Vai al contenuto

3ntr A4v2 dubbio


Kosso
 Condividi

Messaggi raccomandati

Ciao,


 


mosso dalla curiosità di questi oggetti ho suggerito ai miei superiori di considerare l'acquisto di una stampante 3D. Ovviamente un elettronico (io) che chiede acquisti su cose di meccanica (sul lavoro abbiamo un officina tosta) ha generato perplessità, molta perplessità, e io non ho nascosto che ben o male al nostro laboratorio di elettronica farebbe comodo realizzarci qualcosa tipo supporti, pannellini, scatolette e poi perchè non esplorare una nuova tecnologia ?


Qui da me lavorano parecchio l'alluminio e con tolleranze da fantascienza dunque credo che i meccanici vedano questa cosa come un "toh, un elettronico che vuole un giocattolo" :(  


A dire il vero anche a loro interessa la tecnologia 3D ma è roba con laser e polveri di metallo, cose che io non ho mai visto e che non ho idea cosa possano costare.


Tra le stampanti che abbiano delle dimensioni importanti io ho visto questa 3ntr, la A4v2, ha un doppio estrusore con un range di temperatura molto esteso e dunque potrei usare anche altri materiali oltre l'ABS e PVA. Mi piace inoltre la predisposizione all'estrazione dei fumi, se me la prendono sarà a mio fianco in ufficio e l'ABS può emanare fumi tossici.


Qui il link 3ntr.eu/?page_id=1011


Costa una cifra e non so se potrei stare nel budget, che non conosco, che i miei "capi" hanno pensato  :wacko:


 


La domanda strategica è: secondo voi è un prodotto affidabile ?


 


Inizialmente avevo visto le Kloner3D, so che la 240 è stata comprata anche da centri di ricerca, ma ... costa di più, ha meno volume stampabile, il secondo estrusore è optional però sembra avere una precisione del layer di 50um (sulla 3ntr non so).


Comunque questo è il link delle Kloner3D www.kloner3d.com/kloner3d-240.html


 


Grazie in anticipo per il supporto, ho poco tempo visto che dopodomani vogliono una proposta 


 


 


Alessandro


aka Kosso aka IW3SGT


Link al commento
Condividi su altri siti

PREMESSA: se questo dovesse risultare spam, prego l'ammistratore di cancellare questo post.


 


Circa ai dubbi sulla affidabilita' della macchina, posso assicurare che clienti sia industriali che accademici in giro per l'Europa non hanno dubbi (e succede che comprino, dopo la prima, altre unita').


Abbiamo macchine che lavorano da mesi 24/7 in posti dove prima usavano macchine che stampavano bene, ma solo per 5-6 gg continuativi.



Circa alla precisione di stampa: avendo tempo e voglia, si puo' stampare anche a layer sotto ai 0.05mm ma e' un esercizio di abilita' fine a se stesso, se servono questo tipo di finiture, la stampa FFF/FDM e' la risposta sbagliata alle tue esigenze.


Solitamente per gli spessori layer consigliamo la triade 3-2-1 (0.3 per stampe grezze, 0.2 per stampe di buona qualita', 0.1 per qualita' ottima).


 


La precisione di movimento sulla Z e' di 0.005mm (5 micron).


 


Salute


Davide Ardizzoia


3ntr

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao,

 

mosso dalla curiosità di questi oggetti ho suggerito ai miei superiori di considerare l'acquisto di una stampante 3D. Ovviamente un elettronico (io) che chiede acquisti su cose di meccanica (sul lavoro abbiamo un officina tosta) ha generato perplessità, molta perplessità, e io non ho nascosto che ben o male al nostro laboratorio di elettronica farebbe comodo realizzarci qualcosa tipo supporti, pannellini, scatolette e poi perchè non esplorare una nuova tecnologia ?

Qui da me lavorano parecchio l'alluminio e con tolleranze da fantascienza dunque credo che i meccanici vedano questa cosa come un "toh, un elettronico che vuole un giocattolo" :(  

A dire il vero anche a loro interessa la tecnologia 3D ma è roba con laser e polveri di metallo, cose che io non ho mai visto e che non ho idea cosa possano costare.

Tra le stampanti che abbiano delle dimensioni importanti io ho visto questa 3ntr, la A4v2, ha un doppio estrusore con un range di temperatura molto esteso e dunque potrei usare anche altri materiali oltre l'ABS e PVA. Mi piace inoltre la predisposizione all'estrazione dei fumi, se me la prendono sarà a mio fianco in ufficio e l'ABS può emanare fumi tossici.

