Vai al contenuto

Resin safety


invernomuto
 Condividi

Messaggi raccomandati

Visto su FB, mi sembra opportuno pubblicarlo anche qui come avviso sul perché occorre avere delle precauzioni nel maneggiare la resina delle stampanti SLA/DPL.

https://www.gottlabs.com/resin-safety

Ovviamente, nelle intenzioni dell'autore dell'articolo l'obiettivo NON è quello di fare terrorismo sulle stampanti a resina, ma incentivare la corretta gestione delle stesse, mostrando cosa può capitare nel caso in cui si facciano dei MADORNALI ERRORI nel maneggiare sostanze tossiche. 

 

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

6 ore fa, invernomuto dice:

Visto su FB, mi sembra opportuno pubblicarlo anche qui come avviso sul perché occorre avere delle precauzioni nel maneggiare la resina delle stampanti SLA/DPL.

https://www.gottlabs.com/resin-safety

Ovviamente, nelle intenzioni dell'autore dell'articolo l'obiettivo NON è quello di fare terrorismo sulle stampanti a resina, ma incentivare la corretta gestione delle stesse, mostrando cosa può capitare nel caso in cui si facciano dei MADORNALI ERRORI nel maneggiare sostanze tossiche. 

 

Vero che bisogna fare attenzione. Possono essere reazioni allergiche, non tutte le resine sono uguali.  Ma l' attendibilità della fonte? Domandiamoci anche questo. 

@FoNzY @Help3d voi cosa ne pensate? 

Link al commento
Condividi su altri siti

Hai fatto bene a mettere questo link. Meglio ribadire che con la resina non si scherza. 

Se ci pensiamo bene ci sono utenti che comprano la stampante senza informarsi.... 

Bisogna prendere le dovute precauzioni.  Ora che mi mi viene in mente... Qui abbiamo un chimico... @Davide87 cosa ne pensi? 

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

21 minuti fa, Tomto dice:

voi cosa ne pensate? 

voglio credere che il post sia vero e che sia possibile farsi cosi tanto male con della resina per stampanti ma almeno la resina che ho visto io è ben lontana da provocare danni per contatto, certo che è meglio non toccarla senza guanti o protezioni ma per la mia esperienza in caso di contatto accidentale basta lavarsi bene e non succede nulla di grave (per la verita' a me non è successo nulla di nulla).

vorrei sottolineare il fatto che sulle cartuccie di resina dws manca il CE 😱 e la lista "ingredienti" è mooooolto vaga quindi mi mancano anche i dati per poter fare delle supposizioni 😂

se @Davide87 vuole dirci la sua, la mia resina è fatta da: "fotopolimeri acrilici" non so altro 😅

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

Ovviamente non è semplice verificare la fonte in un caso come questo, e sicuramente ci possono essere differenze, anche sostanziali, tra resine di marchi differenti, e tra la sensibilità di una persona e un'altra (per non parlare delle reazioni allergiche come è stato accennato), ma dalle foto direi che potrebbero tranquillamente essere ustioni "chimiche". Quello che ormai, anche per deformazione professionale raccomando sempre, è di leggere, prima di aprire una qualsiasi bottiglia, la scheda di sicurezza, perché d'altronde si tratta sostanzialmente di prodotti per uso professionale, e quindi vanno trattati con cognizione di causa.

Quello che l'autore del post non specifica ad esempio, è quanto tempo ha fatto passare prima di pulirsi, perché temo che per farsi un danno del genere, abbia prima iniziato a pulire la stanza, e solo quando ha iniziato a sentire il bruciore abbia pensato di andare a lavarsi, ma ormai il danno era fatto, perché in questi casi il tempo gioca un ruolo fondamentale, ed è importantissimo togliersi subito tutti i vestiti sporchi e lavarsi al meglio delle proprie possibilità.

Però quello che posso dire, da chimico, e non da medico, è che guardando le schede di sicurezza di alcune resine non sembrano, molto più pericolose di un detergente alcalino concentrato, quindi vanno trattate con il giusto rispetto, ma non sono classificate nemmeno come qualcosa di difficilmente gestibile in "un garage" con guanti e occhiali di protezione.

Ecco, magari, se dovete fare un travaso di una quantità importante, potrebbe essere utile usare un camice, da laboratorio o da officina, così in caso di grossi sversamenti, uno si toglie guanti e camice rapidamente ed evita di far entrare in contatto la resina con la pelle...

  • Like 1
  • Thanks 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Se ricordo bene questo :



Aveva fatto dei test in riferimento all'articolo originale, lui non dovrebbe essere proprio pirla (sebbene a vederlo qualche dubbio mi viene) perché in altro video aveva parlato un po' del suo ruolo in relazione ai guadagni di youtube e mi sembra fosse interessante

Inviato dal mio tablet utilizzando Tapatalk

  • Thanks 2
Link al commento
Condividi su altri siti

io non so se credergli oppure no, certo è che si deve stare attenti a come si maneggiano le resine, ma devi anche stare attento a come maneggi il nozzle quando è caldo durante la manutenzione.

Quello che mi da da pesare è, come ha già detto @Davide87, che il tipo non dice quanto tempo è rimasto con la resina addosso prima di andarsi a lavare. La mia impressione è che lo abbia fatto apposta.

