Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

array81

Spostamenti negativi asse Z con Marlin

Recommended Posts

Ho installato da qualche settimana Marlin 1.1.9 sulla mia Anet A8 (provenivo dal firmware originale).

In questi giorni ho montato sia E3Dv6 che il sensore di livellamento capacitivo. Ora prima di abilitare il sensore nel firmware, volevo riposizionare il fine corsa dell'asse Z dato che avendo di fatto sostituito l'estrusore e il supporto che lo sorreggeva non è affatto detto che la precedente posizione sia corretta.

Nell'andare a spostare tramite LCD gli assi mi sono accorto che mentre mi è possibile inserire valori negativi per l'asse X e Y, per quello Z posso solo inserire valori positivi. Inoltre quando faccio l'auto home i fine corsa X e Y sono attivati mentre quello Z no in quanto l'estruso viene spostato in alto e non i basso fino al fine corsa.

C'è qualcosa di cambiare in Marlin?

Mi sono accorto della cosa solo oggi in quanti da quando sono passato a Marlin non ho più usato queste funzioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, array81 dice:

C'è qualcosa di cambiare in Marlin?

da quello che scrivi sembra che l'end stop di Z sia stato male impostato nel firmware, tutto lascia pensare al fatto che l'end stop risulta sempre premuto anche se non lo è

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si il problema era proprio quello.

Nell'installare il sensore di prossimità ho collegato anche un nuovo endstop in modo da fermare la discesa se il sensore avesse problemi.

Di fatto ho seguito questo schema:

7691a57212ee1b5232e3d121ff8b5293_preview

 

Premesso che non sono sicurissimo dello schema in quanto ho trovato un'altra immagine da un blog italiano che proponeva collegamenti diversi per l'endstop:

LJC18A3-schematic-wire.png?w=701&ssl=1

Detto questo il mio credo sia stato proprio un errore concettuale. Penso infatti che in questo modo il funzionamento dell'endstop sia collegato all'abilitazione del sensore lato firmware.

Io invece volevo settare prima l'endstop e poi abilitare il sensore anche perchè ancora non ho ben chiaro come farlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, array81 dice:

Io invece volevo settare prima l'endstop e poi abilitare il sensore anche perchè ancora non ho ben chiaro come farlo.

non ho ben capito cosa chiedi....

non puoi settare un end stop e un sensore allo stesso tempo, o uno o l'altro....

entrambi gli schemi che hai postato sono validi anche se fanno due cose diverse...

se hai il sensore usa il sensore la cosa peggiore che puo' sucedere è che il firmware ignori il sensore,il piano arrivi a fine corsa e che i motori perdano passi, insomma niente di tragico.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io voglio inserire sia il sensore di prossimità che l'endstop sull'asse Z, quest'ultimo solo come ulteriore sicurezza nel senso che se per qualche motivo il sensore di prossimità smettessi di funzionare l'estrusore non potrebbe scendere oltre l'endstop e quindi non si pianterebbe nel bed. Questo almeno è quello che viene spiegato nella guida a cui è allegata la seconda immagine che ho postato.

All'atto pratico quando sono andato a fare i collegamenti mi sono reso conto che nella seconda immagine il connettore da inserire nella scheda dell'ANET non è ben chiaro che verso abbia. Non so se è chiara la cosa, il filo col segnale è centrale ma il 5V e il GND non è chiaro dove metterli (potrebbero anche essere invertiti rispetto alla figura, il connettore è infatti disegnati simmetrico mentre nella realtà non è così).

Mi sono quindi messo a cercare un immagine migliore e mi sono imbattuto nella prima che ho postato. Mi sembravano uguali, inizialmente non ho notato che invece la parte di destra dello schema differiva. Nella prima immagine però il connettore della scheda si vede chiaramete quindi, pensando che i 2 schemi facessero la stessa cosa ho collegato tutto come riportato nel primo schema.

A questo punto però, senza modificare il firmware per attivare il sensore di prossimità, ho provato a vedere se funzionava l'endstop e questo e come se risultasse sempre premuto.

Mi puoi spiegare la differenza dei 2 schemi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, array81 dice:

Mi puoi spiegare la differenza dei 2 schemi?

non ho capito perche' ti ho detto che fanno due cose diverse...fanno la stessa cosa 😅

in entrambi gli schemi lo switch di Z manda il segnale a terra facendo credere alla scheda che il sensore stia misurando 0mm.

lo swtich deve essere di tipo NA per poter funzionare e funziona solo dopo che avrai impostato nel firmware il sensore di prossimita' in quanto altrimenti il pin "signal" non viene letto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, array81 dice:

Io voglio inserire sia il sensore di prossimità che l'endstop sull'asse Z, quest'ultimo solo come ulteriore sicurezza nel senso che se per qualche motivo il sensore di prossimità smettessi di funzionare l'estrusore non potrebbe scendere oltre l'endstop e quindi non si pianterebbe nel bed. Questo almeno è quello che viene spiegato nella guida a cui è allegata la seconda immagine che ho postato.

Il BLtouch, non so i capacitivi, non fanno partire l'homing dello Z se non sono funzionanti. Comprendo il bisogno in teoria, in pratica impostare un endstop sotto il capacitivo la vedo molto difficile: dovresti essere preciso al micron. Un sensore arriva al quasi contatto con il piatto, dovresti mettere l'endstop subito sotto. Rischieresti che in caso di lettura non proprio precisa del sensore che ti si blocchi la stampa perché fai scattare per errore l'endstop. Preferisco rischiare un hard landing sul piatto.

