Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'supporti'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per autore

Tipo di contenuto


Categorie

  • Novità
  • Guide
  • Stampanti 3D
  • Recensioni
  • Materiali
  • Software
  • Eventi
  • Community

Forum

  • Benvenuto
    • Presentazioni
    • Nuove idee e progetti
    • Guide di Stampa 3D forum
    • Notizie sulla stampa 3D
  • Stampa 3D
    • La mia prima stampante 3D
    • Stampanti 3D al dettaglio
    • Problemi generici o di qualità di stampa
    • Hardware e componenti
    • Software di slicing, firmware e GCode
    • Materiali di stampa
    • Stampa 3D industriale
  • Modellazione 3D
    • Problemi di modellazione 3D, gestione mesh, esportazione in stl
    • Scanner 3D
  • Guide, recensioni, profili di stampa, esperienze
    • Guide della redazione
    • Database materiali
    • La mia stampante 3D e il mio laboratorio
    • Le tue stampe - Album fotografico dei migliori modelli 3D
    • Profili di stampa 3D
    • Recensioni e tutorial
    • Servizi di stampa 3D/ Negozi / E-commerce
  • Eventi e corsi sulla stampa 3D
    • Eventi e fiere
    • Corsi, concorsi, workshop
  • Off-Topic
    • Off-Topic in generale
    • Incisione e taglio laser
    • Fresatura CNC
    • Droni
  • Mercatino
    • In vendita
    • Cerco
    • Offerte di Lavoro
    • Offerte e Codici Sconto
  • Feedback e Comunicazioni alla Community
    • Comunicazioni interne
  • Geeetech's Discussioni
  • Geeetech's Video
  • Presepe stampato 3D's Discussioni
  • Club di Fabula 3D's Discussioni
  • Progettare una CNC's Discussioni
  • Club di Alessio Iannone's Discussioni
  • Club di Alessio Iannone's Le basi per imparare Autodesk Fusion 360
  • Miniature e action figures's Discussioni

Calendari

  • Community Calendar
  • Eventi YouTube
  • Eventi pubblici
  • Geeetech's Eventi
  • Presepe stampato 3D's Pianificazione lavori
  • Club di Fabula 3D's Eventi
  • Progettare una CNC's Calendario del gruppo CNC
  • Club di Alessio Iannone's Eventi
  • Miniature e action figures's Calendario

Blog

  • Novità
  • Guide
  • Stampa 3D forum
  • Club di Fabula 3D's Blog
  • Club di Alessio Iannone's Blog

Product Groups

  • Codici sconto
  • T-shirts
  • Pubblicità

Cerca risultati in...

Trova risultati che contengono...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Instagram


