Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Gabr222

Stampante fdm in ambienti freddi e umidi

Recommended Posts

Ciao a tutti!

Sono in procinto di acquistare la mia prima stampante 3d, il mio budget √® sui 400 euro max (ma anche menoūüėÖ)¬†e la utilizzerei principalmente per stampare PLA,¬†ma veniamo al dunque: abito in una casa piuttosto piccola, la stampante non riuscirei a metterla da nessuna parte se non in garage, per questioni di spazio e di rumorosit√†. Vivendo al nord, in inverno le temperature scendono spesso sotto lo zero e il garage non essendo riscaldato penso che stia sui 4/5 ¬įC¬†di notte (magari anche meno, dovrei misurare), e sicuramente con un tasso di umidit√† pi√Ļ alto delle altre stanze. Ho gi√† letto un paio di discussioni in cui viene consigliato di costruire un box in legno dove inserire la stampante, i miei dubbi sono:

  • Se costruisco un box in legno con relativi pannelli fonoassorbenti isolanti e antivibrazioni non c'√® il rischio che la zona interna si surriscaldi troppo e vada a deteriorare alcuni componenti?
  • La temperatura ambiente influisce molto sulla qualit√† della stampa e in che modo?
  • Quali componenti dovrebbero rimanere fuori dal box? a me verrebbe in mente l'elettronica e l'alimentatore, ma la bobina di filamento? ho visto che molti la lasciano fuori ma non sarebbe meglio lasciarla dentro per non esporla all'umidit√†?
  • Quale legno sarebbe consigliato per fare un lavoro del genere?
  • Quale stampante √® facile da disassemblare per lasciare dei pezzi fuori?¬†quale mi consigliereste?¬†ho visto che alcune hanno elettronica e alimentatore integrati sotto il piatto e non sarebbero il massimo immagino.
  • Sarebbe un problema se il garage non fosse arieggiato?

Scusate per le troppe domande e se sono già state fatte, ma non essendo molto pratico non vorrei acquistarla per poi non usarla e rimandarla indietro. Grazie a tutti!

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per prima cosa devi capire cosa vuoi stampare, se stampi pla è un conto, se stampi in petg un altro e se stampi in abs le cose si complicano....

29 minuti fa, Gabr222 dice:

Se costruisco un box in legno con relativi pannelli fonoassorbenti isolanti e antivibrazioni non c'è il rischio che la zona interna si surriscaldi troppo e vada a deteriorare alcuni componenti?

non devi fare il box dei sogni...niente di particolare... 6-8mm di legno economico e magari il frontale in plexiglass....

se stampi in petg puoi tenere tutto dentro, piano a 60 e quindi tutto arriva a 60 gradi il che non è sicuramente un problema.

se stampi abs, quindi temperature intorno ai 100 direi che è necessario mettere l'elettronica fuori e comunque i poveri motori non sono troppo contenti.....

se stampi pla... io il pla lo stampo da una vita in garage a 0 gradi, buon tasso di umidita',sporco,polvere etc.. e vado forte ūüėā

29 minuti fa, Gabr222 dice:

La temperatura ambiente influisce molto sulla qualità della stampa e in che modo?

come regola generale è meglio non stampare a temperature glaciali, l'elttronica spenta a 0 gradi non è troppo contenta. quando stampi l'unico problema è che consumi piu' corrente per mantenere le temperatura ed è pratricamente necessario apportare delle modifiche alla stampante....

 

29 minuti fa, Gabr222 dice:

ho visto che molti la lasciano fuori ma non sarebbe meglio lasciarla dentro per non esporla all'umidità?

se stampi in abs non puoi tenerla dentro, se stampi altri materiali si... diciamo che è meglio che non raggiunga i 80-90 gradi....

29 minuti fa, Gabr222 dice:

Quale stampante è facile da disassemblare per lasciare dei pezzi fuori?

su questo budget una soluzione potrebbe essere la geetech i3,geetech a 10 e simili....

non c'è un modello da consigliare sono tutte equivalenti per questa fascia di prezzo....

29 minuti fa, Gabr222 dice:

Sarebbe un problema se il garage non fosse arieggiato?

se è molto piccolo e stampi in abs non è il massimo ma non lo definerei un problema... certamente poi non devi stare li a respirare i i fumi per tutto il tempo altrimenti si che è un problema.....

pla o petg nond evono essere arieggiati....

