Vai al contenuto

Dalla scultura alla scultura 3D..


ZaraK
 Condividi

Messaggi raccomandati

Ciao ragazzi!

Sono uno scultore, anche se non è il termine esatto, perché oltre alle sculture in creta, costruisco anche cose con qualsiasi materiale, plastica, legno.. Quello che ho sotto mano.

Sono appassionato di cinema, cartoni animati, videogiochi e via dicendo, quindi al 99% le mie creazioni riguardano personaggi o accessori riguardanti qualcosa che in quel momento mi ispira particolarmente.

Faccio sia oggetti in scala, che a grandezza naturale. Sono anche cresciuto coi computer e ho qualche conoscenza di programmazione e di elettronica, che a volte implemento sulle mie creazioni (un classico: l'elmo di Iron Man illuminato e motorizzato, gestito da un arduino nano).

Ultimamente ho iniziato a prendere in considerazione le stampanti 3D, non so bene se come "upgrade" di ciò che faccio (una sorta di scultura 2.0), oppure come "assistente", nel senso che mentre io faccio una cosa, la stampante ne fa un'altra.

Ma veniamo al sodo, premetto che ho letto diversi articoli e topic, ma non riesco a trovare un modello adatto, spero mi sappiate aiutare:

1) la dimensione del piatto. Considerando che vorrei poter stampare anche oggetti grossi, mi servirebbe grosso, il 20x20x20 non mi basta. Ipotizziamo ad esempio l'iron man di sopra, come lo stampo un elmo in scala 1:1? Si può eventualmente scomporre? Esempio 2 metà, o 4 pezzi, da riassemblare successivamente?

2) il materiale del filo: non credo sia rilevante, posso sempre utilizzare la stampa come master, fare uno stampo e una riproduzione in resina. Ma diciamo che un ABS dovrebbe andar bene anche per un oggetto finito, giusto?

3) la "risoluzione", ovvero lo spessore degli strati. Ovvio che più fino è e meglio è. Presumo si possa sempre lisciare dopo, di norma io carteggio, non so se si possa fare anche qui.

4) soldi. È la mia prima stampante, non so ancora cosa ne farò o come andrà a finire, quindi non vorrei spenderci troppo. Se rimango nei 500 sarei ben felice. Non credo di avere problemi ad assemblarmela, prendendo un kit completo, quindi qualche euro dovrei risparmiarlo così.

5) le stampanti usate sono da prendere in considerazione?

Grazie a tutti per la pazienza!

Link al commento
Condividi su altri siti

Io faccio di mestiere esattamente le stesse cose che fai tu... Io ho una Sharebot NG e mi trovo bene.


 


Per la dimensione, non farti trarre troppo in inganno, una stampa grande vuole anche dire tempi lunghi, io realizzo caschi in scala 1:1 ma non mi sognerei mai di stamparne uno intero, sono sempre oggetti scomposti e ricomposti.


 


Dov'è che si possono vedere un po' di tuoi lavori?


  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao alessino, di dove sei? Io di Follonica in Toscana.

Ora sono al volo dal telefono, in serata magari posto qualcosa. Sto lavorando proprio adesso all'elmo di Clayton Carmine di gears of war 3!

Nel frattempo ero arrivato anche io alla conclusione di stampare a pezzi, leggendo ancora qua e là.

Intanto mi leggo qualcosa sulla tua stampante! Grazie per l'interessamento

Link al commento
Condividi su altri siti

allego una foto del mio Predator, anche se qui mancano ancora i capelli, una dell'iron man e qualche altra cosa che ho trovato al volo. Il Predator ce l'ho intero versione "scar" di Avp, ma qui avevo solo la foto dell'elmo di Predator 2.

Ovviamente con la stampante farei solo le parti meccaniche o comunque rigide, ovvio che una maschera in lattice continuerei a farla col metodo classico.

Ho visto la tua stampante, molto bella anche esteticamente ma non l'ho trovata a meno di 1500/2000 e per me che mi sto avvicinando in questo momento direi che sono troppi!

Qualcuno mi sa dire qualcosa sulla prusa i3? Ne ho trovate in rete dai 200 ai 400 circa.

post-2049-0-61789000-1445806303_thumb.jp

post-2049-0-96710100-1445806373_thumb.jp

post-2049-0-47668100-1445806470_thumb.jp

post-2049-0-17128600-1445806506_thumb.jp

Link al commento
Condividi su altri siti

Allora, visto che hai già un'ottima manualità, ti sconsiglio di andare su stampanti che non ti garantiscano già un risultato buono (o ottimo) perchè altrimenti finiresti per continuare a fare tutto a mano, in preda alla frustrazione data dai risultati disastrosi.


 


Un ragazzo con cui collaboro ogni tanto ha una prusa in kit, ma nonostante sia un ottima stampante per capire come funziona la stampa e per familiarizzare con i processi, non è adatta per produrre pezzi con la qualità che hai in mente tu.


 


E' ovvio che in post produzione poi i pezzi sono adattabili, ma se lo stesso monte ore che impiegheresti per rifinire un pezzo lo useresti per farlo da zero (più i tempi ed i costi di stampa) non so quanto convenga.


 


In pratica: se vuoi prendere una stampante 3D perchè vuoi capire come funziona ok, se hai intenzione di produrci qualcosa per il tuo lavoro valuta una stampante di qualità, altrimenti tieni da parte i soldi e rimanda l'acquisto.


Link al commento
Condividi su altri siti

Bella domanda. L'idea di capirne il funzionamento era parte della scelta di prendere un kit i3, ma non pensavo che la qualità di stampa fosse così bassa.

Ho visto il tuo casco qui sul forum, e anche nelle foto coi pezzi appena stampati, anche se si notano gli strati, mi sembrano comunque di ottima fattura.

In realtà la mia idea era: se tanto devo carteggiare e stuccare, mi conviene spendere 4/5 volte di più solo per avere degli scalini più piccoli? Detto proprio terra terra.

Da una parte vorrei partire subito a bomba con un oggetto di qualità (e che produca oggetti di qualità), dall'altra vorrei spendere una cifra giusta come primo passo in un mondo nuovo.

Non credo che smetterei di farmi le cose a mano, mi piace, mi rilassa e mi gratifica.. Magari compro una stampante e dopo 2 mesi non la uso più, come magari la prendo e mi do alla scultura 3D abbandonando/limitando quella manuale.

C'è anche da dire che se ti esce un pezzo spettacolare ti invoglia sicuramente a proseguire, mentre se ti esce un troiaio finisci per lasciar perdere.

Link al commento
Condividi su altri siti

Il problema non è la risoluzione dei layers, che tanto per quello che dovrai fare tu sarà sempre da sistemare a mano, ma il rapporto tra il tempo impiegato per far funzionare la macchina e quello in cui la macchina produce.

Alcune macchina sono pensate per essere accese e iniziare a funzionare, altre richiedono una serie continua di aggiustamenti, prove, adeguamenti, etc. Se il tuo obiettivo è quello di fare esperienza nel campo allora le seconde vanno bene, ma se vuoi semplicemente che quando lanci una stampa l'oggetto esca ti conviene andare su un prodotto diverso, tipo la mia (o altre stampanti pronte per l'uso tipo la zortrax o la wasp).

Capisco che sembra un discorso un po' drammatico, ma ti consiglio di fare semplicemente un giro sul forum e leggere i messaggi nelle varie aree, vedrai che per alcune stampanti il problema tipo è sul fine tuning mentre in altre è "aiuto la macchina non si accende" o "la stampa dopo 5 minuti si interrompe".

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...