Il design della Delta Wasp 2040 è pulito ed essenziale, possiamo definirlo “senza fronzoli“. Il corpo è formato da 3 profilati di alluminio di notevole spessore, i quali di fatti sostengono l’intera struttura della stampante. Il tutto è chiuso da 3 pannelli di plexiglas trasparenti che rendono molto “leggera” la stampante.

Il sistema costruttivo è davvero semplice però conferisce una notevole stabilità alla stampante anche alle alte velocità. Non un dettaglio da poco se si vogliono stampe perfette.

La parte dell’elettronica la troviamo tutta nel frontalino superiore, dove troviamo l’alloggiamento per le schede SD, il display LCD e il controller.

Wasp Delta 2040 recensione

L’alloggiamento della bobina è nella parte superiore della Delta, sicuramente un ottimo posto per non vedere bobine accanto alla stampante ma se tenuta su un tavolo, il carico/scarico della bobina potrebbe dare qualche noia.

Wasp Delta 2040 recensione
Le ghiere per il livellamento del piatto

Le ghiere per il livellamento del piatto si trovano sui tre lati alla base della stampante. Sono davvero minimali e ci si accorge della loro presenza solo quando si cerca di livellare il piatto. L’integrazione e la pulizia di questo componente è ottima e vi spiegheremo come funziona nel dettaglio nella parte relativa al printing test. Forse l’unico neo che possiamo trovare è la scarsa qualità delle plastiche al tatto anche se si sono rivelate resistenti durante il nostro test e non hanno subito rotture di alcun tipo.

Wasp Delta 2040 recensione
Particolare del piatto

Il piatto di stampa è in vetro dello spessore di 3 mm, bisogna fare particolare attenzione al suo livellamento in quanto è di facile rottura (è successo anche a noi nelle prime fasi di test). Adoperando la dovuta attenzione non ci sono particolari problemi di utilizzo.

Wasp Delta 2040 recensione

Come detto in precedenza la stampante 3D utilizza un estrusore di tipo bowden, e la meccanica ormai nota come sistema Delta influisce non poco sulle dimensioni d’ingombro totali. Infatti se l’altezza massima di stampa è di 40cm, l’altezza totale della stampante 3D è di quasi il doppio. Di fatto a primo impatto potrebbe sembrare una stampante 3D in grado di sfornare oggetti enormi ma in realtà un effetto ottico prodotto dalle generose dimensioni di ingombro (senza nulla togliere alle dimensioni effettive di stampa che sono oltre la media del mercato).

 

TORNA ALL’INDICE

DESIGN

PRINTING TEST

CONCLUSIONI