Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Recommended Posts

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



  • Contenuti simili

    • Da Dario2012
      Ciao ragazzi,
      sono in possesso di una Witbox Bq, ne faccio uso da svariati anni ma da circa due settimane non riesco a risolvere un problema legato alla temperatura. 
      Ho cambiato tre volte l'Hot End (originale Bq), nel corso degli anni e non ho mai riscontrato problemi come dall'ultima volta. 
      Per sicurezza, ho riscaricato il firmware, il programma Cura 4.3.0 e lavorando in laboratorio, ho fatto diverse prove ai monofili per capire se fosse un problema legato ad una qualche bobina di PLA, comprandole da siti diversi.
       
      Panico perchè il problema non si capisce da dove derivi, neanche consultandomi con i miei colleghi. 
      Oggi ho nuovamente re- impostato i parametri di stampa, mettendo ad ogni configurazione di temperatura e di materiale 220 gradi.
      Parte la stampa, la temperatura resta alta, ma dopo una decina di minuti i gradi sul display sia del software che della stampante risultano inferiori : es. 208/220 ed il numero sale e scende a suo sentimento senza che io possa fare nulla. Può essere un problema della termocoppia? 
      Qualcuno ha riscontrato il mio stesso problema o può gentilmente aiutarmi?
       
      Ps. pensandole tutte, ho tenuto in considerazione anche il piano di stampa, il software da l'opzione per riscaldarlo, ma la mia Witbox modello base non lo consente. 
      Ringrazio anticipatamente. 
       
    • Da lucamatricardi
      Buongiorno,
      stiamo valutando quale stampante FDM potrebbe essere più adatta per realizzare i prototipi dei nostri progetti di design industriale . Ci eravamo orientati verso la Method Makerbot perchè ci sembrava che potesse essere molto utile il supporto solubile, poi vedendola i campioni dal vivo siamo rimasti un po' delusi dalla qualità di stampa.
      La qualità delle stampe zortrax invece ci ha fatto un'ottima impressione.
      Attualmente sono disponibii diverse macchine usate startasys di livello superiore ma di qualche anno fa (fortus 250mc e dimension elite)  a un prezzo abbordabile (tra 5000 e 8000 euro) e, non avendo esperienza con le stampanti 3d, stiamo cercando informazioni per capire se una macchina di fascia alta a doppio estrusore  però un po' "attempata" ci può essere più utile di una stampate 3d desktop tipo la zortrax m300 plus.
      Grazie 
    • Da I3D&MLab
      Salve a tutti finora ho usato Repetierhost con slicer Cura e da poco mi sono messo ad usare Ultimaker Cura 4.0.0. Passando a Cura 4.0.0 sono però spuntate delle "striature" (indicate dalla freccia) che hanno fatto calare la qualità di stampa come si vede bene dal confronto tra il cubetto a destra stampato con g-code generato da repetiehost (CuraEngine) rispetto a quello a sinistra (ho stoppato io la stampa per evitare di sprecare materiale) con g-code generato in Ultimaker Cura 4.0.0.

      qui un dettaglio dell'Infill che è impostat su grid

      avete qualche idea su quale parametro modificare in Cura 4.0.0 per evitare il problema? grazie
    • Da BMaker
      Oggi ho potuto vedere e toccare con mano la nuova Ultimaker S5, commercializzata in Italia da 3D Italy.
      La macchina si presenta bene e solida, con un sistema di movimento maggiorato rispetto le versioni precedenti.
      Molto interessante il sistema a plug del blocco estrusore: i due estrusori sono facilmente removibili e rilevati in automatico dalla macchina tramite piccole componenti di elettronica. Qualcosa di giá visto con Makerbot qualche anno fa, ma Ultimaker ha avuto un approccio piú "tradizionale". Gli estrusori sembrano ben progettati.
      Finalmente abbiamo un sensore di rilevamento del filo.
      L'alimentatore è interno al case della macchina, le bobine con filamento da 2.85 mm integrano il sistema di rilevamento del filo tramite tecnologia nfc, impossibile sbagliare filamento in uso (usando fili Ultimaker).
      In vendita a € 5.500 + iva.
      A parte il blocco estrusore, che merita, lo sportello frontale mi è piaciuto parecchio: è solido e resta chiuso, ben fatto rispetto a tanti altri che si imbarcano solo a guardarli.





       
       
    • Da Valda83
      Salve a tutti ragazzi
       
      Ho un problema con Cura 3.3.1 (ma lo faceva anche con le versioni precedenti)
      Quando apro i modelli ogni tanto vengono caricati "invisibili" ...è presente solo l'ingombro... non lo fa sempre .... qualcuno sa da cosa può dipendere?
      Grazie
      Dario

  • Discussioni

  • Collaboratori più popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.