Vai al contenuto
  • Benvenuto!

     

Ender 3 Pro - Prime stampe, primi problemi


Messaggi raccomandati

Eccomi!
E' arrivato il filamento, e mi sono messo a sperimentare un po, sul modello della zampa che vi avevo mostrato un paio di mesi fa.

Il filamento in questione è un PLA grigio della SUNLU. Devo dire che la resa mi ha stupito non poco:

1096392891_WhatsAppImage8.thumb.jpeg.ed34a0a8af684c21f5054f44ab05884e.jpeg

889630969_WhatsAppImage7.thumb.jpeg.1d5a2c532119a149fc5d2653a1d5bda1.jpeg

Le capacità della Ender 3 Pro sono al di sopra delle mie aspettative, sono rimasto impressionato dal livello di dettaglio che è possibile raggiungere.
L' unico difetto di questa zampa è nella pianta del piede, dove la stampante giustamente ha creato dei piccoli supporti, talmente piccoli da non poter essere rimossi da pinze/tenaglie, ma credo più con un carteggiamento o con qualche lima/dremel.
Probabilmente ho sbagliato anche io a lasciare i supporti impostati su "quadrato", e non  a linee. Forse queste ultime mi avrebbero permesso di rimuovere più facilmente gli spessori sulla pianta.

Ho provato quindi a stampare lo stesso oggetto, ma in verticale, con le unghie rivolte verso l'asse Z, in modo che si poggiasse solamente sul tallone (chiaramente con basetta e relativi supporti), in modo che la pianta del piede venisse del tutto libera da artefatti:

1169938095_WhatsAppImage9.thumb.jpeg.5d7cbd53042edd3fc729e34fad214088.jpeg
 

1737514683_WhatsAppImage10.thumb.jpeg.a56c88b3500c7ded23ed93bb804fff2b.jpeg

 

Il risultato è impressionante, entrambi gli oggetti vi assicuro che sono lisci al tatto.
Eccoli entrambi:

927328043_WhatsAppImage11.thumb.jpeg.3407f73001d9c985a2370c6d473a60c6.jpeg

 

Quello stampato verticalmente (Z), è a destra.
Sono entrambe buonissime stampe, forse ho notato che le pieghe tra gamba e piede sono più visibili su quello a sinistra, ed anche che l'altezza delle dita è leggermente maggiore (prendete come riferimento il dito centrale, che nella stampa a sinistra si nota essere meglio sviluppato in altezza, ed effettivamente corrisponde di più al modello 3d), ma sicuramente stamparlo con il tallone per terra mi riduce fortemente la fase di carteggiamento.

Pareri?
Voi come avreste posizionato la zampa sul piatto di stampa? Avete consigli sul posizionamento del modello e su come conviene orientarlo?

Grazie a tutti,

Saluti

  • Like 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 54
  • Creato
  • Ultima Risposta

Miglior contributo in questa discussione

Miglior contributo in questa discussione

Messaggi Popolari

La velocità del primo layer falla sempre al 50% in meno di quella che imposti standard. 

@Tomto lo fa ancora, sono i cambi di velocità. Se passa ad esempio da 60 a 30, si nota moltissimo. Infatti stampo quasi sempre con massimo un 10-15% di differenza (da 50 a 40 o da 60 a 50). 

Eccomi! E' arrivato il filamento, e mi sono messo a sperimentare un po, sul modello della zampa che vi avevo mostrato un paio di mesi fa. Il filamento in questione è un PLA grigio della SUNLU. De

Immagini Pubblicate

21 minuti fa, VonDomenic dice:

Eccomi!
E' arrivato il filamento, e mi sono messo a sperimentare un po, sul modello della zampa che vi avevo mostrato un paio di mesi fa.

