Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Supertia88

Utilizzo di materiali "non convenzionali"... Problematiche e consigli...

Recommended Posts

Salve a tutti...


 


Siamo un gruppo di ricerca universitario che si sta approcciando al mondo della stampa 3D con lo scopo di testare nuovi tipi di polimeri da utilizzare per svariate appliazioni...


 


Dopo una iniziale infarinatura sulle dinamiche di questa tecnologia di manufacturing e sull'utilizzo di programmi di modeling (Autocad 2016) abbiamo deciso di acquistare una Makerbot replicator 2 in quanto valutata adatta per sviluppare il nostro progetto...


 


Premessa: siamo abbastanza competenti nel campo della polimerica e nelle tecnologie di termoplasticizzazione dei polimeri (ottenuta per estrusione). Il nostro laboratorio è fornito di un mini estrusore da banco, bivite della Themo Haake (MiniLab II) che ci permette di lavorare con un ampio range di temperature, velocità di rotazione delle viti, ecc... Nonchè di ottenere misure reologiche utili alla comprensione del comportamento e delle caratteristiche dei polimeri utilizzati...


 


Non mi stò a dilungare su questi aspetti in quanto non voglio andare off topic...


 


Veniamo a noi...


 


Le prove preliminari sono state molto confortanti e ci hanno portato ad ottenere ottimi risultati in tempi brevi ma comunque abbiamo riscontrato alcune difficoltà nello svolgere alcune operazioni...


 


Dividerò volontariamente la procedura di produzione del prodotto finito in 2 parti in modo da porre domande mirate riguardo le due tipologie produttive accoppiate...(buona lettura agli "addetti ai lavori") mi spiego meglio:


 


1) Produzione del filamento da 1,75 mm da utilizzare nella stampante 3D.


 


Il nostro mini estrusore presenta alcune problematiche...


 


a) La camera (dove avviene la lavorazione del materiale) è di soli 7 cm ed alcuni polimeri necessitano di maggiori tempi di lavorazione per ottenere prodotti completamente transiti e termoplastici;


 


B) Non è provvisto di un sistema di "tiraggio del filamento" e di "controllo del diametro" (on line, in tempo reale) all'uscita dalla filiera...


 


Problema parzialmente risolto in modo home-made: abbiamo costruito un sistema di tiraggio con un sistema aggiuntivo di raffreddamento del filamento stampando i componenti con un'altra stampante 3D ed interfacciando il tutto con Arduino; mentre per controllare il diametro utilizziamo un calibro applicato, con un supporto, all'uscita della filiera dove il filamento inizia a raffreddarsi (in modo da non avere variazioni del diametro a valle del sistema).


 


Risoluzione parziale in quanto il filamento prodotto non ha un diametro proprio costante... sappiamo tutti quanto questo aspetto sia importante per il successivo utilizzo con la stampante 3D... (infatti, molte volte si blocca e non stampa)


 


2) Utilizzo della Makerbot replicator 2 per stampare con i nostri filamenti autoprodotti.


 


Alcune problematiche saltano subito all'occhio dopo le prime prove:


 


a) La mancanza del "piatto riscaldato"... Alcuni polimeri non aderiscono in modo ottimale al supporto, diventano, in breve tempo, troppo "rigidi" e non permettono la deposizione di un secondo layer (il secondo layer non aderisce in modo soddisfacente al primo).


 


B) Il sistema di "caricamento/tiraggio" del filamento nel sistema di fusione tende a non essere continuo e fluido e siamo quindi obbligati ad intervenire con una piccola pressione manuale mentre avviene la stampa (fortunatamente stampiamo, per ora, dischi di 3 cm di diametro e con spessore di 600 um con 2 layer totali)...


 


Probabilmente questo è dato dal fatto che il filamento non ha un diametro costante e definito (1,75 mm) e la consistenza dello stesso è molto differente rispetto ai classici PLA o ABS (alcuni polimeri sono più rigidi, altri più soft)...


