Vai al contenuto
  • Benvenuto!

     

come si comporta il PLA


Messaggi raccomandati

Considerando che il cloro viene usato come disinfettante e battericida e le concentrazioni in una piscina sono controllate onde evitare problemi ai bagnanti, potrebbe darsi che il petg regga bene senza grossi problemi. Poi è anche vero che non ho esperienza diretta però ho un pezzetto in petg nel lavandino del bagno e il suo lavoro lo fa senza problemi.Manca il cloro ovviamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

che io sappia il cloro non è corrosivo a tal punto per pla o almeno non credo 

cmq per la cronaca anche io come dice @gregorio56sm ho barche e robot  in pla a mollo con mio figlio in lavandino ,vasca da bagno piu saponi vari,e anche al mare 

dopo il mare sono un po opachi si ma dal sole e nessun deterioramente dopo 2 anni circa

io penso che almeno un 2 stagioni le regge nella piscina il pla almeno credo

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

5 ore fa, eaman ha scritto:

Be' gia' non tiene l'acqua...

e chi l'ha detto che non tiene l'acqua? ho fatto una decina di sottovasi in PLA che l'acqua la tengono benissimo, se non la tengono a te o gli fai poche pareti o sei troppo magro di flusso o la temperatura di stampa è errata

5 ore fa, gregorio56sm ha scritto:

Considerando che il cloro viene usato come disinfettante e battericida e le concentrazioni in una piscina sono controllate onde evitare problemi ai bagnanti, potrebbe darsi che il petg regga bene senza grossi problemi. Poi è anche vero che non ho esperienza diretta però ho un pezzetto in petg nel lavandino del bagno e il suo lavoro lo fa senza problemi.Manca il cloro ovviamente.

 

3 ore fa, Whitedavil ha scritto:

Vai di petg senza pensarci. Poi dipende da che pezzo è. 

Il petg tiene il cloro senza problemi, ma se deve tenere direttamente il chimico, non mi fiderei... Non tanto per la resistenza chimica, ma più che altro per la sicurezza. 

 

scusate.... il pezzo attualmente è fatto in PLA, voi dite che non regge il cloro?

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

 

9 ore fa, Killrob ha scritto:

il pezzo attualmente è fatto in PLA

Quando non ho certezze al 100% sono sempre dell'idea di provare. Nel limite del possibile preferisco battere il naso. A questo punto, tanto per, cercherei del cloro (per piscine) secchio d'acqua e pla in immersione per qualche giorno...poi vedo de visu il risultato.

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Ho fatto prima, tanto è un collega di lavoro, gli ho dato il pezzo e se si disfa glielo rifaccio in petg

9 ore fa, eaman ha scritto:

Io ho sempre saputo che il PLA e' igroscopico, cambia qualcosa dopo l'estrusione?

Io ci faccio i sottovasi e se cerchi fra gli articoli sul pla del sito di help3d troverai delle spiegazioni interessanti. 

  • Like 2
Link al commento
Condividi su altri siti

41 minuti fa, Killrob ha scritto:

Ho fatto prima, tanto è un collega di lavoro, gli ho dato il pezzo e se si disfa glielo rifaccio in petg

Io ci faccio i sottovasi e se cerchi fra gli articoli sul pla del sito di help3d troverai delle spiegazioni interessanti. 

Se e' questo: https://help3d.it/pla-acqua/  sono poco convinto ;), il tizio ha messo del PLA in acqua e visto che ha tenuto parte con una menata su cosa sia "biodegradabile". Il pla e' igroscopico, non vuol dire che si deve sciogliere ma che le caratteristiche cambiano con l'umidita', es perdita di forza.

Io poi non so' se estrudendolo si cambia la densita' e diventa meno permeabile, c'e' un articolo interessante qua: https://3dprintergeeks.com/pla-water-resistant/

 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Che il PLA a livello di filamento sia igroscopico è un dato di fatto, che questo influisca sulla sua corretta estrusione anche, tuttavia una volta estruso la sua igroscopicità è relativa; probabilmente nel tempo tenderà ad alterarsi (in che modo?), ma credo che il processo di deterioramento sia relativamente lungo.

Certamente non è tra i materiali più indicati per realizzare contenitori per liquidi, il PETG invece non dovrebbe dare problemi.

Tra l'altro sto eseguendo alcuni test sul PLA, ho realizzato un piccolo oggetto e l'ho chiuso in macchina, l'auto è sempre fuori al sole e facilmente raggiunge i 40°, vediamo cosa succede.

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

33 minuti fa, incisore ha scritto:

Tra l'altro sto eseguendo alcuni test sul PLA, ho realizzato un piccolo oggetto e l'ho chiuso in macchina, l'auto è sempre fuori al sole e facilmente raggiunge i 40°, vediamo cosa succede.

