpiti dall'etrusore quando stampera i layer successivi pre-impostato a 110% di solito va alzato un po'(ma aspetta a farlo)

velocita': la velocita' come immagini è fondamentale anche con altezza e estrusione perfette se corri troppo l'adesione è scarsa.pre-impostata al 30% è una buona base di partenza, direi che non dovresti toccarla.

come ti hanno suggerito abbassa la temperatura a 190\195 e ricorda che con il PLA la ventola deve essere al 100% tutto il tempo.

usa almeno 2 line di skirt e aumenta la distanza tra skirt e oggetto in modo che se c'è del materiale in eccesso questo non fiinisca nell'oggetto che stamperai. 

abbassa le temperature e assicurati che l'altezzza effettiva del primo layer sia come impostato da software e riprova la stampa....se il primo layer non è liscio abbassa l'incremento di estrusione al contrario se non è pieno alzalo, se quando fai un angolo retto l'estrusore si tira dietro tutto lo stampato abbassa la velocita'...fai una prova e vedi che succede......

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie mille delle dritte, martedì provo. Ti chiedo altre due cose. Cosa vuol dire skirt e come mai nonostante avessi fatto preriscaldare l'estrusore a 200° durante la stampa ho notato che era a 185°(non so se da quasi subito o da un certo punto, l'ho notato a metà stampa e sono sicuro che indicasse 200° prima di lanciare la stampa) 

Link al commento
Condividi su altri siti

L'oggetto può essere stampato in diverse modalità iniziali (parliamo del primo layer)

Normale è come hai fatto tu

Con lo skirt che sono due o tre giri che si fanno fare all'estrusore intorno all'oggetto (circa 5 millimetri di distanza) che servono a far si che l'ugello arrivi al lavorare a regime. Questo perchè prima della stampa, quando scalda, un pò di materiale cola e parte vuoto e quindi per i primi 10 secondi può andare a vuoto, Se fai lo skirt questo avviene non sull'oggetto ma sullo skirt e l'oggetto viene perfetto. Altro vantaggio dello skirt è che essendo intorno all'oggetto ti certifica che il piatto è ben allineato, almeno per quello che serve all'oggetto, se no avrai parti di skirt staccate o parti mancanti per il troppo schiacciamento dell'estrusore sul piatto

Con il brim che è un grembiulino alto un layer che circonda l'oggetto e si unisce ad esso, serve per migliorare l'adesione dell'oggetto al piatto, Anch'esso da i vantaggi dello skirt ma aggiunge l'aumento di adesione, A fine stampa lo rimuovi con le dita.

Col Raft che è una zattera alta qualche millimetro che serve a fare una piattaforma di appoggio all'oggetto, Si usa principalmente con l'abs che tende a deformarsi e a staccarsi negli angoli per il contatto col piatto caldo. Il raft fa da intermediario diminuendo questo effetto oltre che dare i vantaggi del brim. Il raft è studiato in modo tale che è sempre facile staccarlo dall'oggetto, anche se questo può sembrare strano.

Queste modalità le scegli dallo slicer.

Link al commento
Condividi su altri siti

43 minuti fa, da_retta dice:

Grazie mille delle dritte, martedì provo. Ti chiedo altre due cose. Cosa vuol dire skirt e come mai nonostante avessi fatto preriscaldare l'estrusore a 200° durante la stampa ho notato che era a 185°(non so se da quasi subito o da un certo punto, l'ho notato a metà stampa e sono sicuro che indicasse 200° prima di lanciare la stampa) 

alep ti ha gia risposto in modo piu' che esaustivo sul brim e quindi parlando della temperatura, direi che non è normale una differenza di 15 gradi anche se delle fluttuazioni durante la stampa sono normali per stampanti di questo tipo.

se la varizione è immedita (in 1-2sec passi da 200 a 180 per poi andare a 204) questo sta significare che il sensore è lento nella sua sede(e va fissato subito), se invece la variazione è lineare e non fa particolari salti potrebbe essere che l'alimentatore non ha abbastanza potenza per tenere in temperatura piano e estrusore durante la stampa ma prima di dirti cambia alimentatore, aggiungi mosfet per alimentazioni separate,etc.. direi che in questo secondo caso se la stampante va...lasciala andare...

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

In genere l'estrusore oscilla come temperatura sui 5 gradi e 185, se la stampa era a 200, è davvero pochino, Se usi repetier nella finestra dove vedi lo sviluppo della stampa puoi selezionare anche il monitoraggio delle temperature. Da li puoi vedere quando viene alimentato l'estrusore e la temperatura che raggiunge con un grafico; da li è facile capire se l'estrusore risponde bene o se ha problemi di alimentazione, perchè deve esserci corrispondenza tra alimentazione dell'estrusore e temperature raggiunte, naturalmente con qualche secondo di ritardo per le inerzie termiche.

Quindi se vedi che la resistenza viene alimentata e la temperatura invece continua a scendere hai sicuramente qualche problema probabilmente sui cavi.

A me è successo ed ho risolto fissando molto bene i cavi nell'estrusore in modo che non si muovano neanche in pò dalla parte dell'estrusore,

Ops abbiamo scritto in contemporanea, le ipotesi di @FoNzY sono più che valide

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...