Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'sensore'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per autore

Tipo di contenuto


Categorie

  • Novità
  • Guide
  • Stampanti 3D
  • Recensioni
  • Materiali
  • Software
  • Eventi
  • Community

Forum

  • Benvenuto
    • Presentazioni
    • Nuove idee e progetti
    • Guide di Stampa 3D forum
    • Notizie sulla stampa 3D
  • Stampa 3D
    • La mia prima stampante 3D
    • Stampanti 3D al dettaglio
    • Problemi generici o di qualità di stampa
    • Hardware e componenti
    • Software di slicing, firmware e GCode
    • Materiali di stampa
    • Stampa 3D industriale
  • Modellazione 3D
    • Problemi di modellazione 3D, gestione mesh, esportazione in stl
    • Scanner 3D
  • Guide, recensioni, profili di stampa, esperienze
    • Guide della redazione
    • Database materiali
    • La mia stampante 3D e il mio laboratorio
    • Le tue stampe - Album fotografico dei migliori modelli 3D
    • Profili di stampa 3D
    • Recensioni e tutorial
    • Servizi di stampa 3D/ Negozi / E-commerce
  • Eventi e corsi sulla stampa 3D
    • Eventi e fiere
    • Corsi, concorsi, workshop
  • Off-Topic
    • Off-Topic in generale
    • Incisione e taglio laser
    • Fresatura CNC
    • Droni
  • Mercatino
    • In vendita
    • Cerco
    • Offerte di Lavoro
    • Offerte e Codici Sconto
  • Feedback e Comunicazioni alla Community
    • Comunicazioni interne
  • Geeetech's Discussioni
  • Geeetech's Video
  • Presepe stampato 3D's Discussioni
  • Club di Fabula 3D's Discussioni
  • Progettare una CNC's Discussioni
  • Club di Alessio Iannone's Discussioni
  • Club di Alessio Iannone's Le basi per imparare Autodesk Fusion 360
  • Miniature e action figures's Discussioni

Calendari

  • Community Calendar
  • Eventi YouTube
  • Eventi pubblici
  • Geeetech's Eventi
  • Presepe stampato 3D's Pianificazione lavori
  • Club di Fabula 3D's Eventi
  • Progettare una CNC's Calendario del gruppo CNC
  • Club di Alessio Iannone's Eventi
  • Miniature e action figures's Calendario

Blog

  • Novità
  • Guide
  • Stampa 3D forum
  • Club di Fabula 3D's Blog
  • Club di Alessio Iannone's Blog

Product Groups

  • Codici sconto
  • T-shirts
  • Pubblicità

Cerca risultati in...

Trova risultati che contengono...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Instagram