Sto facendo la stessa cosa con ABS

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, incisore ha scritto:

Probabilmente si, già un paio di strati di fondo riempitivo risolverebbe il problema.

Si ma perche' rischiare? Dagli gli strati di cui ha bisogno per essere protetto, tanto una volta che sei li'...

Link al commento
Condividi su altri siti

9 ore fa, eaman ha scritto:

Se e' questo: https://help3d.it/pla-acqua/  sono poco convinto ;), il tizio ha messo del PLA in acqua e visto che ha tenuto parte con una menata su cosa sia "biodegradabile". Il pla e' igroscopico, non vuol dire che si deve sciogliere ma che le caratteristiche cambiano con l'umidita', es perdita di forza.

Io poi non so' se estrudendolo si cambia la densita' e diventa meno permeabile, c'e' un articolo interessante qua: https://3dprintergeeks.com/pla-water-resistant/

 

Il problema poi non è il PLA in se, ma la tecnologia di stampa. La non omogeneità, anche delle pareti solide, fa sì che l’acqua a lungo andare penetri ovunque. Comunque quello che dice quell’articolo sulla biodegradabilità del PLA credo sia vero, per cui più grosso è il pezzo e meno problemi avrà immerso in acqua. Poi, non sono esperto in materia, ma se anche molti acidi fanno fatica ad intaccarlo, mi domando cosa potrà mai fargli un po’ di cloro.  

4 ore fa, Killrob ha scritto:

Sto facendo la stessa cosa con ABS

Dipende sempre dalle dimensioni. Ho dimenticato in macchina una litofania per qualche giorno e si è deformata di brutto. 

Link al commento
Condividi su altri siti

Se riesci a farlo in abs, anche tiene il cloro, basta che non sia a contatto diretto con quello che pesca dalla tanica. 

Poi, se specifichi che pezzo è, e che tipo di piscina ha, allora posso consigliarti meglio. 

 

14 minuti fa, Mino ha scritto:

Il problema poi non è il PLA in se, ma la tecnologia di stampa. La non omogeneità, anche delle pareti solide, fa sì che l’acqua a lungo andare penetri ovunque. Comunque quello che dice quell’articolo sulla biodegradabilità del PLA credo sia vero, per cui più grosso è il pezzo e meno problemi avrà immerso in acqua. Poi, non sono esperto in materia, ma se anche molti acidi fanno fatica ad intaccarlo, mi domando cosa potrà mai fargli un po’ di cloro.  

 

Il pla resiste ad acidi, ma non ad alcalini. Se fai un pezzo per l'aspirazione dalla tanica del cloro, il pla ti durerà molto poco. Il cloro in tanica ha un pH di 13/14.

Per chimici è obbligatorio guardare la specifica resistenza della plastica che si intende utilizzare. 

Non c'è da scherzare... Se acido e cloro si mischiano senza essere diluiti sono cazzi... Se sei nella stanza, che arrugginirà a breve, probabilmente non esci vivo. 

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Whitedavil ha scritto:

Se riesci a farlo in abs, anche tiene il cloro, basta che non sia a contatto diretto con quello che pesca dalla tanica. 

Poi, se specifichi che pezzo è, e che tipo di piscina ha, allora posso consigliarti meglio. 

 

Il pla resiste ad acidi, ma non ad alcalini. Se fai un pezzo per l'aspirazione dalla tanica del cloro, il pla ti durerà molto poco. Il cloro in tanica ha un pH di 13/14.

Per chimici è obbligatorio guardare la specifica resistenza della plastica che si intende utilizzare. 

Non c'è da scherzare... Se acido e cloro si mischiano senza essere diluiti sono cazzi... Se sei nella stanza, che arrugginirà a breve, probabilmente non esci vivo. 

il pezzo lo deve usare per collegare un tubo ad un filtro, non va a pescare nel cloro e la piscina è una di quelle tonde fuori terra ma non mi ricordo la capienza

Link al commento
Condividi su altri siti

Se posso esprimere il mio modesto parere... la quantità di acqua contenuta in una piscina, per quanto piccola, è comunque abbasta considerevole. E pure quella che circola nei vari tubi ha cloro in soluzione. Ritrovarsi con delle perdite - nel migliore dei casi - personalmente non lo gradirei... 

Il PETG è notoriamente stabile agli agenti chimici. Personalmente non rischierei e stamperei il pezzo con questo materiale.

Riguardo il PLA e la sua "impermeabilità" vi invito ad una riflessione: anche facendo un coppo di carta si riesce a contenerla... ma per quanto tempo?

  • Like 1
Link al commento
Condividi su altri siti

21 ore fa, Killrob ha scritto:

il pezzo lo deve usare per collegare un tubo ad un filtro, non va a pescare nel cloro e la piscina è una di quelle tonde fuori terra ma non mi ricordo la capienza

Ok, calcola che dovrà reggere circa 1bar di pressione 😉

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi


×
×
  • Crea Nuovo...