Il filamento in questione è un PLA grigio della SUNLU. Devo dire che la resa mi ha stupito non poco:

1096392891_WhatsAppImage8.thumb.jpeg.ed34a0a8af684c21f5054f44ab05884e.jpeg

889630969_WhatsAppImage7.thumb.jpeg.1d5a2c532119a149fc5d2653a1d5bda1.jpeg

Le capacità della Ender 3 Pro sono al di sopra delle mie aspettative, sono rimasto impressionato dal livello di dettaglio che è possibile raggiungere.
L' unico difetto di questa zampa è nella pianta del piede, dove la stampante giustamente ha creato dei piccoli supporti, talmente piccoli da non poter essere rimossi da pinze/tenaglie, ma credo più con un carteggiamento o con qualche lima/dremel.
Probabilmente ho sbagliato anche io a lasciare i supporti impostati su "quadrato", e non  a linee. Forse queste ultime mi avrebbero permesso di rimuovere più facilmente gli spessori sulla pianta.

Ho provato quindi a stampare lo stesso oggetto, ma in verticale, con le unghie rivolte verso l'asse Z, in modo che si poggiasse solamente sul tallone (chiaramente con basetta e relativi supporti), in modo che la pianta del piede venisse del tutto libera da artefatti:

1169938095_WhatsAppImage9.thumb.jpeg.5d7cbd53042edd3fc729e34fad214088.jpeg
 

1737514683_WhatsAppImage10.thumb.jpeg.a56c88b3500c7ded23ed93bb804fff2b.jpeg

 

Il risultato è impressionante, entrambi gli oggetti vi assicuro che sono lisci al tatto.
Eccoli entrambi:

927328043_WhatsAppImage11.thumb.jpeg.3407f73001d9c985a2370c6d473a60c6.jpeg

 

Quello stampato verticalmente (Z), è a destra.
Sono entrambe buonissime stampe, forse ho notato che le pieghe tra gamba e piede sono più visibili su quello a sinistra, ed anche che l'altezza delle dita è leggermente maggiore (prendete come riferimento il dito centrale, che nella stampa a sinistra si nota essere meglio sviluppato in altezza, ed effettivamente corrisponde di più al modello 3d), ma sicuramente stamparlo con il tallone per terra mi riduce fortemente la fase di carteggiamento.

Pareri?
Voi come avreste posizionato la zampa sul piatto di stampa? Avete consigli sul posizionamento del modello e su come conviene orientarlo?

Grazie a tutti,

Saluti

mi sembrano ottime stampe entrambe, quella di sinistra ha decisamente più dettagli e sembra meglio dimensionata (mi ricordo la zampa quando me l'hai passata 😉 ) io l'avrevi posizionata con la pianta del piede sul piano di stampa cambiando il tipo di supporto per poi toglierla meglio, resta comunque un ottimo risultat.

La Ender 3, pro o non pro, sa sempre dare tante soddisfazioni anche al primo colpo se la imposti bene dall'inizio, come evidentemente hai fatto tu 😄

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Killrob dice:

mi sembrano ottime stampe entrambe, quella di sinistra ha decisamente più dettagli e sembra meglio dimensionata (mi ricordo la zampa quando me l'hai passata 😉 ) io l'avrevi posizionata con la pianta del piede sul piano di stampa cambiando il tipo di supporto per poi toglierla meglio, resta comunque un ottimo risultat.

La Ender 3, pro o non pro, sa sempre dare tante soddisfazioni anche al primo colpo se la imposti bene dall'inizio, come evidentemente hai fatto tu 😄

Grazie mille 😄
Sono felice di aver iniziato a capire un po le dinamiche della stampante e dello slicer, grazie a voi.
Ho ancora molto da imparare, ma la fame di nozioni è implacabile 😋

Che tipo di supporti mi consiglieresti? pattern e spessori?

Saluti!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, VonDomenic dice:

Grazie mille 😄
Sono felice di aver iniziato a capire un po le dinamiche della stampante e dello slicer, grazie a voi.
Ho ancora molto da imparare, ma la fame di nozioni è implacabile 😋

Che tipo di supporti mi consiglieresti? pattern e spessori?

Saluti!

spessori, se trovi il giusto setting per quella determinata stampa, e non ci sono guide o tutorial ma solo prove, e tante anche, poi ti viene via che è un piacere e la post produzione si riduce al minimo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/5/2020 at 09:55, iLMario dice:

Solo io ho paura a chiedere a chi appartengono queste due zampe enormi ? Cosa stai stampando ?

