Vai al contenuto

  

7 utenti hanno votato

  1. 1. Questo articolo è stato utile?

  2. 2. Scegliereste una macchina senza provarla?

  3. 3. Dopo un consulto sul forum, acquistereste una macchina online?



Messaggi raccomandati

Questa sezione è molto frequentata da utenti alla ricerca di "consigli per gli acquisti". E naturalmente, come accade in molti forum, anche da utenti desiderosi di fornire tali consigli.

Qualcuno è in assoluta buona fede, e innamorato della propria macchina, la suggerisce. Oltre a questo tipo di profilo ce ne sono però diversi altri: utenti che suggeriscono certi modelli per ricevere qualche "bonus" dai rivenditori che caldeggiano, utenti che - sotto un innocquo Nickname - sono in realtà commercianti o procacciatori d'affari, utenti che (come nel mio caso) sono rivenditori o distributori, ma quantomeno palesano questo ruolo nella loro firma.

 

Fermo restando che è sempre utile sentire più consigli possibile, come fare a riconoscere un "compagno di bevute" da un "oste", quando si chiede se il vino è buono?

 

La prima cosa è berlo, il vino. O meglio, visto che parliamo di macchine e non di vino, provare le macchine suggerite. 

 

Come provare una macchina

Alcuni rivenditori o commercianti hanno tutta l'esperienza necessaria a far sembrare meravigliosa una macchina mediocre. Espongono stupendi modelli stampati, e sono pronti a sciorinare scuse di vario genere per convincerci che la macchina che abbiamo di fronte (spenta) è veramente quella che ha prodotto tali meraviglie. Qualche complicata informazione tecnica, un contratto apparentemente vantaggioso, magari il regalo di qualche bobina e il gioco è fatto. Siamo già nei guai. Appena a casa, col nuovo giocattolo sottobraccio andiamo a fare ricerche e comparazioni su Internet. Per scoprire a volte che quello che abbiamo appena comprato non è il modello più recente della casa, che ne è stato appena annunciato un altro molto migliore, o che è cronicamente afflitto da problemi e i vari forum sono pieni di lamentele.

Allora facciamola veramente questa prova. Chiedendo al negoziante di stampare un nostro pezzo (piccolo, mi raccomando) davanti a noi, in diretta. E possibilmente, richiedendo di cambiare il colore del filamento con un altro.

Potremo capire tante cose. Ad esempio, se è necessaria una qualche complicata calibrazione prima di effettuare la stampa. Quanto impiega la macchina a riscaldarsi, dal momento in cui viene accesa. Se sono necessarie o meno varie alchimie per migliorare il grip (lacca per capelli, vinavil, nastri adesivi, collanti etc.). Quanto è lunga e se è comoda o meno la procedura di cambio filamento. Com'è l'interfaccia del software e se è facile da usare. Quanto la macchina è rumorosa, o emana cattivo odore durante la stampa. Come stampa (sempre che non intervengano durante quest'ultima vari killing point, come deformazioni, crepe, distacco della parte etc.). Come si rimuovono i supporti ed eventualmente rifinisce la parte. Ecco, questo - al di la delle marche che ci propongono e del loro blasone, è un test valido per capire se un certo modello è più o meno adatto di un altro alle nostre esigenze.

Sarà poi comunque bene chiedere altre informazioni generali, quali la durata della garanzia, chi eroga l'assistenza in caso di necessità, quanto costano i materiali, quali può usare etc.
Un venditore onesto non rifiuta una prova, ed offre tutte le informazioni necessarie ad orientarsi.

Si potrà obbiettare che in questo modo, se le macchine "possibili" sono diverse, ci vorrà tempo per valutarle. Certo, ma è meglio investire un po' di tempo prima, che porre riparo ad un acquisto sbagliato (e a tutte le conseguenze che comporta) dopo. E poi, per almeno "ridurre" il numero delle macchine di potenziale nostro interesse, possiamo sempre informarci più possibile prima, ed i forum sono un buon canale di informazione. Facendo appunto qualche attenzione agli "osti" pronti a decantare i loro vini.