Twitter


LinkedIn


Facebook


Website URL


Città


Lavoro


Interessi

Trovato 15 risultati

  1. Salve a tutti, sto cercando di generare automaticamente dei supporti su PrusaSlicer per il modello che intendo stampare, mi sembra strano però che formi dei supporti così "strani" che non credo possano effettivamente essere stampati. Qui le impostazioni dei supporti In più le altezze dei layer non mi sembrano omogenee
  2. Realizzare superfici inclinate con la stampa 3D FDM è sempre una piccola sfida. Il materiale di stampa quando viene estruso è morbido, quasi fuso. Di conseguenza tende a collassare per azione della forza di gravità. Nelle precedenti guide di Stampa 3D forum ci siamo focalizzati sui problemi medio-complessi per la stampa 3D FDM. Abbiamo visto come eliminare il wobble, così da ottenere pareti meno deformate possibile. Abbiamo imparato a usare la funzione z-hop, che ci aiuta a mantenere pulite e inalterate le superfici orizzontali esterne. Abbiamo poi affrontato le parti a sbalzo di un modello, cercando di capire come limitare i danni che potrebbero seguirne. Nella guida di oggi andremo ad analizzare un altro degli aspetti problematici della stampa 3D a fusione di filamento: la produzione delle superfici inclinate. Non preoccuparti, non dovrai modificare il tuo modello 3D... a darci una mano sarà il tuo software di slicing! In questa guida: > Come evitare l'uso dei supporti nella realizzazione di superfici inclinate > Consigli per evitare l'uso dei supporti > Usare i supporti per realizzazione superfici inclinate > Usare supporti solubili Come evitare l'uso dei supporti nella realizzazione di superfici inclinate Tramite la corretta impostazione di alcuni parametri, i software di slicing ci offrono diversi modi per produrre superfici inclinate nella maniera corretta. Uno dei sistemi più comuni è quello di utilizzare i supporti. Certo, ottimo spunto! Per ottenere i migliori risultati è però necessario approfondire la problematica di base. Da impostazioni standard, il software di slicing genera i supporti quando le superfici del modello superano i 45° di inclinazione. Aiutandoci con l'immagine sottostante, immaginiamoci quindi un blocco estrusore che va a depositare, con layer da 0.3 mm, il materiale per realizzare una superficie inclinata a 45°. Il filamento poggerà solamente in piccola ampiezza sul layer precedente, mettendo a rischio di collasso la parte di filamento che resta a sbalzo. Questa porzione di filamento potrà creare deformazioni superficiali sul modello, rovinandone l'estetica e la resistenza alle sollecitazioni. Ma questo accade in ogni caso? È sempre 45° il valore oltre cui devono iniziare a comparire i supporti? No, non è sempre così. Per capirlo basta schematizzare un’estrusione con un ugello di diametro 0,4 millimetri ed analizzare due diverse situazioni: una con altezza di layer di 0.3 mm e un’altra con altezza di 0.15 mm. Possiamo constatare che, a parità di inclinazione della parete (45°), lo sbalzo del filamento è pari all’altezza del layer impostata. Anche se tra un esempio e l'altro la situazione rimane apparentemente invariata, il risultato estetico finale va sempre rapportato all'ampiezza del filamento estruso. Se consideriamo un'ampiezza di estrusione pari a 0.4 millimetri (lo standard per la stampa 3D FDM), vediamo che: nel primo caso il filo esce dal perimetro inferiore di 0.3 mm, pari a più della metà della sua ampiezza; nel secondo caso, lo sbalzo pari a 0.15 mm, risulta pari a meno della metà dell'ampiezza di estrusione. Ne risulta che, a parità di inclinazione, un'altezza di layer minore aiuta a produrre delle pareti di migliore qualità, limitando la deformazione di materiale e rendendo l'utilizzo dei supporti non strettamente necessario. Questo si può ripercuotere in modo importante sulla vostra realizzazione: la produzione dei supporti prevede un maggior utilizzo di materiale, un prolungato tempo di stampa e un maggior rischio di rovinare il pezzo durante la loro rimozione. Insomma, la prima regola da tenere in considerazione è chiara: se puoi, evita l'uso dei supporti! Consigli per evitare l'uso dei supporti Fare attenzione alla correlazione geometrica tra l'inclinazione delle superfici e l'altezza del layer è sempre la prima cosa da fare se si vuole evitare l'uso dei supporti nella stampa 3D. Ci sono però anche altre accortezze da considerare e che possono aiutarti davvero tanto nell'ottenere i migliori risultati. Il materiale di stampa Come prima cosa, parliamo del materiale di stampa. Se usi un