😁 Quando avrò finito ve lo farò vedere! Anche se topic dopo topic, qualche dettaglio finisce per essere rivelato...come succederà proprio ora!

Intanto ho provato un po a sperimentare con i supporti, e credo di dover imparare ancora molto...

477121856_WhatsAppImage2020-05-17at03_26_54.thumb.jpeg.acb1abed7245bbd35f2b21d429cf299b.jpeg2123013996_WhatsAppImage2020-05-17.thumb.jpeg.1ff6b3371a64f7d9b1c105eafa679521.jpeg

 

Per quanto riguarda il retro della testa nessun problema, la "culla" è stata molto semplice da rimuovere (sopracciglia a parte, ci sono andato di cutter, ma ci sta, siccome sono sottili)

Come potete vedere è chiaro che per questa stampa servano supporti soprattutto nella zona della bocca, nella quale i denti sono in posizione orizzontale.
Il problema è che credo di non aver ben capito come creare dei supporti fragili, facili da staccare.
Attualmente sto utilizzando quelli a ZigZag.
Devo forzosamente lavorare con il taglierino e spesso andarci di mano pesante. Insomma, un lavoro che rischia di essere di finitura eccessiva, anche perchè una volta staccati, rimangono molte parti da levigare in posizioni che giustamente sono molto scomode (dentro la bocca).

Mi piacerebbe creare qualche tipo di supporto che con un po di leva o qualche pinza, si stacchi subito dalla propria sede.

Quali sono le impostazioni che devo andare a toccare? quali sono i valori che mi permettono di crearne di più facili da rimuovere?

Edit: le parti più noiose sono quelle dei supporti alla base della bocca, ovvero proprio la base dei supporti che poi salgono verso l'alto, verso i denti.

Saluti

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io mi trovo bene diminuendo la % della densità del supporto al 10% e aumentando quella del roof/tetto all'80%. Poi puoi anche mettere a 0 le pareti che uniscono lo zig zag del supporto. Se non hai supporti sottilissimi, ti fa risparmiare tempo, materiale e tempo in post produzione.

Fai solo attenzione nel caso in cui ti genera supporti molto sottili perché diventano molto delicati e si possono già spezzare durante la stampa.

Poi c'è un'opzione nella parte sperimentale per rendere i supporti più fragili di proposito e semplificare così la loro rimozione, ma non l'ho mai provata.

Si chiama tipo "break support in chunks".

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 7/5/2020 at 17:31, VonDomenic dice:

ovvero al fatto che puoi abilitarlo solo per l'ultimo layer oppure lasciarlo lavorare in generale su tutto il prodotto

Attenzione, non funziona cosi'.
Se abiliti l'ironing per tutti gli strati non significa che ogni strato verra' stirato, ma solo ogni (porzione di) strato che non avra' nulla sopra di se'.

Se per esempio stampi un cubo non importa come setti l'opzione: fara' la stiratura solo dell'ultimo strato.
Se il cubo e' vuoto stirera' l'ultimo strato della base e l'ultimo del tetto.

Per il discorso qualita' stiratura con gli ugelli di serie, io ottengo stirature magnifiche con l'ugello 0.4 di serie della Ender Pro. La superficie e' praticamente liscia senza nessuna imperfezione.

I miei valori sono:
Spaziatura: 0.1
Flusso: 100%
Velocita' 20mm/s

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per le preziose dritte!
Sono riuscito a giostrarmi un pochino con i supporti gestendo il gap di distanza XYZ, tra il supporto e l'oggetto vero e proprio, e sono riuscito a rendere la bocca molto più facile da pulire!

 

Il 18/5/2020 at 17:21, Carsco dice:

Attenzione, non funziona cosi'.
Se abiliti l'ironing per tutti gli strati non significa che ogni strato verra' stirato, ma solo ogni (porzione di) strato che non avra' nulla sopra di se'.