 

Come capire se un suggerimento è valido

Se un volenteroso "utente" declama con troppa enfasi un certo modello, sarà bene insospettirsi. Cerchiamo di capire se si tratta di un appassionato, o di qualcuno che ci offre consigli per interesse. Come fare? E' semplice: leggiamo qualche decina dei suoi post. Sarà facile capire se dietro ad un sedicente modellista, ad un maker o ad un Fablab si cela in realtà un'organizzazione commerciale.

I regolamenti del forum (almeno, di questo forum) prevedano che il proprio eventuale status di "professionista della vendita" venga esplicitato, ma come è facile intuire, proprio per lasciar apparire i propri consigli come "disinteressati", non tutti aderiscono al codice di condotta. Ovviamente, nel caso di utenti che rappresentano formalmente rivenditori o distributori, è comprensibile che promuovano particolari modelli. E non è detto che si tratti di prodotti scadenti: i rivenditori seri e competenti scelgono i loro prodotti, magari attraverso lunghe prove, e non cercano di vendere, soprattutto se godono di una buona reputazione sul mercato, prodotti scadenti facendoli passare per validi.

 

Come sfruttare le competenze (e le esperienze) della comunità

Bene. Abbiamo imparato a riconoscere i "furbetti", abbiamo provato qualche modello, ma ancora siamo incerti. Sarebbe bello avere a disposizione i modelli che hanno resistito allo screening per un certo periodo di tempo, così potremmo capire quanto sono affidabili, o se manifestano dopo un breve periodo dei difetti pregiudizievoli. Questo magari il venditore non ce lo concederà... ma non ce ne è bisogno. La comunità del forum serve proprio a questo. Altri prima di noi hanno acquistato, provato, usato le macchine. Questa esperienza è preziosa per noi che dobbiamo scegliere. Sfruttiamola.

Una volta individuato il modello (o i modelli) che saremmo disposti ad acquistare, andiamo nel forum a cercare i post delle persone che già lo utilizzano. Potremo scoprire tante cose, positive o negative.

Venditori poco affidabili, ritardi di spedizione, imballaggi approssimativi, difetti di funzionamento, problemi di garanzia, mancata assistenza potrebbero rivelarci il "lato oscuro" di una macchina che fino a poco prima era l'ideale per le nostre esigenze e il nostro budget. Basta scavare un po' a fondo, con santa pazienza. Nel tempo, il forum è implacabile: i nodi vengono al pettine.

Da evitare le recensioni (spesso pilotate), le classifiche (vi siete mai chiesti il perché siano sempre così diverse tra loro?), gli articoli (spesso basta pagare un'inserzione per ottenere una recensione più che positiva). A leggere i giornali specializzati, non c'è una stampante che stampi male o che presenti difetti. Per la mia esperienza (ne ho provate quasi 200), sono invece pochissime quelle che stampano bene e risultano affidabili.

 

Spero che questo scritto non risulti troppo cinico, ed aiuti gli aspiranti makers, designer o progettisti a fare la scelta giusta. Spero anche che ai miei si aggiungano altri suggerimenti generali su come orientarsi per un acquisto. Nella comunità ci sono molte persone competenti che possono fornire la propria esperienza ed arricchire questo post.

 

Pietro Meloni

 

 

 

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Sarà poi comunque bene chiedere altre informazioni generali, quali la durata della garanzia, chi eroga l'assistenza in caso di necessità, quanto costano i materiali, quali può usare etc. Un venditore onesto non rifiuta una prova, ed offre tutte le informazioni necessarie ad orientarsi.
 io penso sia una delle cose da mettere in risalto.