materiale di bassa qualità o una bobina aperta da mesi e mesi, non puoi aspettarti grandi risultati estetici. Per questo motivo il mio primo consiglio è quello di assicurarti di utilizzare un materiale di buona qualità. Hai mai provato il filamento SUNLU PLA+? E' uno dei materiali di stampa 3D più apprezzati per le sue caratteristiche estetiche e il basso costo. Vedi offerta su Amazon In alternativa, se hai già del materiale in casa ma non hai certezze sullo stato di conservazione, potresti valutare l'acquisto di un piccolo essiccatore per filamenti d stampa 3D. Si tratta di uno strumento molto utile che può farti risparmiare un sacco di soldi nell'acquisto di nuovo materiale, perché ti permette di eliminare l'umidità dai filamenti che sono già stati aperti. E' sicuramente una buona scelta per evitare gli sprechi! Il più utilizzato in assoluto è il SUNLU Dryer Box, anche perché costa davvero poco (appena 49 €). Vedi offerta su Amazon I parametri di stampa Inutile dirlo, ma i parametri di stampa hanno sempre un ruolo centrale nella buona riuscita delle nostre stampe 3D. In questo caso specifico, dovremo porre attenzione a tre parametri in particolare: la temperatura di stampa; la velocità di stampa; la velocità delle ventole di raffreddamento. Se scaldi troppo il materiale, questo tenderà a colare maggiormente sotto l'azione della forza di gravità. In sostanza, non esagerare con la temperatura di stampa. La velocità di stampa incide molto sul tempo che ogni layer ha a disposizione per raffreddarsi. Nel dubbio, rallenta! Infine, l'azione delle ventole di raffreddamento del materiale è fondamentale per limitare i collassi. Se stampi in PLA, usa le ventole a massima velocità. Se ti interessa approfondire, nella guida generale alla stampa 3D si parla anche di questo. Usare i supporti per realizzare superfici inclinate Ammettiamolo però, evitare l'uso dei supporti non è sempre così facile. Tutto dipende dalle geometrie del modello 3D che vuoi realizzare e, spesso, non è proprio possibile andare in stampa senza l'aiuto dei supporti. Ebbene, non devi avere timore: i supporti possono essere dei fedeli alleati alla buona riuscita delle tue stampe! Ed è qui che introduciamo una seconda regola fondamentale: se vuoi usare i supporti, gestisci bene i parametri. Come impostare correttamente i parametri dei supporti Su tutti i software di slicing è possibile impostare parametri di gestione dei supporti. Tra questi, uno dei più importanti è la distanza tra la parte superiore del supporto e la faccia del modello da sostenere. Ipotizzando che il modello venga realizzato con lo stesso materiale utilizzato per i supporti, occorrerà distanziare quest'ultimi per non farli aderire troppo al pezzo. Il rischio, infatti, sarebbe quello di ritrovarsi un tutt'uno tra le pareti del modello e i supporti stessi. Allo stesso tempo, però, non bisogna esagerare distanziandoli troppo, scongiurando cedimenti del materiale. Normalmente l’offset tra le parti (cioè la distanza tra le due superfici) è impostato a 0.1 mm. Questo valore può variare leggermente in base alla qualità del filamento, alla qualità di adesione tra i layer e alla potenza di raffreddamento del filo estruso. Poni attenzione anche alla densità dei supporti. Se li rendi troppo vuoti e poco consistenti, rischierai che non riescano a svolgere la loro funzione. Usare supporti solubili Se la tua stampante 3D è provvista di doppio estrusore, una soluzione per migliorare la stampa delle superfici inclinate è l’utilizzo di supporti solubili. I supporti solubili vengono realizzati con materiali, per l'appunto, solubili in acqua. Una soluzione semplice quanto funzionale! Immagina: con uno dei tuoi estrusori realizzi il modello 3D col materiale che preferisti, mentre con l'altro estrusore vai a stampare soltanto i supporti utilizzando il filamento in PVA. A fine stampa, non devi fare altro che gettare il modello in un contenitore riempito con dell'acqua, lasciandolo a bagno per un po' di tempo. I supporti solubili inizieranno a sciogliersi, facilitandone la rimozione o sparendo completamente. Mi raccomando, assicurati di usare del PVA di buona qualità. Quello di Formfutura è sicuramente uno dei migliori. Lo trovi a questo link. Vedi offerta su Amazon Oltre ad evitarci la noia della rimozione manuale, i supporti solubili permettono di portare a 0.0 mm la distanza con il pezzo da stampare, così da evitare anche il minimo collasso di materiale. Spero davvero che questa guida ti sia stata utile! Mi raccomando, lascia un commento, iscriviti alla community e facci sapere quali risultati stai ottenendo. A presto!
