Vai al contenuto
SI-DESIGN
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Hr-Miri

Una stampante per fare ingranaggi

Recommended Posts

Salve a tutti,

come promesso nella sezione "presentazioni" apro questa nuova discussione.

Vorrei avvicinarmi al mondo della stampa 3D per poter dare vita ad alcuni miei progetti nei quali sento la necessità di avere degli ingranaggi. Ad oggi mi sono adattato recuperando tutto ciò che trovavo in vecchie stampanti, giocattoli e elettrodomestici in generale. Da qui la domanda…...posso stamparmeli io?

Ho iniziato la mia ricerca su google dove trovo svariate guide, trucchi e settaggi da utilizzare per la stampa. Quali materiali sono preferibili e quali no. Ma dopo giorni e giorni di ricerche le nozioni apprese iniziano ad intasarsi all'interno della mia mente :S

Mi pare di aver capito che i materiali da preferire siano (in ordine di preferenza):

-nylon;

-Pla;

-Abs;

-Petg;

Ma la domanda principale che mi pongo e che ancora non trova risposta è: Tutte le stampanti possono ottenere risultati buoni/funzionali?

Cioè, prima di tutto, anche con tecnologia FDM posso ottenere risultati o solo con SLA?

Se l'argomento è stato già affrontato vi sarei grato di segnalarmi il link, ho provato già con il tasto cerca ma con scarsi risultati.

Grazie 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, Hr-Miri dice:

Salve a tutti,

come promesso nella sezione "presentazioni" apro questa nuova discussione.

Vorrei avvicinarmi al mondo della stampa 3D per poter dare vita ad alcuni miei progetti nei quali sento la necessità di avere degli ingranaggi. Ad oggi mi sono adattato recuperando tutto ciò che trovavo in vecchie stampanti, giocattoli e elettrodomestici in generale. Da qui la domanda…...posso stamparmeli io?

Ho iniziato la mia ricerca su google dove trovo svariate guide, trucchi e settaggi da utilizzare per la stampa. Quali materiali sono preferibili e quali no. Ma dopo giorni e giorni di ricerche le nozioni apprese iniziano ad intasarsi all'interno della mia mente :S

Mi pare di aver capito che i materiali da preferire siano (in ordine di preferenza):

-nylon;

-Pla;

-Abs;

-Petg;

Ma la domanda principale che mi pongo e che ancora non trova risposta è: Tutte le stampanti possono ottenere risultati buoni/funzionali?

Cioè, prima di tutto, anche con tecnologia FDM posso ottenere risultati o solo con SLA?

Se l'argomento è stato già affrontato vi sarei grato di segnalarmi il link, ho provato già con il tasto cerca ma con scarsi risultati.

Grazie 

 

Dipende da quanta precisione e resistenza meccanica ti serve ti serve. Con la sla/dlp potresti oltre che stamparli, crearti degli stampi (se sai come utilizzare i cad parametrici) ed utilizzare resine da colata con resistenza meccanica pari o addirittura superiori all'abs (ad iniezione) .

Potesti farlo anche con la fdm , ma torno  a ripetere dipende dal tipo di ingranaggio e quali tolleranze ti servono ..io stesso ho fatto una piccola cremagliera con la fdm e non è venuta male. Il pignone invece molto meno ....

Dovresti entrare nel dettaglio ....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
47 minuti fa, Hr-Miri dice:

Ma la domanda principale che mi pongo e che ancora non trova risposta è: Tutte le stampanti possono ottenere risultati buoni/funzionali?

si, ma il discorso è un po' complesso....

parlando di fdm anche le cinesi da 200 euro possono stampare ma a differenza di una "brand" (sempre fdm) da 2k euro la differenza sta nella ripetibilita' e nell'affidabilita', semplificando il discorso nella cinese dovrai smanettare ore,giorni,settimane per avere un buon risultato e poi conitnuare a smanettare spesso per mantenere tale risultato mentre nella brand no,plug & play, mai manutenzione,sempre pronta etc... e non sbaglia mai!

50 minuti fa, Hr-Miri dice:

Cioè, prima di tutto, anche con tecnologia FDM posso ottenere risultati o solo con SLA?

se vuoi stamapre ingranaggi o cose del tipo non troppo grandi la soluzione ideale è la dlp. parlando di ingraggi il dimensionamento dei pezzi è molto piu' preciso che in qualsiasi fdm e il pezzo prodoto sara' molto piu' resistente di uno in fdm ed anche meno soggetto ad usura....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo che fino ad ora mi son trovato ad utilizzare ingranaggi come quelli in foto, diciamo che i progetti si evolvevano man mano che trovavo i componenti. Ma essendo appunto dei progetti personalizzati non ho problemi di dimensionamento, nel senso, se realizzare ingranaggi così piccoli risulterebbe troppo difficoltoso o troppo deboli meccanicamente potrei benissimo progettarli più grandi e poi utilizzare varie demoltipliche per ottenere movimenti più fini e di conseguenza (se non sbaglio) limitare i giochi. 