Qui il link 3ntr.eu/?page_id=1011

Costa una cifra e non so se potrei stare nel budget, che non conosco, che i miei "capi" hanno pensato  :wacko:

 

La domanda strategica è: secondo voi è un prodotto affidabile ?

 

Inizialmente avevo visto le Kloner3D, so che la 240 è stata comprata anche da centri di ricerca, ma ... costa di più, ha meno volume stampabile, il secondo estrusore è optional però sembra avere una precisione del layer di 50um (sulla 3ntr non so).

Comunque questo è il link delle Kloner3D www.kloner3d.com/kloner3d-240.html

 

Grazie in anticipo per il supporto, ho poco tempo visto che dopodomani vogliono una proposta 

 

 

Alessandro

aka Kosso aka IW3SGT

 

 

Se nella tua azienda ci sono meccanici con competenze nel campo delle meccanica di precisione, come mi pare di capire...

Non avranno difficoltà ad apprezzare questo prodotto che adotta soluzioni costruttive molto raffinate.

Se vai nel sito e ti scarichi la brochure non potrai sia tu che i tuoi colleghi non notare la raffinatezza meccanica  che differenzia il corpo estrusione rispetto a molti altri prodotti.

Non potrete non notare i movimenti su guide lineari per assi x e y, doppia vite per asse z e otto boccole a ricircolo di sfera, che la rendono rigidissima.

Allineamento del piatto automatico, corpo trasmissione del materiale, confrontatelo con altre produzioni...

Si forse si presenta un po' costosa rispetto ad altri concorrenti, ma chi altri adotta queste soluzioni costruttive..?! Compreso scocca in acciaio Inox..

A questo punto affermare che è un prodotto affidabile diventa riduttivo..

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie per le risposte :)  


Per Davide ci siamo sentiti anche per telefono e ringrazio per la pazienza  :)


Comunque insieme ad un collega meccanico abbiamo dato preferenza per la 3ntr, non sapendo il budget disponibile abbiamo anche indicato un'altra soluzione più economica che faccia da precursore verso questa tecnologia.


 


Alessandro


aka Kosso aka IW3SGT


Link al commento
Condividi su altri siti

  • 7 mesi dopo...

Riprendo questo messaggio dopo tanto tempo per un aggiornamento: da qualche giorno mi fa compagnia in ufficio una A4v3.


Ho già fatto alcune stampe di prova in PLA, probabilmente sbagliando qualche setting (tipo filo a 3mm invece di 2.85mm ...), ma ne farò altre prima di tentare anche con l'ABS e poi col Nylon.


 


Alessandro


aka Kosso aka IW3SGT

Link al commento
Condividi su altri siti

Riprendo questo messaggio dopo tanto tempo per un aggiornamento: da qualche giorno mi fa compagnia in ufficio una A4v3.

Ho già fatto alcune stampe di prova in PLA, probabilmente sbagliando qualche setting (tipo filo a 3mm invece di 2.85mm ...), ma ne farò altre prima di tentare anche con l'ABS e poi col Nylon.

 

Alessandro

aka Kosso aka IW3SGT

Ciao Alessandro

ovviamente sai che l'aiuto e' a portata di mouse/telefono/skype....  :D

Utilizzi Kisslicer o...?

 

Salute

Davide

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Davide.


Questa appare comunque una replica. Pubblica. Dire che si preferisce non replicare all'interno di una replica mi pare un paradosso.


Se hai considerazioni in merito e preferisci un dialogo diretto, c'è la possibilità di inviare messaggi in PVT, o puoi scrivere alla mia e-mail. Sono sempre aperto al confronto.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Davide,


 


grazie per il supporto :)


 


Disegno con Inventor, poi esporto in .stl e carico con Repetier Host v1.5.0 con Slic3r.


Non sono un esperto e sto andando avanti a tentativi, quello che vorrei migliorare un po' è la "finitura" che spesso lascia intravedere spazi anche nelle superfici a contatto con il piano (ho fatto delle foto comunque il PLA è a 210°C e uso anche il piatto caldo a 55°C). Sembra sia migliorata un po' correggendo il diametro del filo (era 3mm e ora ho messo 2.85mm), forse devo solo aumentare la quantità di materiale che viene estrusa ...


 


Adesso un collega mi ha chiesto un piccolo schermetto nero (devo schermare alla luce un rivelatore a silicio, non è detto che funzioni visto che sono molto sensibili anche ben oltre il visibile) e mi son trovato tra le mani una bobina di PETG nero (marcata Filoalfa), ho visto il range di estrusione 230°C-245°C e mi chiedevo se devo usare il piatto caldo e a che temperatura, se hai qualche consiglio è ben accetto :) 


 


ciao


 


Alessandro


Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...