 


Aggiungerei poi:


 


- Chiedere quali materiali REALMENTE può stampare e con che qualità. Se si usano bobine consigliate (o vincolate dalla casa con chip) chiedere se è realmente fattibile inserirne di terze parti. E' inutile comprare una DaVinci per poi scoprire che le bobine del produttore costano un botto e bisogna diventare scemi a resettare il chip ogni volta.


 


- Quando si compra una macchina con firmware "aperto" e che permette l'utilizzo di vari software di slicing non vi fermate alla prima stampa andata male. Se il profilo di stampa che avete usato lo avete creato voi per la prima volta senza alcun tipo di nozione prima di dare la colpa alla stampante pensate prima di aver eseguito un corretto slicing. Se alla macchina gli si dice di fare A... lei fa A!


 


@ShareMind quanto alla critica rivolta ai fablab, dato che sono l'unico a scrivere, posso assicurarti di aver riparato e consigliato molte altre macchine che non fossero le Sharebot. A chi si presenta in Fablab per chiedere consigli sia esso un privato o una azienda la prima cosa che chiedo loro è: che ci devi fare con questa macchina? Posso dirti che in molti casi ho consigliato la tua cara M200 anche se non ho nessun "bonus" da parte dell'azienda Zortrax come anche se consiglio Sharebot sul forum non ho "bonus". Ho consigliato WASP, Montato Prusa a non finire,Consigliato le fabtotum e le DWS, autocostruito macchine per i soci , riparato delle Davinci, Montato delle mendel, eseguito consulenze in esterna per ditte importanti e bestemmiato dietro alle cubex. eppure? Eppure io Andrea Pirazzini rivendo Sharebot all'interno del Fablab Padova ma proprio per questo non mi sono mai permesso di screditare marche altrui o di costringere a comprare la 3D di Sharebot a tutti i costi. Io non vendo le pentole come un noto conduttore televisivo. 

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Dimenticavo:


 


Molti dei commenti negativi che si trovano sui forum arrivano da gente che magari non sa usare la stampante 3D e che al primo intoppo giudica. Se così fosse la community reprap non dovrebbe nemmeno esistere. Quindi come analizziamo chi consiglia controlliamo anche chi critica. Una banalissima ed economica prusa i3 ,se usata come si deve, produce ottime stampe


  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

@FabLab Padova


 


Il post riguarda il rapporto tra chi si affaccia in un forum (non necessariamente in questo) per chiedere consigli, e ottiene suggerimenti che celano in realtà interessi economici.


Il riferimento a modellisti, Makers, Fablab non è rivolto a qualcuno in particolare, ma in generale a chi, svolgendo attività commerciali, si qualifica in modo più rassicurante come un appassionato. Se ti senti citato, forse dovresti cambiare firma, visto che dichiari di vendere uno specifico marchio "all'interno del FabLab Padova", ma questo non viene esplicitato nel tuo biglietto da visita.



Per quanto mi riguarda, non solo ho svariate volte consigliato prodotti che non vendo, ma sul mio sito ci sono circa 200 recensioni di quasi tutti i modelli di stampanti per uso personale, la maggior parte delle quali positive, e circa 300 articoli generici relativi alle tecniche di stampa 3D. Ciò non toglie che comunque mi qualifico per quello che sono, un distributore di macchine e di software.


 


