Vai al contenuto

Alimentatori stampanti, che tensioni in uscita?


agi62
 Condividi

Messaggi raccomandati

Ciao a tutti,

prima di aprire e verificare col multimetro, qualcuno sa che valori di tensione ci sono in uscita degli alimentatori interni alle stampanti?

Magari se qualcuno conoscesse i valori della mia Creality CR10-S4 :-)

Mi è venuta la malsana idea di alimentare direttamente la stampante tramite batteria in tampone, eliminando la conversione della 220Vac e senza dover usare un UPS, il motivo è che con stampe lunghe qualche giorno, tutto può accadere sulla linea. 

Ringrazio per l'aiuto.

Link al commento
Condividi su altri siti

la tua creality non so, ma di solito escono in teoria 12, sono supportati anche qualche volt in più (che aiutano a scaldare bed ed estrusore...) la mia è settata a 13 volt.

 

Boh forse si potrebbe anche fare come dici tu... in pratica devi alimentare con la batteria la logica ed i mosfet e poi trovare un modo di caricare la batteria.... io sono sotto ups ho fatto prima.....   però non penso duri a lungo perchè quando partono bed ed estrusore assieme qualche watt lo usano...

Link al commento
Condividi su altri siti

Era un sistema che utilizzavo intorno agli anni 80 per gli impianti di automazione industriale che progettavo allora e devo dire che come sistema funziona bene è semplice ed economico. Gli alimentatori di queste stampanti sono a 12 o a 24 volt. I più diffusi sono a 12 Volt.

Le elettroniche sono ben in grado di reggere i 13.8 teorici di una batteria in massima carica.

Essendo l'assorbimento delle stampanti molto forte ( 20 Ampere con un estrusore e 25 con due estrusori) occorre una batteria decente, ricordatevi che quella che dichiarano di solito è la corrente di spunta mentre in questo caso va vista la corrente di erogazione in continua che comunque viene dichiarata. In ogni caso per garantire l'autonomia è bene non alimentare la stampante solo dalla batteria ma dalla batteria insieme all'alimentatore.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Ringrazio per i consigli, pensavo di mettere la batteria in tampone, utilizzare l'alimentatore interno (chiaramente se le tensioni corrispondono) per alimentare stampante e tenere in tampone la batteria, nel momento in cui venisse a mancare tensione, la batteria erogherebbe senza interrompere il lavoro, semplice ed economico come dice Alep :-)

Se non dovesse bastare l'alimentatore originale della stampante ne metterei uno di adeguata potenza ma una volta carica la batteria assorbe quasi nulla e si spera che non debba mai intervenire.

Ora con calma (sono in pensione non ho mica tanto tempo :-D) mi metterò a lavorarci.

 

 

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...