Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Davide87

Pelle e ossa stampate in 3d per gli astronauti che andranno su Marte

Recommended Posts

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è sicuramente una grande innovazione (nel lungo periodo, ad oggi costa una follia la resina,figuriamoci la pelle), in questo pianeta sarebbe una grandissima rivoluzione medica ma proprio non riesco a vedere l'utilita' che avrebbe per un astronauta... se uno dei membri dell'equipaggio si fa male al punto da aver bisogno di essere operato non c'è abbastanza personale,strutture,risorse,competenze...e 1000 altre cose per farlo...il tutto (probabilmente) in assenza di peso....avere il "ricambio" non significa "poterlo montare"...o solo io la vedo cosi?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, FoNzY dice:

è sicuramente una grande innovazione (nel lungo periodo, ad oggi costa una follia la resina,figuriamoci la pelle), in questo pianeta sarebbe una grandissima rivoluzione medica ma proprio non riesco a vedere l'utilita' che avrebbe per un astronauta... se uno dei membri dell'equipaggio si fa male al punto da aver bisogno di essere operato non c'è abbastanza personale,strutture,risorse,competenze...e 1000 altre cose per farlo...il tutto (probabilmente) in assenza di peso....avere il "ricambio" non significa "poterlo montare"...o solo io la vedo cosi?

 

Non per l'astronauta nella navicella spaziale, ma più per il marziano. Poter stampare pelle ed ossa, su marte, può essere di grande aiuto, secondo me, evita di dover portare, sin da subito, interi ospedali, centri ricerca, etc etc etc. Ti basta un equipe ridotta e qualche stampante 3D, se ti spacchi un osso te lo stampano.

Ovviamente tutto futuristico, ma secondo me nel futuro potrà essere rivoluzionaria come cosa.

Poi immagina una cosa: ti spacchi un femore. Anzichè mesi di gesso ed altrettante di riabilitazione, te lo cambiano.

Ti spacchi le costole, attualmente non si ingessano, te le spacchi su marte diventi inutile per 1 anno (e su marte sei un peso a tutta la comunità, che ha risorse estremamente ridotte, tutti devono avere un ruolo). magari qui te la stampano nuova.

Sempre in un futuro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque la stampa 3d delle ossa è ormai abbastanza diffusa, in Australia avevano sostiuito tutta una tibia ad un ragazzo (17 ore di intervento...) e a Bologna la usano da qualche anno per parti più piccole(non vi dico come mai sono così informato, ma ve lo lascio immaginare, anche se sfortunatamente io non ho potuto ancora giovarne...), probabilmente qui la novità sta anche nel fatto di pensare di consolidare a tal punto la tecnologia da poterla utilizzare su un altro pianeta.

Nell'articolo originale dicevano che comunque la stanno sviluppando per farla funzionare in assenza di gravità, anche se poi, come ha evidenziato @FoNzY, fare un'operazione così complessa in assenza di gravità non deve essere proprio una passeggiata, anche con eventualmente a disposizione del personale esperto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma cosa state dicendo?di cosa state parlando?

non si puo stampare su marte ste cose, anche perche chi ci andrebbe?

il primo passo dell uomo della luna insegna sicuramente l atterraggio su marte lo gireranno in altro luogo percio le stampanti come quella che ha rifatto la mano di luke skywolker in guerre stellari potranno anche funzionare ma qui sulla terra perche su marte non ci arriveremo mai

tutto finto

allora mandiamo anche una stampante sull isola dove stanno (come voi ben sapete) michael jakson,marylin monroe,elvis, ghandi ,kurt kobein, goku,tony dallara ecc ecc

tutta fantasia 😉

cmq no seriamente ammesso e non concesso che si riesca a stampare cio veramente in assenza di gravità non si possono fare nessun tipo di operazione invasiva intendo,lo sapevate che nemmeno l aspirina si puo prendere?

poii se invece stiamo parlando di fare cio a terra in una sorta di base su marte o ovunque sia è un altra cosa ma credo che la stampa 3d sia solo l inizio di una evoluzione non credo sia la soluzione definitiva in medicina per me evolverà in altro molto piu sofisticato come ad esempio gli esperimenti che fanno su come addirittura coltivare organi o parti del corpo come scorta.

sarà la rampa di partenza di altro credo molto piu evoluto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma perché parlate di assenza di gravità? La gravità c'è, se vuoi pensare di stare stabilmente fuori dalla terra, devi pressurizzare in qualche modo, non puoi mica vivere in una tuta spaziale attaccata ad un cavo.

Un conto è la stazione spaziale con soste medio lunghe, un'altro è creare una colonia, in tal caso la gravità ci sarà

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È il sito dell'Esa che stressa il fatto dell'assenza di gravità, ma aggiunge anche giustamente che su Marte la gravità è nettamente inferiore e quindi si tende ad andare incontro ad osteoporosi e rischio fratture più elevate, da qui l'importanza di poter curare le fratture... In pratica hanno fatto queste prove di stampa a testa in giù per verificare l'eventualità dell'applicazione in assenza o con una gravità più scarsa della nostra.

https://m.esa.int/Our_Activities/Space_Engineering_Technology/Upside-down_3D-printed_skin_and_bone_for_humans_to_Mars

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riprendo questo vecchio post perché oltre a ossa e tessuti, hanno provato a stampare anche una bistecca sulla ISS

http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2019/10/09/pronta-la-prima-bistecca-spaziale-_550065c2-b094-4ca6-8913-4567fbadd6fd.html

Quindi da questa sera non ho più scuse, mi tocca cucinare! 😁😁

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È possibile combattere la mancanza di gravita, lo stesso Wernher Magnus Maximilian von Braun padre fondatore del Saturno 5, stava lavorando su questo, per farla breve lo spiego in maniera terra terra, applica la forza derivata da una centrifuga, come una grande lavatrice che in assenza di gravità andrebbe a ricreare una gravità molto simile ha quella terrestre, però  il vero problema oltre alla mancanza di gravità, è che  non siamo in grado di prevedere cosa può succedere in un percorso anche di soli  6 mesi come per marte, esempio ci sono piccole particelle di detriti che viaggiano ha 40000kmh in grado di passare qualsiasi scafo, impossibili da intercettare, tempeste solari che possono causare tumori, una missione su Marte oggi non si discosta tanto da quella della luna in termini di tecnologia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.