  3. Buongiorno. Da qualche tempo sto sperimentando sulla mia anycubic i3 mega S la stampa con raft. I risultati sono abbastanza buoni, ma la cosa che mi ha esterrefatto è come, con le impostazioni di default per il raft, la stampa si stacchi molto facilmente dal raft mentre i supporti ad esempio rimangano fermamente incollati allo stesso. Mi chiedevo allora, quali sono, secondo voi, i parametri da copiare dal raft per ottenere un supporto (superiore e/o inferiore) facilmente staccabile. Ricordo che il materiale è il PETG,che quando aderisce tra strati è una bella rogna. Grazie mille in anticipo dei consigli
  4. Salve ragazzi, dopo un po' di stampe semplici ho deciso di concentrarmi con qualcosa di piu' complicato, ma il risultato non e' dei migliori... Non credo di aver utilizzato i supporti in modo corretto (che pure sono stati stampati in gran quantit, v.sotto). In particolare: - La scarpa sx di Yoshi, pur se supportata sotto il tallone, è collassata - Le manina dx di Baby Mario si è perduta come lacrime nella pioggia - Il pollice dx di Yoshi è oggetto di un vistoso displacement Queste sono le ipostazioni utilizzate (non chiedetemi perché sono spariti i colori, non ne ho idea) c'è qualche settaggio dello slicer che posso modificare per avere un risultato migliore? Io non ne ho proprio idea sono sincero ?_?
  5. Se si vuole stampare con una stampante a doppio estrusore un file che necessita di supporti, come si fa nello slicer CURA (o in altri) ad assegnare il primo estrusore all'oggetto modellato (PLA) e il secondo estrusore ai supporti (materiale eventualmente degradabile, o comunque più tenero)?
  6. Ciao a tutti, oggi ho provato a stampare la riproduzione della statua della dea egizia Bastet, prima a grandezza ridotta rispetto al file di Scan the world, poi al naturale. Il primo modello l'ho dovuto buttare, perché nel rimuovere i supporti di stampa si è spezzata una zampa. Il secondo l'ho stampato alla sua grandezza naturale dimezzando in Cura l'opzione Densità del supporto, da 20 a 10. Beh, dopo 8 ore e mezza di stampa circa e nonostante tutte le attenzioni, scottato dal caso precedente, la zampetta si è rotta di nuovo! Però non mi andava di buttare via il modello di nuovo, quindi ho provato a riattaccarla con l'Attak, speriamo che tenga. Ma la domanda che ho è questa: come accidenti si rimuovono i supporti senza danneggiare il modello? O esiste un qualche altro parametro in Cura per alleggerirli ancora di più? Impossibile usare (almeno in questo caso) un taglierino, perché il supporto era anche tra le "zampe" della statuetta, e capire dove "operare" ci vorrebbe un chirurgo.. Ecco la foto comunque. La qualità, incidente a parte, mi sembra buona. PS: al solito, sto leggendo la guida che mi è comparsa a destra: https://www.sharemind.eu/wordpress/supporti/ Interessante assai!
  7. Ciao! Smanettando nei mesi stampando parecchie cose, ho avuto una piccola idea per riutilizzare i telai delle bobine vuote In breve, vorrei riutilizzare le parti dove viene arrotolato il filamento per costruire una decorazione muraria simil-steampunk, stampando dei supporti cilindrici da attaccare al muro e degli ingranaggi decorati leggermente più grandi del raggio della parte concentrica, attaccarli, e costruire una sorta di meccanismo azionato a manovella. Non sarebbe di nessuna utilità, se non puramente decorativo per riempire una parete vuota in mezzo a una libreria Come dimostrazione, vi metto qui una parte di progetto che sto disegnando. In pratica, taglio la bobina a metà nel tubo centrale ottenendo così due supporti. Poi stampo un cuscinetto (o ne prendo uno di legno, è uguale) da inserire nel buco centrale da fissare al muro, ma di un mm più piccolo per permettere alla bobina tagliata di slittare. Sulla parte piatta, fisso tramite viti e trapano un ingranaggio con un raggio pari ad esso, ma con i denti che fuoriescono, in modo tale che si crei il movimento meccanico. Per rendere tutto più leggero, utilizzerei un infill del 15% in alcuni, mentre altri, stampati a shell e divisi a metà, utilizzerei un riempimento fatto con materiale di scarto come fogli di giornale e colla per bricolage, la stessa che si usa nelle scuole materne per costruire, in modo da dare loro un peso maggiore. La prima bobina, invece avrà una manovella, opportunamente scalata per essere usata con tutta la mano fungerà da "start point" che ne pensate? . ============ IDEA 2 Questo invece è un modello che mi hanno commissionato, e siccome è la prima statuetta che mi viene richiesta, sono un pò indeciso su come impostare la stampa. Vorrei fare un infill che spazia tra il 25 e il 50% per renderla dura e resistente, ma vorrei anche sapere quali siano le impostazioni migliori per il supporto. Pensavo alle impostazioni riportate in foto. Però voi, sicuramente più esperti di me saprete cosa consigliarmi. Grazie in anticipo!
