Vai al contenuto

Carsco

Membri
  • Numero contenuti

    1.360
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    15

Carsco ha vinto l'ultima volta il giorno 25 Gennaio

Carsco ha avuto il contenuto più apprezzato!

1 Seguace

Profilo

  • Sesso
    Male

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

Obiettivi di Carsco

Apprentice

Apprentice (3/14)

  • Dedicated Rare
  • Conversation Starter Rare
  • Reacting Well Rare
  • First Post Rare
  • Posting Machine Rare

Badge recenti

702

Reputazione Forum

  1. Pero' mi meraviglia che il motore non perda passi coi classici scatti. Cmq basta tenere gli occhi sulla ruota dentata per rendersi conto se scivola o meno.
  2. Il diluente e' diluente, l'acetone e' acetone (contenuta comunque nel diluente), l'acquaragia e' l'acquaragia, la trementina e' trementina. Credo sia diluente nitro.
  3. Evidentemente il filamento scivola sulle ruote.
  4. Cosa sono queste "parti come Jig"? Il robot? Per quella roba si usa il PLA proprio per evitare di perderci un sacco di tempo. Con ABS non puoi stampare parti molto grandi senza le dovute precauzioni. Mi pare di capire che per ora hai piccoli problemi persino col PLA quindi concertati su di questo, per ora. Ti consiglio di procedere per gradi e solo dopo aver imparato a gestire il PLA in tutte le sue forme allora potrai passare con piu' gusto al PET(G). Per "In tutte le sue forme" intendo dire che non basta sapere stampare un certo filamento. Quello stesso filamento se lo lasci qualche mese fuori dalla busta cambia la consistenza al punto che devi rivedere molti tuoi parametri di stampa. Figuriamoci se cambi marca, colore, lotto e fornitore... Procedi per gradi e lascia perdere l'ABS per ora se non vuoi ritrovarti con l'hotend "otturato" (come dicono in tanti, ma non e' otturato affatto). Compra una buona base magnetica ruvida oppure il piatto magnetico di acciaio con rivestimento in PEI e lo spingifilo che ti ha consigliato @Killrob Cmq qui sul forum troverai centinaia di post che parlano di come risolvere decine e decine dei problemi piu' comuni.
  5. Chiedero' la marca del calendario.
  6. Grazie a tutti. Adesso so in che direzione rivolgere le bestemmie.
  7. Salve. C'e' qualcuno che hai provato a stampare il POM? Su che base? Con che accorgimenti? Io ho provato su foglio PEI a 110° adeguatamente irruvidito e su cui stampo regolarmente ABS ma il POM mi ha fatto una scorreggia, si e' tolto dal supporto e si e' reinfilato da solo nella scatola da cui proviene. Idee?
  8. La stampa 3D non e' mica per tutti! Io, per esempio, mi rivolgo ad un centro professionale di stampa. PAGO e ho le mie stampe perfette. Altro che Prusaslicer... siete proprio pivelli per pagare per un software che comunque non funzionera' mai bene. Se ci sono i professionisti, un motivo c'e'. Altrimenti funzionerebbe anche Cura, gratuitamente. Ma la stampa 3d non e' per tutti, come dicevo prima. Evidentemente non e' per quelli che pagano un software perche' non sono in grado di farne funzionare uno gratuitamente. Figuriamoci uno a pagamento.
  9. Si, Cura. Pensavo si riconoscesse. Grazie.
  10. Salve. A volte mi capita di stampare solidi con facce verticali parallele e, a seconda dello spessore del pezzo e a seconda della larghezza linea, rimangono vuoti fra linea e linea. Tempo fa avevo visto che era possibile riempire questi interstizi. Lo slicer variava automaticamente la larghezza della linea e le linee si sarebbero toccate rendendo piu' decisamente solida la stampa. Ecco un tipico esempio: Nella parte cerchiata di blu c'e' un piccolo spazio, una "fessura". Questa fessura mi rende particolarmente fragile il pezzo. Certo, se riduco lo spessore del pezzo (o aumento la larghezza della linea) mi viene perfetto, ma non posso sempre adattarmi io a tutto cio'. Prima di saltare subito a conclusioni affrettate: l'opzione che cerco non e' la classica "Stampa pareti sottili" o "Riempimento degli interstizi tra le pareti". Queste non sortiscono alcun effetto. E' qualcos'altro. L'avevo visto tempo fa qui sul forum ma adesso non ricordo ne' chi ne era l'autore ne' che opzione era. Qualcuno vuole cimentarsi?
  11. Secondo me c'entra poco, a parte una asimmetricita' del pezzo finale se questo e' molto alto. 3mm all'estrema destra difficilmente si ripercuotono in un pezzo cosi' piccolo, al centro del piatto e cosi' basso. Invece sono quasi convinto che nel rimontaggio tu abbia stretto meglio gli eccentrici al punto da ridurre i giochi che ha l'asse X durante lo z-hop. Questi giochi variano anche con la posizione della chiocciola (forse quella che tu chiami "dado"): molta gente stringe a morte quelle viti e si ritrova con difetti di quel genere lungo Z.
  12. Carsco

    ASA

    Piatto magnetico in che materiale? Quello plastico oppure il foglio di acciaio e poi il PEI sopra? Se e' quello plastico ed e' di cattiva qualita' non reggera' i 90-100° tenuti a lungo. Io avevo quello originale della Ender 3 Pro (molto piu' spesso di quelli cinesi con la scritta Ender) e lo tenevo a 110° per decine di ore. Si e' rotto per un mio errore ma dopo 2 anni. Ora sono col il foglio di acciaio e il PEI sopra: e' un pelo peggio (e' meno ruvido) ma lo cambi con pochi soldi e comunque l'originale non e' facile da trovare se non nello store Creality. Si', alza OLTRE i 90-100 per il primo layer e cerca di non usare il raft perche' ti si spezzera' dalle enormi forza in gioco. Usa solo il brim, almeno 10-15mm.
  13. Carsco

    ASA

    Se quello che vedo e' PEI, grattugialo un pochino con cartavetro da 500 e usa temperature superiori, tipo 90-100 almeno per il primo strato. 80 sono decisamente pochi a meno che non usi le varie colle o altri sistemi arcaici e poco pratici.
×
×
  • Crea Nuovo...