Per quanto riguarda la progettazione, l'unico software di modellazione che so usare è autocad…..voglio sperare che almeno in questo ambito non debba studiare exnovo altri software, anche perché gli oggetti che vorrei realizzare cono tutti riconducibili a forme geometriche…… non devo stampare action figure per intenderci e autocad non sarebbe assolutamente utilizzabile heheheheh

Per il discorso plug and play….. eeehhhhh sarebbe l'ideale ovviamente, di contro immagino che il budget salirebbe abbastanza. 

Per smanettare, bhè, sono uno smanettone. Dalle cose meccaniche all utilizzo di software…… ci perdo le nottate ma prima o poi cerco di arrivare al risultato. Potrebbe essere di aiuto il fatto di aver già smanettato con arduino e la programmazione in C? Spero di si.

IMG_20190513_202603web.jpg

IMG_20190513_202635web.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quelli sul motore sono un po' piccoli per una fdm.... Non tanto gli ingranaggi ma i singoli dentini non sarebbero robusti...
Forse usando la fdm per fare poi calchi in silicone per poi resina....

Anycubic kossel linear plus,
Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Hr-Miri dice:

Per il discorso plug and play….. eeehhhhh sarebbe l'ideale ovviamente, di contro immagino che il budget salirebbe abbastanza. 

almeno 2000 per una nuova, 800 per una usata....

ma questi ingranaggi come dice giustamente marcot sono troppo piccoli per una fdm....

con una dlp base tipo la photon ne stampi 50 in 30 minuti 😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non ricordo male questi ingranaggi hanno passo 1 o al massimo 1,5. Ma ripeto, potendo spaziare a piacere nei progetti, potrei fare ingranaggi con denti più grossi e demoltiplicarli a piacere. Interessante la soluzione della resina! Per poter iniziare la ricerca di una ipotetica stampante in fdm, secondo quanto vorrei realizzare, quali sono le caratteristiche che devo tenere maggiormente in considerazione? Credo la precisione sugli assi x e y vero?

Fonzy purtroppo siamo furi budget 😰 oltre al fatto che non ho la necessità di stamparne a quantità industriali hehehehehhehe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Hr-Miri dice:

 Credo la precisione sugli assi x e y vero?

direi di si 

39 minuti fa, Hr-Miri dice:

Fonzy purtroppo siamo furi budget 😰 oltre al fatto che non ho la necessità di stamparne a quantità industriali hehehehehhehe

@FoNzY ti ha menzionato la photon . Vedi se rispetta il tuo budget .Guarda questo link.Considera che tra poco su amazon sarà disponibile il modello successivo la photon s .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie ragazzi per il tempo che mi state dedicando. Ho dato un occhiata alla stampante nel link. Non è proprio nel mio budget, speravo di cavarmela con meno. Anche perché non so ancora quanto potrei usarla, magari dopo aver raggiunto qualche risultato e portato a termine il progetto per cui mi sto interessando alla stampa 3d rimarrebbe ferma a prendere polvere e sarebbe un peccato. Noto anche che ha delle dimensioni di stampa inferiori rispetto ai canonici 21x21 delle fdm....e si sa, l'appetito potrebbe venirmi mangiando e non vorrei che questo possa essere un limite a eventuali progetti futuri. Ci dormo su e speriamo che la notte porti consiglio hahaha

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora ragazzi, ci ho rimuginato su un po'….. il budget di € 400 , facendo gli occhioni dolci a mia moglie sarebbe anche fattibile, preferirei non arrivarci ma vabhè.

Quello che mi blocca dall' acquisto della photon sopracitata sono le dimensioni di stampa…..ok è la scelta perfetta per quello che avevo chiesto, cioè stampare ingranaggi, ma sarebbe un limite a eventuali progetti futuri…..quindi continuerei la ricerca per l'acquisto di una stampante fdm con dimensioni di stampa più generose, senza eccedere. 

Dando un'occhiata veloce ai dati tecnici di alcune ho notato ad esempio che la precisione sugli assi x/y bene o male è molto simile tra i vari modelli. Sono solo dati teorici forniti dai produttori o ci si può fidare? 

Immagino ci siano anche altri fattori che influenzino la resa di stampa, tralasciando ora il materiale utilizzato, parlo proprio dei componenti della stampante. Probabilmente una struttura metallica risulterà più affidabile di una in acrilico. O magari l'elettronica di controllo sancisce anche l'affidabilità durante il processo di stampa.

Sareste così gentili da guidarmi nella scelta?