 


Risoluzione parziale anche in questo caso: sostituendo la "molla" interna al sistema di caricamento, con molle più hard e più soft, siamo riusciti ad adattare il sistema alle diverse caratteristiche dei filamenti provati... ma questo non basta...


 


c) Tutto il sistema tende a sporcarsi ed a intasarsi e quindi siamo obbligati a smontare, pulire e rimontare anche più volte in una stessa giornata di lavoro (penso che per questo terzo punto non ci sia soluzione... purtroppo)...


 


d) Non mi convince molto il sistema di "livellamento" del piatto della Makerbot... Non è molto riproducibile in quanto risente molto dell'"occhio" dell'operatore ed inoltre il sistema della "frizione" con il biglietto da visita non mi sembra molto scientifico... Considerando che dobbiamo soventemente smontare e pulire, le calibrazioni sono frequenti e non sempre è la stessa persona a farle, talvolta succede che non sono fatte ad hoc (e questo si riflette in una perdita di tempo)... (penso che anche questo problema non sia risolvibile in quanto rimane un limite dello strumento... ri-purtroppo)...


 


----------------------------------------------------------


 


Veniamo ora alle "questions"... (divido volontariamente anche queste in due parti, per non creare confusione)


 


1) Domande relative alla produzione home-made dei filamenti:


 


a,B) Conoscete in che modo e con quali apparecchiature, i famosi produttori di filamenti danno vita ai loro prodotti che mettono in commercio? (se si... modelli ed eventuali prezzi)


 


L'ideale sarebbe avere a disposizione un estrusore ("da banco" e di dimensioni non troppo elevate... non come quelli industriali... basterebbe un sistema simile al nostro ma con una camera più lunga) fornito di un sistema di tiraggio del filamento e con un sistema di controllo on line del diametro...


 


2) Domande relative al processo di stampa 3D:


 


a) Esiste la possibilità, e se si il modo, di montare un piatto riscaldato sulla nostra Makerbot replicator 2? (intendo un piatto riscaldato, compatibile e con un'alimentazione indipendente dal sistema della stampante 3D)


 


B) Come posso migliorare ed ottimizzare il sistema di "caricamento/tiraggio" del filamento nel sistema di fusione? c'è un modo di aumentare la "presa" della rotella, nel caricamento, sul filamento? o di aumentarne la "forza"? (scusate se la domanda è un pò confusa)


 


c,d) Pulizia e Calibrazione del piatto della Makerbot? (io ci provo)


 


e) Consigli su altri upgrade o su altre problematiche che al momento non ho considerato... Sicuramente con la vostra esperienza potrete essermi di grande aiuto...


 


------------------------------------------------------------


 


I passi successivi saranno l'acquisto di una stampante con due ugelli (per lavorare contemporaneamente due tipi diversi di materiali e la possibilità di combinarli) e con piatto riscaldato... ma per il momento i test preliminari verranno effettuati con questa che già possediamo...


 


Inoltre vorremmo provare stampe più "complicate" rispetto ai semplici dischi da 600 um, quindi necessitiamo di ottimizzare il processo produttivo in modo da non dover "forzare" continuamente il filamento all'interno del sistema... (per ora un paio di minuti, al massimo, sono accettabili... Un tempo maggiore non mi sembra molto gestibile!!!) 


 


Mi scuso per essermi dilungato ma volevo esporvi i problemi nel modo più completo possibile...


 


... è un progetto a cui crediamo molto e in cui mettiamo tutta la nostra passione... Vi sarò grato se riuscirete a darmi qualche consiglio...


 


Mattia S.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domanda spontanea.. ma proprio una Makerbot dovevate scegliere :) , con tutto quello che c'è in giro...


 


Se non riuscite a garantire uniformità nel diametro del filamento, non andate lontano cioè non stampante nulla di serio..