Se per esempio stampi un cubo non importa come setti l'opzione: fara' la stiratura solo dell'ultimo strato.
Se il cubo e' vuoto stirera' l'ultimo strato della base e l'ultimo del tetto.

Per il discorso qualita' stiratura con gli ugelli di serie, io ottengo stirature magnifiche con l'ugello 0.4 di serie della Ender Pro. La superficie e' praticamente liscia senza nessuna imperfezione.

I miei valori sono:
Spaziatura: 0.1
Flusso: 100%
Velocita' 20mm/s


Grazie per i dati dell'Ironing! lo proverò di certo!

 

 

Il 18/5/2020 at 19:36, hokuro dice:

puoi provare anche i supporti ad albero di cura (in molto casi magnifici) o quelli generati, e modificabili, di meshmixer con cui però tocca smanettare abbastanza x renderli "carini".

Li avevo notati! sicuramente proverò anche quelli, anche se non sono sicuro risparmino sul materiale 😁

Comunque, mi sembrava giusto mostrarvi cosa sono riuscito a creare:

105269192_WhatsAppImage2020-05-20at20_41_08.thumb.jpeg.a2202a4768c31e8b039ccc5202a49edf.jpeg

Per essere una prova, senza andarci pesante di carteggiamenti o resine/stucchi, devo dire che sono esterrefatto.
Quindi, per chi si stesse chiedendo "ma queste zampe enormi a che servono?" la risposta è quella che vedete (Anche se non so se lo riconoscerete) 🤩

Saluti, e ringraziamenti!

  • Like 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, VonDomenic dice:

anche se non sono sicuro risparmino sul materiale

Non solo risparmi materiale SEMPRE, ma sono piu' semplici da rimuovere perche' non sono geometrici e quindi sono fragilissimi. Appena li schiacci si distruggono.

 

20 minuti fa, VonDomenic dice:

Per essere una prova, senza andarci pesante di carteggiamenti o resine/stucchi, devo dire che sono esterrefatto.

Veramente notevole. Complimenti.

Non devi andare di carteggio se non in punti veramente brutti, tipo sbalzi o giunzioni.
Il mio consiglio e' quello di dare parecchie mani di trasparente (opaco o lucido, fai tu) finche' non riempi a sufficienza i layer.

Io ho un'arca dell'alleanza (Indiana Jones) e dopo la verniciatura sembra stampata senza perdere dettaglio. Gli angeli in particolare.

 

23 minuti fa, VonDomenic dice:

Anche se non so se lo riconoscerete

Onestamente, no 🙂

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Carsco dice:

Non solo risparmi materiale SEMPRE, ma sono piu' semplici da rimuovere perche' non sono geometrici e quindi sono fragilissimi. Appena li schiacci si distruggono.

 

Veramente notevole. Complimenti.

Non devi andare di carteggio se non in punti veramente brutti, tipo sbalzi o giunzioni.
Il mio consiglio e' quello di dare parecchie mani di trasparente (opaco o lucido, fai tu) finche' non riempi a sufficienza i layer.

Io ho un'arca dell'alleanza (Indiana Jones) e dopo la verniciatura sembra stampata senza perdere dettaglio. Gli angeli in particolare.

 

Onestamente, no 🙂

 

Addirittura? Devo assolutamente provarli :D!

Grazie per i complimenti, ma davvero grazie a voi, mi avete tolto molti dubbi!
Effettivamente potrebbe essere una soluzione! io mi ero procurato una resina bicomponente autolivellante, Resin Pro 3d finish... non so se conoscete!
Però effettivamente se il trasparente opaco spray fa la stessa cosa...a questo punto converrebbe?

 

 

5 minuti fa, Killrob dice:

Ma è Will!!!!! 😇

Rispondo ad entrambi: No!
Questo è Ripper Roo, dalla serie dei primi Crash Bandicoot per PS1 😋

Prossimo passo, farlo snodabile con dei semplici innesti per le gambe, busto e testa!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, Killrob dice:

Ma è Will!!!!! 😇

Eddai... chiunque sia stato bambino riconoscerebbe Wile! 🙂
Vedila come un complimento... 🙂

 

19 minuti fa, VonDomenic dice:

Però effettivamente se il trasparente opaco spray fa la stessa cosa...a questo punto converrebbe?