  • Like 2
  • Confused 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Qualche risposta qua e là:

Credo fosse proprio Help3D sul gruppo FB ad aver postato il video in questione ma potrei sbagliare. Sull'attendibilità della fonte NON mi pronuncio, di mitomani è pieno il mondo, anche se il tizio ha postato i referti medici ed è un sostenitore della stampa a resina, visto che ha un canale dedicato. Non è proprio una bella pubblicità la sua...
Vorrei comunque fare delle precisazioni:

1 ora fa, Davide87 dice:

Quello che l'autore del post non specifica ad esempio, è quanto tempo ha fatto passare prima di pulirsi, perché temo che per farsi un danno del genere, abbia prima iniziato a pulire la stanza, e solo quando ha iniziato a sentire il bruciore abbia pensato di andare a lavarsi, ma ormai il danno era fatto, perché in questi casi il tempo gioca un ruolo fondamentale, ed è importantissimo togliersi subito tutti i vestiti sporchi e lavarsi al meglio delle proprie possibilità.

Lo specifica, non in quella pagina ma nel video linkato nell'articolo sì. In sintesi, il tizio in questione ha ammesso di aver rovesciato la resina mentre spostava una stampante. La resina è finita sulla stampante e addosso a lui, si è pulito sommariamente ma si è preoccupato PRIMA di pulire la stampante (da 1300$), poi la stanza e poi, dopo aver sudato molto, di essersi tolto i vestiti bagnati di resina e fatto una doccia. E' lui il primo ad aver ammesso di aver fatto una serie di errori madornali nel maneggiare la resina e che se si fosse SUBITO tolto i vestiti e fatto una doccia non sarebbe successo nulla (a quanto scrive, ha speso 3-4K di trattamenti per le ustioni...). Il punto non credo però sia questo, penso sia interessante quanto emerso dal suo racconto, ovvero che:

1) la reazione cutanea non è necessariamente immediata, lui stava benissimo la sera stessa e quella successiva, con qualche arrossamento ma nulla di che. La situazione è peggiorata la mattina ancora successiva, quando si è trovato bolle e ustioni sulle zone venute a contatto. Sicuramente il sudore e il prolungato contatto con i vestiti impregnati di resina ha contribuito moltissimo al decorso avuto.

2) la resina è tossica e va trattata con rispetto. Ti casca la resina sulla mano perché ti sei tolto i guanti? Corri a lavarti, non lo fai dopo ore, perché non puoi escludere di avere situazioni di reazioni tipo quelle del tizio del video. 

3) se ti viene a contatto con parti del corpo delicate (es, occhi), non aspettare ma corri a farti vedere. Meglio non rischiare, come nel caso di solventi industriali, acidi, ecc ecc.

4) che sia stato un pirla non è in discussione, lo ammette lui stesso...

L'intento, vorrei che fosse chiaro, non era quello di fare terrorismo ma è solo un invito alla prudenza.

20 minuti fa, Killrob dice:

Quello che mi da da pesare è, come ha già detto @Davide87, che il tipo non dice quanto tempo è rimasto con la resina addosso prima di andarsi a lavare. La mia impressione è che lo abbia fatto apposta.

No, no, ribadisco, vedetevi il video, spiega tutto.

EDIT: aggiungo che ognuno di noi è diverso, non si può generalizzare, ci sono persone più sensibili (o che sviluppano sensibilità/allergie particolari nel tempo a causa di prolungato contatto con una certa sostanza). E' molto difficile dare diktat precisi da una singola situazione. 

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

si alla fine il video l'ho visto e lui stesso ammette di aver fatto una serie di cappellate in sequenza. Lui ha fatto bene a postare quel video perchè la mamma dei cretini è sempre incinta, non parliamo poi delle mamme americane che se date un'occhiata è pieno youtube di imbecilli (guardacaso tutto di lingua inglese) che si fanno del male per il solo gusto dell'idiozia,e quindi è sempre meglio allertare perché questa può essere una passione, ma non è un gioco, e come tale va preso, con le dovute precauzioni.

 

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, invernomuto dice:

L'intento, vorrei che fosse chiaro, non era quello di fare terrorismo ma è solo un invito alla prudenza

Per me è chiaro, e hai fatto benissimo a condividerlo... Lo avevo fatto anch'io con il discorso del particolato prodotto dalle FDM, e non vuole essere assolutamente una pubblicità negativa, ma un modo per dire a chi ha poca esperienza o si sta avvicinando a questo mondo di metterci la giusta attenzione.

1 ora fa, invernomuto dice:

) la reazione cutanea non è necessariamente immediata

È un classico delle ustioni chimiche, specialmente delle sostanze lipofile, tipo certe ammine, a volte utilizzate nelle resine epossidiche come catalizzatore, che attraversano la pelle come se niente fosse, e ti ustionano (perché comunque sono basiche) da sotto la pelle, e quindi non è detto che l'effetto sia subito evidente, ma possono passare delle ore o addirittura giorni prima di vedere i risultati, quindi anche questo tende a farmi dire che il racconto sia verosimile.

Nel video che ha segnalato @marcottt si esclude giustamente il fatto che sia un danno causato dal calore della reazione, ma la prova che ha fatto il tizio, facendosi polimerizzare addosso la resina è un po' fuorviante secondo me, perché così ha limitato i tempi di contatto con la resina liquida, che può sicuramente penetrare più facilmente la cute ed è più aggressiva, invece una volta polimerizzata è meno "mobile" e ha meno voglia di reagire con qualsiasi cosa con cui viene in contatto.

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...