Vai al contenuto

bed originale anet a8 oppure piano in vetro


Messaggi raccomandati

salve a tutti, prima di fare le prime stampe con la anet a8 ho letto di vari problemi di aderenza al bed soprattutto nei primi layer di stampa e di come un numero abbastanza grande di utenti usasse un piano di vetro sopra il bed originale.

io senza neanche provare il bed originale ho messo un piano di vetro tagliato da me a misura e ho provato a fare varie stampe, varie combinazioni, stampando sempre pla ho provato nell ordine: bed freddo, bed caldo 30 gradi, bed caldo 60 gradi, lacca bed freddo, lacca bed caldo, colla su freddo e su caldo, risultati disastrosi, l unica stampa che sono riuscito a portare a termine l ho dovuta buttare, ho notato inoltre che mettere in bolla il bed era particolarmente laborioso anche perche' la pressione delle mollette per tenere fermo il bed faceva si che il piano di vetro avesse sempre qualche pendenza.

alla fine ho rimosso il vetro, riallienato lo z end vicino al bed originale, rimesso in bolla il tutto (questa volta senza eccessivi problemi) e avviato le stampe con bed freddo e da allora stampando con una temperatura di 180 gradi all estrusore e un pre riscaldamento di 190 le stampe sono andate tutte a termine e devo dire con una certa precisione.

l unico neo che riscontro e' il fatto di avere qualche difficolta' a staccare il pezzo dal piano di stampa, con molta pazienda ci riesco ma ogni qual volta che il pezzo si stacca viene via anche un pezzetto di carta dal bed.

la mia domanda e' questa: qualcuno ha avuto esperienze simili? e se si una volta che il piano di carta e' rovinato, lo ha rimosso e se si con cosa lo ha rimpiazzato, nel caso non avesse rimosso la carta danneggiata, ha provato a stampare direttamente sul metallo? con quali risultati?

grazie a presto   

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 2
  • Creato
  • Ultima Risposta

Miglior contributo in questa discussione

Giorni Popolari

Miglior contributo in questa discussione

Io ho l'ANET A8, ed ho avuto esperienze simili alla tua. In un primo momento, più per provare che per altro ho usato il nastro di carta, l'aderenza iniziale era soddisfacente, ma poi durante la stampa si staccava rovinando il tutto, sono passato al piano in vetro, 4mm, pure io quello che avevo in casa, un vecchio ripiano di un mobile. La situazione è migliorata, dopo varie prove, a letto freddo come dicono molti (della cui affidabilità non si discute, tengo a precisare) non sono mai riuscito a stampare, scaldando il bed a 40-60 gradi la stampa teneva, ma su figure complesse o molti pezzi sul bed con lo spostamento dell'estrusore si staccavano. Sono andato di lacca e da allora ho risolto i miei problemi, anche se il letto lo tengo sui 30-40 gradi giusto per la finitura della base, mi piace di più. Effettivamente le prime passate di lacca il pezzo era difficile da staccare. Mi sono stampato questa e va che è un piacere.

Però non ho mai avuto grossi problemi a calibrare il piatto, neanche col vetro, non è detto che essendo vetro sia piano, dipende dalla lavorazione, difatti il mio è un po bombato.

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...