 

ti consiglio una soluzione "ibrida", fai un box per la stampante e prendi una scatola per quadri elttrici (insomma una scatola di plastica) che avviti direttamente su un lato del box. in questo modo stampi cio' che vuoi e l'eltronica non raggiunge nemmeno i 50 gradi ma l'eventuale umidita' non si condensa mai sulla scheda.

fai un po' di fori sulla parte superiore del box per arieggiare un po' e magari aggiugni anche un mosfet per il piano ed eventualmente un secondo alimentatore se vuoi stampare abs.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille per la risposta esaustiva, comunque ero orientato solo sul PLA, poi penso che col tempo se mi verr√† voglia di stampare altri materiali, e credo proprio che mi verr√†ūüėā, far√≤ adattamenti e modifiche, ma intanto penso a scegliere una configurazione facile e che non dia problemi...

1 ora fa, FoNzY dice:

come regola generale è meglio non stampare a temperature glaciali, l'elttronica spenta a 0 gradi non è troppo contenta. quando stampi l'unico problema è che consumi piu' corrente per mantenere le temperatura ed è pratricamente necessario apportare delle modifiche alla stampante....

Cosa intendi per modifiche? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, Gabr222 dice:

Cosa intendi per modifiche? 

se vuoi stampare in ambienti freddi materiali che richiedeno piano caldo è consigliabile prendere un secondo alimentatore in quanto quello originale non ha abbastanza potenza.anche  un mosfet esterno è sicuramente utile in quanto dimezza il tempo di riscaldo del piano ed essendo molto piu' potente di quello originale ha molte meno possibilita' di rompersi

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, FoNzY dice:

se vuoi stampare in ambienti freddi materiali che richiedeno piano caldo è consigliabile prendere un secondo alimentatore in quanto quello originale non ha abbastanza potenza.anche  un mosfet esterno è sicuramente utile in quanto dimezza il tempo di riscaldo del piano ed essendo molto piu' potente di quello originale ha molte meno possibilita' di rompersi

 

Grazie per i consigli.

Un'ultima cosa, ho visto che c'√® la creality CR-10S che ha la parte elettronica completamente staccata da quella meccanica, potrei prendere questa in modo da portare all'esterno del box la parte elettrica e tenerla al riparo come hai detto te con un ulteriore scatola. Tra l'altro la vedo a un buon prezzo su Ebay a poco pi√Ļ di 300, non so se il veditore √® affidabile per√≤

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Gabr222 dice:

Un'ultima cosa, ho visto che c'è la creality CR-10S

puo' essere una scelta valida, sicuramente è allo stesso livello delle altre due che ti ho citato.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la butto la...e se, rinunciando a qualche cm nelle dmensioni di stampa, acquistassi una stampante chiusa?

la sharebot one ad esempio ūüėČ

stampanti-3d-sharebot-one.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse meglio

Anycubic kossel linear plus,
Inviato utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


I servizi di Stampa 3D forum

Seleziona il servizio che stai cercando:



  • Contenuti simili

    • Da LuNdreu
      Finalmente, complice la quarantena, ho avuto il tempo di "completare" lo spazio per la mia Ender 3 Pro.
      Di base si tratta del solito Lack Ikea, con cerniere riviste in modo da avere lo sportello frontale estraibile a scorrimento piuttosto che a porta (questione di spazio¬†ūüėÖ).
      Dico "completare" perchè manca ancora la mensola superiore porta bobine e un paio di sensori temperatura/umidità che dovrei mettere dentro. Oltre a spostare schermo e alimentatore esternamente.
      Comunque per il momento il risultato è questo.

      In pi√Ļ ne ho approfittato per aggiungere le barre di rinforzo per tenere z perfettamente perpendicolare,¬†facendo una staffetta che potesse vincolare anche la barra filettata dell'asse z (tutto in PETG).

      Devo dire che i rinforzi pi√Ļ un paio di strette alle viti a brugola dell'asse x si fanno sentire parecchio sulle stampe.
      Ciliegina finale che ancora mancava, piedini per silenziare in attesa della nuova mainboard ūü•≥.
       
      Alla prossima
      Andrea
       
    • Da Lewes10
      Salve a tutti,
      sono nuova in questo forum. Sono una studentessa di ingegneria che sta facendo una tesi su bioprinting e in preparazione ad esso utilizzo una sharebot 42. Dato che il mio interesse √® il monitoraggio tramite telecamere avrei bisogno, alla fine di ogni layer stampato, di spostare l'estrusore (e i bracci) fuori dal field of view della camera (co-assiale con l'estrusore, ma posta pi√Ļ in alto, in modo da vedere il pezzo per intero). Ho perci√≤ pensato di modificare il gcode in modo tale che alla fine di ogni layer faccia tornare l'estrusore alla sua origine: ho visto che il comando base per questo √® G28 (X0 Y0) ma vorrei avere qualche consiglio da chi ha pi√Ļ esperienza di me in questo ambito, anche perch√® non avr√≤ accesso alla macchina per una settimana ma mi piacerebbe ottimizzare i tempi ed imparare il pi√Ļ possibile circa la modifica di gcode.
      Ad esempio: so che quello che voglio fare allungherebbe i tempi di stampa (non è un problema) ma a parte questo, il comando che ho trovato (G28) causerebbe problemi alla stampa del layer successivo?
      Spero di essere stata chiara. Ogni consiglio o guida alla modifica gcode sar√† molto ben accetta ūüôā¬†( per ora ho letto questa:¬†https://www.italia3dprint.it/gcode/)
      grazie
    • Da BMaker
      Sono alla ricerca di pi√Ļ informazioni possibili sui filamenti idonei al contatto alimentare:
      certificazioni necessarie componenti chimiche eventuali accortezze nel processo di produzione/estrusione accortezze nello sviluppo Qualcuno ha esperienze?
    • Da Tomto
      Anycubic I3 Mega Ultrabase
       