 


I produttori industriali  utilizzano controllo laser  per garantire uniformità nel diametro.


 


 


Si vi sono in commercio piatti riscaldati indipendenti. 


 


Se volete lavorare con polimeri che siano qualcosa di diverso da PLA, dovrete avere bisogno di una macchina perlomeno chiusa.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio per le delucidazioni a riguardo... potrei chiederti se gentilmente mi indirizzeresti su:


 


- dove posso acquistare il piatto riscaldato indipendente?


 


- dove posso trovare un sistema di controllo ottico del diametro del filamento? modello ed eventualmente prezzi?


 


- estrusori "da banco" integrati con sistema di tiraggio del filamento?


 


... Riguardo all'acquisto della Makerbot... è stato fatto in quanto da "neofiti" ci sembrava la stampante più adatta... Ovviamente con il proseguimento del lavoro ci siamo imbattuti in alcuni limiti non precedentemente considerati (eravamo alle prime armi)... comunque, questa abbiamo, e su questa cercheremo di impostare il lavoro...


 


... invece sul fatto di lavorare con una macchina "aperta" lo trovo un vantaggio in quanto possiamo intervenire manualmente ed in tempo reale quando si presentano "imperfezioni nella stampa"; lavoriamo cmq in un ambiente chiuso e a temperatura controllata dove non si hanno grosse variazioni di umidità...


 


Grazie x la risposta e x l'interessamento...


 


Mattia S.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ulteriori sviluppi (x chi è interessato)...
 
Il lavoro procede bene ma vista la necessità di pulizie frequenti (giornaliere) del sistema ugello/estrusore, necessitiamo di acquistare dei pezzi di ricambio in quanto i continui interventi stanno provocando la "sfilettatura" dei sistemi e danneggiamento dell'ugello...
 
On-line ho visto che vendono i pezzi di ricambio (di solito vendo e compro in E-Bay) ma "made in China" e a prezzi stracciati (circa 2 euro con spese di spedizione gratuite)... X il momento la mia curiosità mi ha portato ad ordinare un paio di ugelli da 0,4 mm e il blocco riscaldato dell'estrusore (allego foto)... anche se sono alquanto scettico riguardo la qualità dei prodotti...
 
qualcuno ha avuto esperienze a riguardo?
 
potete consigliarmi dove, nel caso, acquistare pezzi di ricambio?
 
(Makerbot Replicator 2)
 
... Rinnovo poi le domande fatte nel post precedente... avete qualche indicazione/consiglio da darmi?!
 
Mattia S.

post-1998-0-83950200-1446632559_thumb.jp

post-1998-0-18239700-1446632594_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



  • Contenuti simili

    • Da I3D&MLab
      Salve a tutti,
      è da un pezzo che manco per problemi di lavoro, spero di non essere fuori tempo massimo 🙂 .
      qualche mese fa avevo in cantiere di fare un kit di upgrade per la mia Tronxy X5S al fine di poter riallineare le cinghie degli assi X e Y che stock erano parecchio incasinate e tendevano a innescare un meccanismo di pulsazione del carrello del nozzle. Ho riprogettato le piastre degli stepper poste sul posteriore aggiungendo un rinforzo laterale e spostando i motori verso l'esterno.

      Allo stesso tempo  ho rifatto le piastre anteriore in modo tale da sdoppiare le pulegge di X e Y (le pulegge sono quelle di Shurak prese sul thingiverse)  in maniera di avere delle cinghie allineate con le pulegge degli stepper. Ecco il risultato

      qui si vede il doppio piano delle pulegge e anche il sistema per tendere la cinghia

    • Da Polvekimera
      Buonasera a tutti, mi sono appena iscritto... 
      Ho acquistato la mia prima stampante 3d la settimana scorsa, una greeetech prusa i3 pro w, dopo averla assemblata ho riscontrato vari problemi meccanici, assi z storte, fori troppo precisi ecc. Sono riuscito a sistemare tutto.
      Ora ho un grosso problema, le stampe vengono abbastanza male, l'estrusore a volte fa dei tac strani e anche quando non lo fa e ci sono dei buchi nelle stampe.... Come posso risolvere? 