Twitter


LinkedIn


Facebook


Website URL


Città


Lavoro


Interessi

Trovato 6 risultati

  1. Salve a tutti, premetto che sono nuovo di questo forum, sono alla mia prima stampante 3D, una Alfawise U30 Pro. Ho già provato a contattare l'assistenza per il problema che vi sto per esporre, ma per ora nessuna soluzione ancora: ho realizzato le mie prime prove di stampa col software in dotazione Cura versione 1.4 (se non erro) e fin qui tutto bene. Ho provato ad installare quindi la nuova versione di Cura 4.5 e pur leggendo che questa versione potesse comportare problemi di stampa, "smanettando" un po' sono riuscito a realizzare alcune prove di stampa con successo, semplicemente cambiando le dimensioni del piatto di stampa preimpostate, che non corrispondevano con quelle effettive della Alfawise U30 Pro (spero che quest'informazione possa almeno essere utile a qualcuno). Dopo alcune stampe, ho dovuto annullarne una e riprenderla... non so se sia stato un caso o meno, ma da allora ho sempre avuto problemi di falso positivo col sensore di fine filamento! In pratica quasi sempre, all'avvio di una nuova stampa, si blocca ancora prima di iniziare chiedendomi di sostituire il filamento; provo a caricarlo, riavvio la stampa e si blocca di nuovo e così via all'infinito. Solo in qualche occasione ed in modo abbastanza "random", la stampante per una sorta di errore alla schermata "loading finished, do you want to resume printing right now?", senza nemmeno attendere che io dia una risposta, invece di fermarsi riprende a stampare come se fosse indemoniata... in pratica è come se "bypassasse" il sensore. Sono riuscito ad arrangiare così in attesa di risolvere il problema concludendo alcune stampe con buoni risultati, ma da ieri purtroppo non funziona più nemmeno questo "metodo", rendendo praticamente impossibile la stampa. Ho provato anche a smontare il sensore e premerlo il tasto di rilevamento manualmente pensando fosse un problema di pressione, ma nulla... a questo punto non so se sia un problema hardware e che io debba semplicemente cambiare il sensore, oppure un problema legato al software Cura 4.5, al firmware da aggiornare o altro. A qualcuno è capitato? Qualche consiglio? Allego un breve video della stampante indemoniata, in attesa di un esorcismo 🙂 Grazie mille a chi risponderà! WhatsApp Video 2020-02-13 at 18.23.31.mp4
  2. Forse non tutti sanno che molti dei problemi che affliggono le stampe 3D sono causati proprio da un livellamento del piano eseguito male. Il primo layer, infatti, è fondamentale per una buona riuscita della stampa. Se, per esempio, il tuo ugello rimane troppo distante dal piano, questo potrebbe non aderire correttamente causando un distaccamento del pezzo e il fallimento della stampa. Per questo livellare bene il piano è estremamente importante. Per farlo esistono diversi metodi, dai più basilari e manuali a quelli più avanzati e automatizzati. In questa guida andiamo ad analizzare i pro e i contro di ciascuno dei metodi di livellamento del piano più utilizzati così da capire quale di questi sarà il più adatto alle tue esigenze. Test stampante 3D: esegui il test di Stampa 3D forum per valutare in modo oggettivo la tua stampante 3D Livellamento manuale Chiunque abbia avuto a che fare con una stampante di fascia media o bassa ha sicuramente provato il livellamento manuale. Si tratta di una procedura un po' noiosa, richiede un minimo di attenzione e di sensibilità, generalmente viene eseguita con un foglio di carta (spessore 0,1 millimetri) nei quattro angoli del piano facendo in modo che questo scorra sotto il nozzle grattando leggermente. Si tratta sicuramente del sistema di livellamento del piano più basilare ed economico in assoluto. Se la stampante 3D che utilizzi è ben costruita e se per le pulizie e la rimozione dei pezzi hai l’accortezza di staccare il piano dalla base, la calibrazione può durare a lungo. Livellamento con sensore induttivo Si tratta un sensore molto economico e di semplice funzionamento. È piuttosto leggero - 50 grammi totali - ed estremamente preciso, ha infatti una deviazione standard di 0,005 millimetri. La grande pecca risiede nel fatto che è in grado di rilevare solamente i metalli, perciò sarà impossibile utilizzarlo sul classico piano in vetro o basi speciali come la Ultrabase. “Ma nella mia stampante il vetro poggia su una base metallica!”; purtroppo devo dirti che, data la portata massima del sensore (di soli 5 millimetri circa) e vista la necessità di doverlo montare leggermente sopra il livello dell’ugello, difficilmente si potrà rilevare lo strato sottostante. Il costo è di circa 10€. Livellamento con sensore a contatto Chi non soffre di problemi di rilevamento a seconda del materiale è il sensore con funzionamento a contatto. Questo tipo di sensore sfrutta un perno (metallico o in plastica) che scende dal corpo meccanicamente fino all’impatto fisico con la superficie. Questa operazione viene ripetuta due o tre volte con precisione crescente. Il principio con cui questo sensore opera permette di rilevare quindi vetro, metalli, gomme o qualsiasi altro materiale di cui sia composto il tuo piatto. Anche in questo caso la deviazione standard è di 0,005 millimetri, trattasi perciò di un metodo di livellamento molto preciso. In genere il sensore ha un peso di soli 10 grammi, ciò significa che andrà a gravare in maniera minima sul tuo blocco estrusore. Il costo del BL Touch originale oscilla intorno ai 40€, sebbene esista anche una versione prodotta da Geeetech altrettanto valida venduta su Amazon attorno ai 20€. Attualmente uno dei sensori più utilizzati. Livellamento con sensore capacitivo Anche questi sono presenti in molte stampanti 3D, i più comuni rilevano le superfici in metallo posizionate sotto il piano di stampa. La "sensibilità" è regolabile ruotando la ghiera inferiore, che alza e abbassa il sensore stesso. Altre tipologie di sensori capacitivi, molto meno comuni, sono in grado di rilevare materiali non metallici, come materiali conduttivi o che presentano una diversa costante dielettrica rispetto all'aria. Per quanto riguarda il peso, questo si aggira attorno ai 60 grammi. Disponibile su Amazon, il prezzo parte da 8-10€ e aumenta a seconda del produttore. L'installazione dei sensori presentati in questa guida non crea troppi problemi, probabilmente esiste già una guida per l’installazione sulla tua stampante 3D. Senza dubbio occorrerà effettuare una modifica al firmware, così che la macchina possa procedere nell'attivarlo a inizio stampa e avviare la procedura di livellamento automatico.
  3. Ciao a tutti, volevo condividere con voi la procedura di installazione del sensore capacitivo sulla mia Ender 3 perchè in realtà non ho trovato moltissimo su internet e ho visto qui sul forum che anche @Joker78 ci ha litigato un po' prima di venirne a capo. Innanzitutto la lista della spesa: Sensore https://www.amazon.it/gp/product/B073SSM2YN/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o02_s00?ie=UTF8&psc=1 Fotoaccoppiatore https://www.amazon.it/gp/product/B07YHQBCZ7/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o00_s00?ie=UTF8&psc=1 step-down 24V a 12 V https://www.amazon.it/gp/product/B01KQWWQUI/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o02_s00?ie=UTF8&psc=1 Ho seguito lo schema sotto Mi sono disegnato un supporto per collegare al carrello dell'hot end il sensore. e ho fatto le seguenti modifiche al FW (il circutio così collegato funziona al contrario di come funziona originariamente ed è quindi necessario invertire anche il comportamento dell'endstop) nel file configuration.h #define Z_MIN_ENDSTOP_INVERTING true // Set to true to invert the logic of the endstop. #define Z_MIN_PROBE_ENDSTOP_INVERTING true // Set to true to invert the logic of the probe. inizialmente entrambi i valori sono false #define Z_MIN_PROBE_USES_Z_MIN_ENDSTOP_PIN #define NOZZLE_TO_PROBE_OFFSET { -45, -30, 0 } (dipende dalla geometria del mio supporto) #define Z_PROBE_SPEED_FAST HOMING_FEEDRATE_Z #define Z_PROBE_SPEED_SLOW (Z_PROBE_SPEED_FAST / 2) #define AUTO_BED_LEVELING_UBL #define RESTORE_LEVELING_AFTER_G28 Spero sia da aiuto per chi si troverà nella mia stessa situazione. Non credo sia la soluzione migliore, ma è quella che sono riuscito a trovare io. Penso sia fattibile farlo anche sulla Ender 3 con la scheda originale, ma è necessario alimentare con i 5V il fotoaccoppiatore (si possono prendere dal connettore ISP) e aver caricato il bootloader per poter modifcare il firmware ad hoc.
  4. AlexPA