  8. Ho disegnato in AutoCAD e stampato una piccola prolunga su cui poggiare le mani, e da agganciare tramite due morsetti con vite al tipico manubrio da mountain bike. Negli strati iniziali e in quelli subito all'inizio della parte curva sembrava non ci fossero problemi, nelle parti più curve del "morsetto", quelle che dovrebbero andare a contatto del manubrio, il materiale era diventato poco compatto. Ho pensato a un problema di ritrazione o di temperatura (che comunque ho impostato costanti per tutta la stampa), però poi ho pensato che il materiale non si fosse compattato per la debolezza dei supporti. Nelle schermate ci sono i valori delle impostazioni dei supporti stessi: dovrei dare altri valori di percentuale di riempimento, di risoluzione del pilastro di supporto o di altro?
  9. Salve, sto cercando di usare i suppoorti per importanti sottosquadri, ma non riesco a vederli sullo slicer (Cura - stampante Geeetech I3 Prusa Wood) ne tanto meno vengono stampati. Qualcuno sa dirmi in cosa sto sbagliando? Grazie
  10. Salve a tutti. Ho pubblicato sul mio sito una guida per la gestione dei supporti nella stampa 3D. Spero vi possa essere utile. L'articolo è accessibile al seguente collegamento. Un caro saluto a tutti.
  11. Buonasera a tutti. Premessa...non ridete grazie! Io e mio marito abbiamo preferito regalare a nostro figlio la da vinci mini piuttosto del cellulare, vista la sua intenzione di diventare un inventore! ovviamente essendo un bambino di 12 anni è subito andato in cerca dei file già pronti di guerre stellari o pokemon! facendo le prime prove ci siamo resi conto dell'importanza dei supporti e stiamo cercando di imparare a metterli. Ho provato con cura, ma non riesco a capire perchè non me li visualizza a video e mi fa pensare che in realtà pur avendoli predisposti nel menù a tendina non siano stati attivati. Potete cortesemente aiutarmi o consigliarmi un'alternativa a prova di ebete? Grazie e buona serata
  12. Salve, sono un neofita nella stampa 3d e vorrei sapere se esistesse una impostazione di Slic3r/repetier-host in grado di generare automaticamente dei supporti nel caso dello stampaggio di componenti a sbalzo (ad esempio tipo 2 cilindri compenetrati), o in alternativa un programma che lo faccia. Grazie mille, Gregorio Pedrini.
  13. Salve, sono un neofita nella stampa 3d e vorrei sapere se esistesse una impostazione di Slic3r/repetier-host in grado di generare automaticamente dei supporti nel caso dello stampaggio di componenti a sbalzo (ad esempio tipo 2 cilindri compenetrati), o in alternativa un programma che lo faccia. Grazie mille, Gregorio Pedrini.
  14. Per chi non lo sapesse i supporti nella realizzazione di un oggetto stampato in 3D sono fondamentali per i modelli più difficili. La guida di oggi risponderà, mediante un esempio pratico, ad una domanda che ci è stata fatta da molti, ovvero: [pull_quote_center]Considerando che la stampanti FDM depositano il materiale a strati, muovendosi in verticale, com'è possibile stampare un oggetto avente parti aggettanti e che, quindi, sotto di esse non hanno alcuno strato?[/pull_quote_center] Mistero della fisica? Nient'affatto! Il tutto è risolvibile mediante dei supporti removibili a fine stampa, generati in automatico dal programma di slicing. Tali supporti possono essere rimossi a mano oppure, nei casi in cui si disponga di una stampante con doppio estrusore, possono essere realizzati estrudendo un materiale diverso da quello principale e che, a contatto con una determinata soluzione liquida, si dissolve. Un esempio di quest'ultimo caso è dato dal PVA, composto chimico biodegradabile, non tossico e solubile totalmente in acqua, non necessariamente calda. Grazie a questa proprietà, il PVA è impiegato spesso come materiale di supporto per oggetti di ABS o PLA. Un altro materiale molto usato è l'HIPS il quale si dissolve nel Limonene ed ha un costo inferiore al PVA. Nella nostra guida, però, ci focalizzeremo in particolare sull'impiego e la rimozione dei supporti realizzati con lo stesso materiale dell'oggetto da produrre. Abbiamo scelto come esempio il Cristo Redentor