    • Da Alep
      Come tutti ho fatto un pò di modifiche alla mia stampante e le riporto qui per chi fosse incuriosito o volesse prendere qualche idea.
      In giornata aggiungerò gli stl delle parti stampate ed le foto di altri dettagli..
      Ricordo che ho una Geeetech acrylic pro x modificata a pro x2 bowden e tenete presente che l'ho comperata per esigenze di lavoro ma adesso la utilizzo solo per hobbies
      Questa è la stampante

      e queste le modifiche, quelle stampate sono in azzurro tranne la staffa che tiene i motori che è stampata in nero.
      1 Angoli per facilitare il livellamento, sostituiscono le viti a farfalla originali.
      2 Porta bit per avere sempre sottomano l'attrezzo che serve 
      3 WebCam solidale al carrello che riprende l'oggetto in costruzione anche se molto alto
      4 Illuminazione del piano, è disponibile anche una illuminazione della webcam ma meno efficiente
      5 Regolazione illuminazione webcam
      6 Supporto doppi motori messi dalla stessa parte per ridurre lo spazio preso dai filamenti e montati in modo di essere in vista
      7 Supporto che tiene pinzette e asta per lo spurgo degli estrusori
      8 Miglioramento regolazione asse z limitando i giochi della vite di regolazione
      9 Doppio estrusore Bowden 
      10 Tappetino con funzioni di isolante termico sotto il piatto riscaldato
      11 la camera calda non si vede in foto perchè è realizzata con una semplice copertina messa sopra la stampante.
      Materiali stampati
      Angolari per il iivellamento del piatto
      AngoloPiatto.stl
      AngoloPiattoConPassacavoBig.stl
      PortaBit
      http://www.pittaluga.net/printer3d/staffa10bit.stl
      http://www.pittaluga.net/printer3d/staffa40bit.stl
      http://www.pittaluga.net/printer3d/supportostaffa40bit.stl
      Staffa due motori (per l'angolo uso un angolo in metallo ma ho disegnato anche in angolo stampato , qui li metto entrambi
      http://www.pittaluga.net/printer3d/StaffaMotore2.stl
      http://www.pittaluga.net/printer3d/StaffaMotoreAL.stl
      Centraggio vite home Z (utile solo per il modello della mia stampante Geeetech pro X)
      ZEndStop.stl
      Altri particolari sono cosi specifici che non ha senso riportarli e qualche oggetto è andato perso col cambio di portatile o di harddisk.
       
    • Da AlexPA
      Qualcuno ha mai provato filamenti di quest'azienda o di altre simili che producono filamenti metallici?
      https://www.thevirtualfoundry.com
       
      Inviato dal mio Nokia 2 utilizzando Tapatalk
       
       
    • Da hellomiki
      Salve a tutti, è ormai da un annetto che ho con me una prusa i3 pro w della geeetech, le ho da poco montato un bowden e vorrei iniziare a stampare pezzi più grandi (materiale per cosplay) il problema purtroppo è che il piano che possiede è davvero limitante e mi tocca dividere in davvero troppi pezzetti il modello. Vorrei dunque provare a modificarla cambiandole piatto di stampa passando da un 20x20 ad un 20x30_35 (variando dunque solo la lunghezza su y). Vorrei qualche consiglio riguardo quali pezzi acquistare per effettuare questa modifica (nello specifico quale piatto riscaldato compatibile prendere e se conviene acquistare sempre delle m10 solo più grandi o cambiare proprio tipologia). Se riuscite anche a linkarmi i prodotti che citate ve ne sarei molto grato. Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità. 
  • Discussioni

  • Collaboratori più popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.