Il fatto che nei forum vi siano commenti negativi evidenzia - a meno che non si tratti di commenti strumentali - espressi da persone o organizzazioni con l'intento di screditare deliberatamente un prodotto, che qualcuno con quelle particolari macchine (o software, o filamenti etc.) si è trovato male. Per chi si avvicina, o deve effettuare un acquisto, non è cosa da trascurare. Tutto si può risolvere, mettere a punto, riparare, modificare. Ma un nuovo acquirente dovrebbe sapere, in procinto di un acquisto, se sta comprando una cosa che funzionerà in modo semplice, affidabile e fruibile, o se per stampare dovrà aggiungere un piano riscaldato, cambiare l'estrusore, impazzire con incomprensibili parametri etc. Il punto non è se una RepRap o una qualsiasi altra macchina può essere messa o meno in condizioni di stampare. Il punto è che un venditore (palese o occulto) dovrebbe esplicitare le difficoltà di utilizzo alle quali un neofita può trovarsi davanti nell'acquisto di quella particolare macchina. E siccome questo spesso, proprio per motivi commerciali non viene fatto, il mio suggerimento di consultare i forum per raccogliere le opinioni - positive o negative - di chi ha già fatto esperienze può essere prezioso per evitare frustrazioni. Chi poi, per questioni di budget, di campanilismo o di gusto per il brivido decide comunque di acquistare un prodotto del quale ovunque si parla male è liberissimo di farlo; il compito dei vari "Smanettoni", "3D Print Expert", "Master", "Evangelist" etc. dovrebbe essere comunque quello di promuovere la consapevolezza di cosa si sta acquistando. Perché chi entra per la prima volta con le idee confuse e si vede rivolgere attenzioni da questi super-esperti, si aspetta quello, non che qualcuno gli propini quello che gli fa comodo.


Link al commento
Condividi su altri siti

Dimenticavo:

 

Molti dei commenti negativi che si trovano sui forum arrivano da gente che magari non sa usare la stampante 3D e che al primo intoppo giudica. Se così fosse la community reprap non dovrebbe nemmeno esistere. Quindi come analizziamo chi consiglia controlliamo anche chi critica. Una banalissima ed economica prusa i3 ,se usata come si deve, produce ottime stampe

 

Non mi trovo a condividere tutto quello che ha scritto @ShareMind

ma l'approccio del mondo reprap è fin troppo Iconoclasta e alcuni produttori provengono da quel mondo.. e in alcuni casi è da scrivere purtroppo.

 

Si condivido con una prusa bene settata e supportata bene da un programma di Slice ci fai molto, ma calcola le ore e gli interventi che ci devi fare, quella Prusa ha un costo fuori mercato.. se è un Hobby è un Hobby... ( se mi dovessero pagare per tutte le ore che sono andato in bici per Hobby farei collezione di Picasso.. :) )

Se invece lo trasferisci al mondo professionale, cambia tutto e quella Prusa diventa inutilizzabile, quindi se hai speso 500 euro li hai gettati nel cesso..!!

 

Quindi se vendi una macchina Open almeno vendila con dei settaggi di base che possa portarti a risultati certi..

Link al commento
Condividi su altri siti

@AndBag molti di quelli che si affacciano sui forum generalmente sono hobbysti. Il discorso Prusa lo riferivo ovviamente ad un mercato consumer, per il mercato business ci vorrebbe una migliore propensione alla ricerca dei prodotti da parte delle aziende.Meno tempo perdono e meglio è: quando ne trovano una e gli va bene prezzo e qualità di stampa la prendono. E alla fine ti arrivano con una Prusa pensando di poter stampare come una stratasys da 200k. Molte ditte manco sanno che esistono i forum!


Link al commento
Condividi su altri siti

Credo che il punto sia un altro. Non ho mai affermato (né lo penso) che una Prusa o una qualsiasi macchina economica non debbano avere un mercato. Tra l'altro, per un hobbista che vuole comprendere a fondo i principi della stampa 3D, montare un kit è la cosa migliore. L'importante è che venga reso consapevole di cosa sta acquistando, delle difficoltà che incontrerà, dei limiti di questo tipo di macchine. Un utente attento, che abbia la pazienza di consultare forum e leggere i post di chi ha vissuto certe esperienze, potrà comunque fare un acquisto responsabile e privo di sorprese. Il punto è che chi riceve pressanti "consigli" per l'acquisto si documenti a fondo rispetto ai modelli suggeriti e ai problemi che gli utilizzatori di quei modelli hanno già evidenziato. Se la sezione dedicata ad una certa marca ha il novanta percento dei post che segnalano problemi, forse quella macchina non è un buon affare, checché ne dicano i "suggeritori".

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...