Calma calma... una bomboletta da 400ml di stucco spray o trasparente (meglio lo stucco, se poi devi verniciare) costa 3 euro.
150ml della resina di cui parli costano 10 euro.

7.5 euro contro 66 euro per litro non mi sembrano paragonabili. E' chiaro che probabilmente la resina e' piu' indicata ma... a che costo?

Usa lo stucco spray (ma prima io passerei pure il primer per le plastiche) e vedrai che strato dopo strato (primer, stucco, vernice, trasparente) i solchi si riempiranno ugualmente.

Diciamo che la resina io (se avessi i soldi che non ho) la userei solo per la roba gia' stampata nel colore che mi serve e per piccoli pezzi.

25 minuti fa, VonDomenic dice:

Questo è Ripper Roo, dalla serie dei primi Crash Bandicoot per PS1

Mi era saltato in mente un personaggio di Crash Bandicoot, ma siccome non ero un fan non l'ho riconosciuto.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio tutti per gli incoraggiamenti!
Il prossimo passo è renderlo snodabile in modo semplice ed efficace.

 

Per quanto riguarda il Primer, questo non funge da aggrappante?
Se lo si copre con dello stucco spray, non si compromette l'effetto stesso del primer? Non sarebbe meglio invertire i processi?
Ovvero prima stucco, poi primer, poi vernice e poi trasparente?
In aggiunta, posso chiederti di nominarmi il nome dello stucco spray che usi?

Vi aggiorno 😉

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, VonDomenic dice:

Per quanto riguarda il Primer, questo non funge da aggrappante?

Il primer e' il primer, lo stucco e' lo stucco e l'aggrappante e' aggrappante.

L'aggrappante serve a far aderire lo spray alle superfici lisce o che subiranno piegature nell'uso. Ha una finitura appiccicosa, infatti, e soprattutto e' elastico.

Lo stucco serve a livellare eventuali imperfezioni, e' meno denso della vernice e va comunque carteggiato finemente a secco o ad acqua prima di passare il primer e poi la vernice.

Il primer e' il fondo che si usa per isolare la lamiera dalla vernice, dopo aver rimosso lo stucco extra nella fase precedente.

Alcuni primer hanno "funzione" di aggrappante ma solo per lamiere, non certo per le plastiche che hanno bisogno, appunto, di qualcosa di simile alla nostra "lacca splendor" per aderire.

Ho riparato/restaurato un sacco di carrozzerie per scooter e moto negli anni.
Se verniciate nel modo sbagliato, al primo "tocco" ti cade la vernice a cialde per terra, dopo essersi sollevata.
Magari non quest'anno ma dall'anno dopo, quando la plastica inizia a trasudare.

Ad ogni modo, l'aggrappante su superfici cosi' porose come una stampa 3D (che comunque non va maneggiata, ne' e' soggetta ad urti vari) credo sia quasi inutile specie col PLA.
Ma se lo usi, va messo PRIMA dello stucco spray, non dopo!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No no, io avrei usato una resina o stucco spray, l'avrei carteggiata li dove presenta imperfezioni e poi avrei passato il primer per poi verniciare, e solo dopo un thinner opaco trasparente...Non uso aggrappanti, solo primer tamiya grigio chiaro.

Ditemi voi come conviene muoversi!

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se vuoi il mio modesto parere, puoi fare anche a meno di primer costosi (e quello Tamiya lo e', come pure le vernici!) e lasciare solo lo stucco spray carteggiato che aderira' comunque.
E' solo PLA ruvido per definizione, e poi l'hai pure carteggiato! 🙂

Inoltre, fatti un favore: evita Tamiya.
Sono costose vernici per facoltosi modellisti che non sanno che possono avere di meglio con 1/10 del costo.