    Sensore di livellamento

    Qualcuno mi consiglia un buon sensore di livellamento per Geeetech Prusa i3 Pro B? Scheda madre GT2560
  5. Chaos

    Sensori di temperatura

    Sto progettando una stampante che elimini(riduca) i problemi della mia, dopo aver progettato/dimensionato ciò che concerne il movimento degli assi XYZ, mi è sorto un piccolo problema.. [Introduzione] Vi sarà capitato che le vostre stampe si staccassero da sole, a causa di temperature troppo basse, o che i vostri oggetti avessero le zampe da elefante; oppure di far fatica a far partire la stampa perchè il piatto fatica ad arrivare ad una temperatura sufficientemente alta. Bene, ridotti tutti questi problemi al massimo risultato ottenibile ho notato che talune volte i problemi citati sono da imputare alla non costanza della temperatura lungo l'area del piatto di stampa, quindi volevo creare un programma ad hoc per le temperature del piatto, letture e accensione del piatto. Fino a qui tutto abbastanza banale, quindi incremento un po la dose; volevo, cambiando il mio fido MK3 con un pad silconico da 220v(da 1kv circa), eliminare il problema del raggiungimento di una temperatura elevata. E data anche la dimensione del piatto che voglio mettere in opera (50x50 riscaldato) munirlo di almeno 9 termistori (capisco che sembra un' esagerazione ma non voglio neanche partire con la stampa se l'unico punto in temperatura è quello centrale). Ora il mio problema è quasi formato, l'unico dato mancante è che voglio controllarli con Raspberry e non con arduino, questo perchè nel mio progetto vi sono anche altri elementi che deve controllare tra cui i relè per il piatto altri sensori di temperatura ma ambientale, gestione delle ventole sul lato elettronico solo se necessario (ky028) ; in pratica un sacco di cose di cui vorrei tenere ben traccia e controllo su un 27". Quindi avrei {ARDUINO+RAMPS} e {RASPBERRY}, i termistori sarebbero i classici ntc 100k 3950. Quello che mi manca è come leggere le temperatura "direttamente" con raspberry (con arduino ho già provato con altri termistori e sembra andare). Stavo pensando ad un modulo(per ogni termistore) dedicato allo scopo di mandare un segnale digitale, dove il termistore deve essere rimovibile e del tipo citato. Conoscete moduli di questo genere e/o alternative piu sensate (considerando che in ogni caso voglio gestire il tutto mouse in mano e non premendo tasti sulla stampante, perchè le due componenti sono si separata ma devono essere controllate dal medesimo pc nello stesso momento)? P.S. Solo per farsi un idea pensavo di usare diversi pad siliconici per accendere o spegnere aree del piatto , 1 per termistore sarebbe il massimo, ma è molto poco pratica la gestione, penso che 4/5 sia una buona scelta .[Per questo però devo ancora valutarne la fattibilità e per il problema citato la differenza non esiste, è solo qualche relè in più; e del tutto inutile se non risolvo]
×
×
  • Crea Nuovo...