10 ore fa, array81 dice:

All'atto pratico quando sono andato a fare i collegamenti mi sono reso conto che nella seconda immagine il connettore da inserire nella scheda dell'ANET non è ben chiaro che verso abbia. Non so se è chiara la cosa, il filo col segnale è centrale ma il 5V e il GND non è chiaro dove metterli (potrebbero anche essere invertiti rispetto alla figura, il connettore è infatti disegnati simmetrico mentre nella realtà non è così).

Mi sono quindi messo a cercare un immagine migliore e mi sono imbattuto nella prima che ho postato. Mi sembravano uguali, inizialmente non ho notato che invece la parte di destra dello schema differiva. Nella prima immagine però il connettore della scheda si vede chiaramete quindi, pensando che i 2 schemi facessero la stessa cosa ho collegato tutto come riportato nel primo schema.

A questo punto però, senza modificare il firmware per attivare il sensore di prossimità, ho provato a vedere se funzionava l'endstop e questo e come se risultasse sempre premuto.

Mi puoi spiegare la differenza dei 2 schemi?

Scusami ma i due schemi dipendono dal pinout del sensore e della scheda. Probabilmente le due immagini fanno riferimento a due schede diverse, o non capisco la domanda.
I collegamenti non sono tutti uguali, ci sono schede dove i pinout per comandare gli endstop sono fatti in un modo e altre dove sono fatti in un altro, l'importante è fare i collegamenti giusti, al limite invertendo i fili. L'endostop va collegato a segnale e GND (NO 5v). 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
visto che ormai ne stiamo parlando...che vantaggio ha il capacitivo rispetto ad un interruttore non totalemente super cinese? secondo me nessuno
Che intendi un interruttore super cinese? Un capacitivo costa molto poco ed è molto preciso, funziona su tutti i materiali (vetro incluso) MA ha un grosso problema, ovvero che basta un cambiamento di umidità o temperatura e da letture diverse. Il che non è tanto un problema finché riesci a mantenere le stesse condizioni nello stesso set di letture (esempio stai livellando il bed). Il problema lo hai quando le condizioni cambiano DURANTE le letture: per esempio, basta alitarci sopra mentre sta misurando il bed per sballare tutte le letture e definire una mesh totalmente campata per aria. In sintesi va usato solo se hai la stampante in un ambiente controllato. Uno induttivo funziona solo su superfici metalliche se hai il vetro è un problema (a meno di non montare roba gigantesca). In generale il miglior compromesso è uno stile bltouch, che peraltro è pure molto leggero e montabile su tutte le stampanti.

Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si infatti volevo montare anche io un BLTouch che essendo di tipo meccanico funziona sempre, il fatto è che sull'Anet A8 il collegamento con la scheda è complicato dal fatto che si deve usare un un pin del connettore del display che non è usato dal display. Cosa non impossibile ovviamente ma da fare con il giusto tempo e io purtroppo ne ho poco da dedicare alla cosa. In ogni caso ho il piano in vetro e posso tranquillamente garantire le condizioni ambientali per quel poco di tempo che è necessario al livellamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, invernomuto dice:

Che intendi un interruttore super cinese? Un capacitivo costa molto poco ed è molto preciso, funziona su tutti i materiali (vetro incluso) MA ha un grosso problema, ovvero che basta un cambiamento di umidità o temperatura e da letture diverse. Il che non è tanto un problema finché riesci a mantenere le stesse condizioni nello stesso set di letture (esempio stai livellando il bed). Il problema lo hai quando le condizioni cambiano DURANTE le letture: per esempio, basta alitarci sopra mentre sta misurando il bed per sballare tutte le letture e definire una mesh totalmente campata per aria. In sintesi va usato solo se hai la stampante in un ambiente controllato. Uno induttivo funziona solo su superfici metalliche se hai il vetro è un problema (a meno di non montare roba gigantesca). In generale il miglior compromesso è uno stile bltouch, che peraltro è pure molto leggero e montabile su tutte le stampanti.

Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk
 

credevo venisse usato al posto dell'end stop, invece mi sembra di capire che venga usato per una misurazione in punti multipli come il bltouch....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
credevo venisse usato al posto dell'end stop, invece mi sembra di capire che venga usato per una misurazione in punti multipli come il bltouch....
Certo, è un sensore, non a contatto come il Bltouch ma un sensore di prossimità che si usa per l'autolivellamento.

Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Montare questo sensore sembra una storia infinita.

Prima mi sono sbagliato a ordinarlo e ne ho preso uno induttivo invece che capacitivo, poi mi è arrivato quello capacitivo non funzionante (rilevava sempre la presenta di oggetti vicini anche quando non c'era nulla nelle vicinanze).

Speriamo nel prossimo 😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è arrivato il sensore a sostituzione dell'altro. Questo almeno non ha il led sempre acceso e quindi non rileva sempre la presenza dell'oggetto. Già è qualcosa. Il fatto è che il led si accende solo quando l'oggetto è a circa 1mm dal sensore. Pensavo invece che rilevasse a distanza maggiori ovvero tra 1 e 10 mm. Spero che sia solo il led ad accendersi a un 1mm mentre il filo nero segnali la presenza dell'oggetto anche prima altrimenti mi pare ovvio che non sia utilizzabile, giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.