Uno moderno spray acrilico da 2.50 euro per 400ml e' perfettamente la stessa cosa, al contrario di 20 anni fa quando c'erano solo le nitro.
Pensa che ci verniciavo le scocche in lexan dopo una mano di aggrappante serio, e succedeva che spaccavi la carrozzeria ma la vernice restava dov'era semplicemente perche' ne potevo mettere di piu'.
Gli altri miei amici avevano sempre le vernici scrostate al minimo urto, a volte persino se prendevano il modello nel "modo sbagliato".

Usa Tamiya per l'aerografo, ma anche qui conosco gente che riempie le boccette con la vernice acrilica delle bombolette. 🙂

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Carsco dice:

Inoltre, fatti un favore: evita Tamiya.
Sono costose vernici per facoltosi modellisti che non sanno che possono avere di meglio con 1/10 del costo.

Tipo? Sono curioso, personalmente uso vallejo, mi trovo molto bene, pensavo di prendere anche un piccolo aerografo per il primer. 
Sulle vernici, di solito si ricorre a quelle da modellismo perché hai i colori già pronti (lavaggi, colori per uniformi / mezzi militari, colori metallici, ecc). Ovviamente non hanno senso prodotti così specialistici per pezzi con pochi dettagli o molto grandi.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, invernomuto dice:

Tipo? Sono curioso, personalmente uso vallejo, mi trovo molto bene, pensavo di prendere anche un piccolo aerografo per il primer. 
Sulle vernici, di solito si ricorre a quelle da modellismo perché hai i colori già pronti (lavaggi, colori per uniformi / mezzi militari, colori metallici, ecc). Ovviamente non hanno senso prodotti così specialistici per pezzi con pochi dettagli o molto grandi.

Il modello da me stampato è appunto verniciato con dei Model Color Vallejo. Coprono che è una meraviglia.

 

 

4 ore fa, Carsco dice:

Se vuoi il mio modesto parere, puoi fare anche a meno di primer costosi (e quello Tamiya lo e', come pure le vernici!) e lasciare solo lo stucco spray carteggiato che aderira' comunque.
E' solo PLA ruvido per definizione, e poi l'hai pure carteggiato! 🙂

Inoltre, fatti un favore: evita Tamiya.
Sono costose vernici per facoltosi modellisti che non sanno che possono avere di meglio con 1/10 del costo.

Uno moderno spray acrilico da 2.50 euro per 400ml e' perfettamente la stessa cosa, al contrario di 20 anni fa quando c'erano solo le nitro.
Pensa che ci verniciavo le scocche in lexan dopo una mano di aggrappante serio, e succedeva che spaccavi la carrozzeria ma la vernice restava dov'era semplicemente perche' ne potevo mettere di piu'.
Gli altri miei amici avevano sempre le vernici scrostate al minimo urto, a volte persino se prendevano il modello nel "modo sbagliato".

Usa Tamiya per l'aerografo, ma anche qui conosco gente che riempie le boccette con la vernice acrilica delle bombolette. 🙂

 

Proverò 😉 Hai da consigliarmene qualcuno di stucco spray?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, VonDomenic dice:

Proverò 😉 Hai da consigliarmene qualcuno di stucco spray?

Guarda, vengo giusto adesso da un amico modellista per verniciare il pezzo in ASA stampato l'altro giorno.

Lui stava bestemmiando perche' aveva stampato una macchina volante di Laputa (Miyazaki) e l'aveva verniciata dopo aver steso uno stucco Tamiya con l'aerografo (un pazzo). Dopo la verniciatura (sempre Tamiya) e due giorni di asciugatura, il pezzo era ancora "gommoso". Non umido, ma gommoso e strano al tatto.

Arrivo io, prendo il mio aggrappante (marca cavallo, 3 o 4 euro), e spruzzo.
Dopo 30 secondi vado di stucco spray, anche se non mi serviva in realta'.

Dopo UN minuto ho dato il nero opaco (sempre marca cavallo, 2.50 euro) e mentre spruzzavo potevo tenere il pezzo (delicatamente, ovvio) con le mani per girarlo dall'altro lato perche' era praticamente asciutto. Naturalmente bisogna saper fare mani come si deve, non come vedo fare su Youtube dai bimbim1nch1a.