Grazie per la vostra pazienza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io credo che per quella cifra i risultati sono tutti molto simili.
A vantaggio della fdm, se pensi di usarla in casa, sono anche la gestione degli odori dei materiali la cui postproduzione delle non-fdm è credo abbastanza fastidiosa.
Nelle fdm, abs a parte, la puzza non è terribile... Magari non la terrei in cucina o camera da letto

Anycubic kossel linear plus,
Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto ho delle domande prima di intraprendere la mia ricerca:

-marche da tenere più in considerazione? Magari quelle preferite dai makers in modo da trovare risposte a problemi noti in fase di utilizzo;

-area di lavoro meglio chiusa? Mi é sembrato di capire che con alcuni materiali conviene;

-piatto tassativamente riscaldato?

-temperatura dell ugello.... puntare direttamente a uno che arriva a 300 gradi in modo da non dover fare un successivo upgrade?

-a proposito di upgrade..... si possono fare su tutte? O su quelle proprietarie (non open source) si hanno dei limiti? 

Esempio: cambio estrusore. 

Basta comprare il pezzo o anche la scheda di comando deve essere predisposta e in alternativa sostituita?

Scusate le domande a valanga 😅

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Hr-Miri dice:

Puzza, rumore o altre cose fastidiose non sono un problema in quanto ho una stanza adibita a laboratorio e può essere arieggiata a piacimento.

Che poi tra l'altro non puzza praticamente per nulla. Sarà che ci ho fatto l'abitudine col naso...Però sottolineo che non stampo ABS. Quello puzza veramente...

 

4 ore fa, Hr-Miri dice:

-marche da tenere più in considerazione? Magari quelle preferite dai makers in modo da trovare risposte a problemi noti in fase di utilizzo;

 

Su questo hai carta bianca. I filamenti si comportano in maniera diversa di stampante in stampante, perchè all'interno di ogni stampante ogni pezzo può influire sul filamento. AL massimo puoi cambiare passando da filamenti di scarsa qualità (che stanno intorno ai 12-18 euro, solitamente usati per le stampe di prova ecc..) a filamenti di alta qualità (che costano il doppio) per stampe "serie" o per chi ha più esperienza. Personalmente io anche a distanza di 6-7 mesi uso ancora i filamenti della Tianse, ma ce ne sono altri che non ho ancora provato e non so nemmeno se una vita basti per provarli tutti...😂

4 ore fa, Hr-Miri dice:

-area di lavoro meglio chiusa? Mi é sembrato di capire che con alcuni materiali conviene;

Dipende. Hai intenzione di stampare abitualmente l'ABS? Perchè è il materiale più noto per il warping. Ma le stampanti chiuse di fabbrica sono solitamente molto piccole come area di stampa, ma puoi trovare un compromesso comprando una normale e qualsiasi stampante aperta e successivamente, quando deciderai di buttarti sui materiali più difficili che richiederanno la stampante chiusa, chiuderla manualmente grazie alla miriade di tutorials Fai-da-te presenti sul web

 

4 ore fa, Hr-Miri dice:

-piatto tassativamente riscaldato?

Io lo consiglio. Poi magari non serve, ma almeno all'occorrenza ce l'hai. Puoi sempre decidere di affidarti alla scienza dell'adesione "a ventosa" su un vetro microforato, rigorosamente riscaldato quanto basta per far aderire i modelli, oppure non lasciare nulla al caso prendendo un vetro, piazzandolo sulla lastra di alluminio e spuzzandoci sopra uno strato di lacca. La scelta è tua. Però l'ABS credo richieda obbligatoriamente il piano riscaldato, così come alcuni materiali.

 

4 ore fa, Hr-Miri dice:

-temperatura dell ugello.... puntare direttamente a uno che arriva a 300 gradi in modo da non dover fare un successivo upgrade?

Ma perchè esistono ugelli da 300 gradi? I materiali comuni della stampa 3D di solito si fermano a 260. Alcuni speciali arrivano a 280 al massimo, ma parliamo di oggetti nel campo ingegneristico/meccanico e dubito li utilizzerai così spesso.

 

4 ore fa, Hr-Miri dice:

-a proposito di upgrade..... si possono fare su tutte? O su quelle proprietarie (non open source) si hanno dei limiti? 

Se trascuriamo il livello di manualità di una persona (non so quanto tu sia esperto), potenzialmente sono TUTTE upgradabili (anche quelle che costano 2000 euro, ma non affidarti alla garanzia se fai casini...😅), quello che cambierà da una open source a una non sarà la mole di passaggi e upgrade che dovrai fare. Ad esempio la A10 ha già la scheda dentro con uno slot libero per un eventuale secondo estrusore, lì ti basta comprare il circuito stampato che supporti il 2 in 1 della Geeetech, un meccanismo spingifilo in più, un motore dell'estrusore in più e l'hot end 2 in 1, mentre nella Ender oltre a tutte le spese già citate dovrai anche comprare la scheda madre che supporti un secondo estrusore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.