Ha senso realizzare una recensione della MakerBot Replicator 2X, un modello ormai datato? Noi pensiamo di sì, perché se si analizza la gamma di prodotti offerta da MakerBot possiamo notare che la MakerBot Replicator 2X è l’unica stampante 3D che riesce a stampare agevolmente l’ABS, e soprattutto è l’unica ad avere ben due estrusori. Per questo pensiamo che questa recensione possa essere utile a tutte quelle persone che sono indecise nell’acquisto della MakerBot Replicator 2X e a chi, più semplicemente, ne voglia approfondire la conoscenza.

La recensione è composta da questa prima parte introduttiva e da diversi approfondimenti riguardanti Design, Printing Test, Video Recensione e Hack&Tips.

Caratteristiche tecniche della Replicator 2X

Dimensioni esterne: 49 x 42 x H 53,1 cm

Volume di stampa: 24,6 x 15,2 x H 15,5 cm

Risoluzione massima: 100 microns (0,1 mm)

Diametro filamento: 1,75 mm

Diametro estrusore: 0,4 mm

Peso: 12,3 kg

Consumo energetico: 220 watt/h circa

Prezzo: 2500 euro (esclusa IVA)

Presentata a inizio 2013 al CES di Las Vegas, la MakerBot Replicator 2X si è subito fatta notare grazie ai suoi due estrusori e al piatto riscaldato. Progettata per essere una stampante versatile e per stampare in ABS, è diventata sin da subito preda degli stampatori più esigenti (e con più soldi da spendere). In tutto questo tempo non è stata sostituita da nessun’altra stampante 3D, ma solamente affiancata da altri modelli. Questo dimostra quanto la stessa MakerBot riponga ancora molta fiducia nel suo prodotto.

Per nostra fortuna, siamo riusciti a testare questa macchina per un periodo abbastanza lungo per poter tirare delle conclusioni precise e conoscerne qualsiasi difetto (o quasi). Il test è durato circa 6 mesi nei quali abbiamo testato diversi materiali, tra cui l’ABS e il PLA del nostro partner e fornitore di materiali Plastink, HIPS e PVA. Come vedremo in seguito questa MakerBot è degna di portare la dicitura “Experimental 3D Printer“.

Ecco a voi la nostra recensione completa della MakerBot Replicator 2X:

Design

Printing test

Video recensione

Hack & Tips

Conclusioni

 

[adrotate banner=”5″]