Seconda mano dopo 3 minuti.
Poi passo al trasparente opaco (marca sarcazzo, stavolta, 3 euro), due mani nel giro di 10 minuti.

Prendo i pezzi, li rimetto nella scatola e lo lascio in garage mentre sta ancora bestemmiando perche' i suoi pezzi sono gommosi.
Lo saluto e vado via.

La giornata era ottima per verniciare, ok, ma vuoi mettere la facilita' di un acrilico da due soldi cosi' economico e prestante?

Ad ogni modo, lo stucco era quello che vendono da Leroy un tanto al chilo, quasi non faccio mai caso ne' alla marca ne' ad altro: solo al prezzo, tanto da Leroy c'e' sempre roba "fresca" e comunque buona.

3 ore fa, invernomuto dice:

Tipo? Sono curioso, personalmente uso vallejo, mi trovo molto bene, pensavo di prendere anche un piccolo aerografo per il primer. 

Acrilico spray 🙂

Vuoi usare l'aerografo?
Spruzza la bomboletta nel contenitore stagno, diluiscilo un po' e vai.

Se invece dobbiamo fare effetti di invecchiamento etc (c'e' un'arte dietro... ho un amico che fa certi carri armati da paura) allora ok le vernici adatte, ma se ne usa qualche grammo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei aggiungere, per essere piu' chiaro: non e' che sto dicendo che una bomboletta da 3 euro sia in assoluto "meglio" di una vernice Tamiya.

Ho solo detto che se uno deve verniciare un bel pezzo di plastica senza avere rogne e' piu' semplice usare un acrilico spray. MOLTO piu' semplice ed economico, anche mascherando per bene.

Se invece devi usare il pennello da dettaglio per dipingere le bretelle di un soldato in scala 1:100 allora e' chiaro che devi avere roba ottima, anche se l'amico mio (quello dei carri) molto spesso spruzza con la bomboletta sul micropennello e dipinge.
Certo, quello e' manico, lo fa da 30 anni... ma il tempo che versa, diluisce, stappa i fori, tubi, mette in pressione, fa le prove etc... in quel modo ha gia finito.

Parliamo di stampe 3d relativamente enormi rispetto a quelle che si stampano con aerografo, non so se ne vale la pena.

Sparando con un cannone ad un passero lo uccidi lo stesso, e' chiaro.
 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Più che altro con tamya hai una varietà di colori molto vasta, avendo molti tipi di prodotti vanno saputi anche usare, però non cè storia se li sai usare vengono fuori dei capolavori assurdi, anche io se devo verniciare vado di acrilico da pochi euro, ma la resa finale con i colori tamya si nota, ci sono artisti che ricreano particolari assurdi, ho visto modelli uguali come sfumature e colori a quelli reali, esempio sono le varie macchine di f1 presenti sui forum dedicati, secondo me le dimensioni contano fino ad un certo punto, se vuoi ricreare dei dettagli che sia grande o piccolo li devi saper ricreare, per esempio ci sono fenomeni che riescono ha riprodurre macchie di ruggine su un telaio di una vecchia moto, sono degli artisti poi che sia in scala 1/24 o 1/8 poco cambia, alle spalle ci vuole esperienza e bestemmie anche lì, senza nulla togliere al tuo amico modellista che sicuramente è bravissimo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Joker78 dice:

senza nulla togliere al tuo amico modellista che sicuramente è bravissimo.

Bah, posso dirti che l'effetto ruggine, erba e olio sui carri armati (lui fa quasi solo questo) esula dalla vernice ma vengono usate particolari tecniche per sbiadire il colore gia' passato.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, Carsco dice:

Bah, posso dirti che l'effetto ruggine, erba e olio sui carri armati (lui fa quasi solo questo) esula dalla vernice ma vengono usate particolari tecniche per sbiadire il colore gia' passato.

Li ci vuole un bel manico 😁

  • Like 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...