di Rio de Janeiro (eh si, abbiamo voglia di caldo e mare!!) che presenta delle braccia aperte, fortemente aggettanti. http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-1.jpg Supporti e slicer I programmi di slicing danno, tra le tante cose, anche la possibilità di scegliere se posizionare o meno un supporto a sostegno delle parti sporgenti del modello 3D e la possibilità di impostare, a seconda delle proprie esigenze, un angolo di sbalzo massimo, superato il quale verrà generato il supporto (di default, il limite è impostato generalmente a 60°). In funzione dello slicer che si sceglie, potrebbero esserci delle variazioni nel volume del materiale di supporto. Se, per esempio, consideriamo lo slicer Simplify3D, si potrà ottenere un supporto ottimizzato; ciò comporta non solo un risparmio del materiale ma anche una riduzione dei punti di contatto con il modello da stampare e una maggiore agilità di rimozione. Un'altro software molto utilizzato è Meshmixer il quale ottimizza i supporti e minimizza l'apporto di materiale. L'ottimizzazione dei supporti è un aspetto della prototipazione FDM non trascurabile, tant'è vero che nel tempo sono stati implementati diversi algoritmi per la creazione di supporti "intelligenti". In questa guida abbiamo adoperato lo slicer opensurce "Cura" e l'oggetto è stato stampato con una Printerbot Simple. http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-2.jpg Dopo aver caricato l'oggetto nello slicer e dopo aver impostato i parametri relativi alla qualità di stampa, al riempimento ed alla velocità e temperatura di estrusione (vedi guida Cura), abbiamo tre possibilità di scelta relative al tipo di supporto: metterlo ovunque, metterlo in modo che il supporto si innalzi solo dal piatto di base oppure non metterlo affatto. L'opzione va impostata dalla tendina evidenziata in turchese, nell'immagine in alto e, una volta scelta l'impostazione che fa per noi, il volume del supporto sarà creato automaticamente dal programma. Generato il G-code, la stampante sarà in grado di riconoscere il supporto e di conseguenza lo tratterà in maniera diversa rispetto all'oggetto. Il supporto corrisponde al volume azzurro che si vede sempre nell'immagine in alto. In questo caso l'opzione selezionata è "Touching buildplate", ovvero il supporto si innalza solo dal piatto di base, fino alle parti aggettanti. Nell'immagine in basso, invece, abbiamo selezionato l'opzione "Everywhere" evidenziando il particolare del mento del nostro Cristo Redentor. http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-3.jpg In funzione dell'oggetto che si stampa è possibile scegliere, volta per volta, se adoperare o meno i supporti. Nel nostro caso, era necessario averli ma avremmo potuto optare, quasi indifferentemente, sia per l'opzione "Everywhere" mettendoli ovunque, che per l'opzione "Touching buildplate" facendoli partire solo dal piatto di base. Per la nostra stampa abbiamo scelto la seconda opzione anche se, a livello teorico sarebbe stata più corretta la prima. La differenza tra le due è data dal piccolo supporto alla base del mento che mostravamo in precedenza. Nel caso "Everywhere", il supporto parte anche dal petto del Cristo, proprio perchè a sporgere non sono solo le braccia ma anche il mento. Tuttavia, siccome l'oggetto è molto piccolo, come avete potuto notare, abbiamo ritenuto opportuno usare l'opzione "Touching buildplate" poichè, secondo noi, la stampante avrebbe gestito discretamente il piccolo sbalzo, come infatti ha fatto. Le immagini seguenti mostrano l'oggetto con i supporti ancora attaccati e lo stesso oggetto dopo la rimozione dei sostegni. http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-4.jpg http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-5.jpg Si può notare come il supporto sia dotato di un riempimento inferiore rispetto all'oggetto, per evitare spreco di materiale e per agevolare la rimozione manuale. Per puro divertimento abbiamo provato anche a non mettere affatto il supporto ed a stampare comunque loggetto, in modo tale da mostrare le conseguenze di tale scelta. Il risultato è stato che la stampa non è andata a buon fine e le immagini sottostanti lo dimostrano. http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-6.jpg http://www.stampa3d-forum.it/wp-content/uploads/2014/11/supporti-stampa-3D-7.jpg Se avete dubbi o curiosità in merito oppure se avete fatto esperimenti anche voi e volete condividerli con il network di stampa3d-forum, non esitate a scrivere sul nostro forum.
×
×
  • Crea Nuovo...