      Sito ufficiale :          http://www.anycubic3d.com/
      Supporto     :          http://www.anycubic3d.com/support/show/594016.html
      Customer service:  http://support.anycubic3d.com/submit.html
               Specifiche tecniche:
      Tecnologia di stampa: FDM (Fused Deposition Modeling) Risoluzione layer: 0.05-0.3 millimetri Precisione di posizionamento: X/Y 0.0125 millimetri Z 0.002 millimetri ¬†Materiali Stampabili: PLA, ABS, Hips, Wood Velocit√† di stampa: 20 ~ 100 millimetri/s (velocit√† consigliata 60%) Velocit√† di Travel: 150 millimetri/sDiametro dell'ugello: 0.4mm/1.75 MM Estrusore : SingoloVelocit√† di stampa: 20 ~ 100 millimetri/s Materiali stampabili: PLA, ABS, Hips, Wood Volume di stampa: 210x210x205mm (x,y,z) Tensione di funzionamento: 12 V DC Ingresso Nominale: 110-220 V AC, 50/60 H Temperatura Estrusore: Max 260 ¬įC Temperatura ambiente di Funzionamento: 8 ¬įC-40 ¬įC Formati di Input:. STL,. OBJ,. DAE,. AMF Slicer : Cura/Simplify3D Formati di Output: GCode Connettivit√†: Scheda SD, Porta USB (solo gli utenti esperti) Ingresso Nominale: 110-220 V AC, 50/60Hz, 1.5A Dimensioni: 405 millimetri x 410 millimetri x 453 millimetri Peso imballo: 16.5 kg Temperatura bed: Max 110 ¬įC Scheda madre: Trigorilla (con driver intercambiabili) Asse z: doppio motore con due driver distinti Di solito le anycubic hanno una scheda madre trigorilla a 8 bit:

      Sul alcune stampanti per un certo periodo è stata montata una trigorilla a 32 bit non upgradabile. Tenetelo a mente se avete intenzione di cambiare i driver con i tmc 2208/2130

      ¬†Una cosa da considerare per il piatto incollato e quella che segue nel video. Faccio¬†presente che la stessa Anycubic, sia sulla mega s che sulla nuova promax ,non incolla pi√Ļ il piatto in vetro ma lo blocca con delle clip metalliche
       
    • Da marcottt
      Anycubic kossel linear plus:
      http://www.anycubic3d.com


       
      Specifiche:
      * Tecnologia di stampa: FDM
      * Velocità massima di stampa:80 mm/s.
      * Tipo di livellamento:Auto Leveling
      * Velocità di spostamento:150 mm/s 
      * Dimensioni della stampante: 380x380x680 mm 
      * Dimensioni di stampa:ŌÜ230x300 mm (*)
      * Dimensioni del piatto di vetro di stampa:Diametro: 240 mm; spessore: 3 mm
      * Risoluzione dei Layer:0.1-0.4 mm
      * Precisione di posizionamento: 0.1 mm 
      * Formati di file supportati:GCode, STL, OBJ, DAE, AMF
      * Temperatura di stampa: Max 260‚ĄÉ¬†
      * Tipi di connessioni:USB/SD 
      * Slicer software: Cura
      * Formato di uscita di Cura:GCode
      * Linguaggi del Software: Cinese/Inglese 
      * Alimentazione:AC 100-240V, 50/60Hz, 1.5A 
      * Consumo nominale:48W
      (*) come tutte le stampanti delta, il volume massimo non √® un cilindro ma una forma particolare pi√Ļ simile ad un cilindro con sopra un cono, quindi il volume totale √® da considerare ridotto.
      Pagina di supporto:
      http://www.anycubic3d.com/support/show/594034.html

      sono presenti documenti, firmware e video di assemblaggio e supporto.

       
       
       
       
       
       
  • Discussioni

  • Collaboratori pi√Ļ popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.