Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

Recommended Posts

Come da titolo, ho il piatto di stampa che si muove con la cinghia non tesa a dovere. Questo perché, se tendo la cinghia come sull'asse X, il piatto tende a bloccarsi e a fare un rumoraccio. Ieri ho lubrificato bene tutte le aste ma penso non basti, può essere il piano montato magari leggermente storto?  (Prusa I3 Pro W) 

In più (penso sia dovuto al problema della cinghia non tesa) i cerchi e in generale le parti con curve spesso e volentieri escono traballanti, quindi con buchi troppo piccoli o deformati.

Grazie in anticipo e complimenti per il forum che mi è stato utile in molte occasioni 🙂

20190312_070035.jpg

20190312_070102.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per prima cosa ti consiglio di controllare che il cuscinetto di rinvio della cinghia sia sano, non è infrequente che si rovini e quindi se sottoposto a sforzo non funzioni correttamente e faccia troppa resistenza.

Poi do per scontato che la stampante sia lubrificata adeguatamente (io consiglio la vasellina tecnica).. di fabbrica in genere non mettono neanche un goccio di lubrificante.

La cinghia quando è tesa correttamente premendola al centro senza fare forza eccessiva devi inflettersi di circa un cm o uno e mezzo (se è una stampante 20X20). Lo so che è un modo empirico ma in genere funziona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alep grazie per la risposta, avevo risolto poi da solo osservando mentre stampa ed era il cuscinetto di rinvio che era inchiodato perché avevo allargato poco la staffetta di metallo che lo regge (poi mi sono scordato di scriverlo)🙂

ora ho altri problemi, come il fatto che non stampa su metà piano ed il piano si "scalibra" ogni 2-3 stampe

Il 12/3/2019 at 12:04, Alep dice:

Per prima cosa ti consiglio di controllare che il cuscinetto di rinvio della cinghia sia sano, non è infrequente che si rovini e quindi se sottoposto a sforzo non funzioni correttamente e faccia troppa resistenza.

Poi do per scontato che la stampante sia lubrificata adeguatamente (io consiglio la vasellina tecnica).. di fabbrica in genere non mettono neanche un goccio di lubrificante.

La cinghia quando è tesa correttamente premendola al centro senza fare forza eccessiva devi inflettersi di circa un cm o uno e mezzo (se è una stampante 20X20). Lo so che è un modo empirico ma in genere funziona.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...



  • Contenuti simili

    • Da kevin341
      Salve a tutti, 
      sono da poco più di 2 mesi un felice possessore di una GEEETech A30 e (da Natale) anche di una CR-10 S4. Vorrei vista la mia inesperienza chiedere consigli su un paio di questioni che nonostante le prime 16 pagine di post letti del forum ancora ho poco chiare (è vero che sto invecchiando ma non credevo cosi tanto 😞 ).
      Il dubbio più grosso che mi corrode letteralmente è la differenza abissale di prestazioni tra i due Hotbed... la GEEETech è una bomba... da temperatura ambiente a 105/110° max in pochi minuti, è vero che il piano è 300x300 Super plate mentre la CR-10 è 400x400 con un vetro sopra e con anche quasi 80% di superficie in più ma arrivare a 60/65° dopo 25 minuti (su 100° impostati) e rimanere tali per un'ora mi sembra esagerato. Pensando fosse una questione di alimentazione o comunque un problema di corrente, ho aperto i due box di controllo ed ho notato le seguenti differenze:
      GEEETech A30 - Alimentatore: S-500-12 (output +12V=41A), ha il mosfet esterno alla mainboard per l'hotbed con 4 connettori, Mainboard: GTM32 Mini (se ho visto bene)
      Creality Cr-10 S4 - Alimentatore S-360W-12-L (output +12V=30A), ha il mosfet esterno alla mainboard per l'hotbed ma con 3 connettori, Mainboard: Creality V2.1
      Il dubbio adesso è come e cosa cambiare nella CR-10 per far si che arrivi almeno a 90° costanti per stampare ABS visto che sulla A30 a 250° di estrusore e 90/95° di bed lo stampa tranquillamente...  
      Inizialmente pensavo che comprando alimentatore da 480W a 40A risolvevo il problema... ( già ordinato, deve arrivare ) ma dopo pagine e pagine di post su questo forum ora mi sento più confuso di prima se possibile 🤔 .Anche i due differenti mosfet mi portano a domandarmi se quello della A30 non sia qualitativamente migliore ( è quello che vende per la maggiore Amazon con l'aggiunnta di una microventola sul dissipatore ) mentre quello della CR-10 è leggermente più piccolo e con solo 3 connettori (nella foto si vede chiaramente)... oppure sia il piano riscaldante che sulla CR-10 non ho ancora smontato perchè completamente imballato dall'isolante ( isolante che sulla A30 non c'è nemmeno)...  
      ringrazio in anticipo chiunque abbia un consiglio e mi scuso per sto poema che ho scritto... non volevo dilungarmi cosi tanto...
      Allego immagini di alcuni componenti 
      - interno box CR-10 S4, alimentatore CR-10 S4, attacco cavi hotbed A30 (non so se 12V o 24V) e alimentatore A30 
      Grazie ancora e buona nottata a tutti




    • Da Dedo
      Il display mi mostra 2 linee nere orizzontali, ho provato a ricaricare il firmware ed a rimettere il flat ma non è cambiato nulla. Qualcuno sa come risolvere questo problema ?

    • Da hellomiki
      Salve a tutti, è ormai da un annetto che ho con me una prusa i3 pro w della geeetech, le ho da poco montato un bowden e vorrei iniziare a stampare pezzi più grandi (materiale per cosplay) il problema purtroppo è che il piano che possiede è davvero limitante e mi tocca dividere in davvero troppi pezzetti il modello. Vorrei dunque provare a modificarla cambiandole piatto di stampa passando da un 20x20 ad un 20x30_35 (variando dunque solo la lunghezza su y). Vorrei qualche consiglio riguardo quali pezzi acquistare per effettuare questa modifica (nello specifico quale piatto riscaldato compatibile prendere e se conviene acquistare sempre delle m10 solo più grandi o cambiare proprio tipologia). Se riuscite anche a linkarmi i prodotti che citate ve ne sarei molto grato. Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità. 
    • Da R. Daniel
      Salve, un caro saluto a tutti.
      Sono alla mia prima esperienza con la stampa 3D. Ho iniziato dalle basi e sto finendo di montare una GeeeTech i3 Prusa Wood. Per ora solo qualche problema con l'asse Z: si muove se aiutato con le mani altrimenti i motori non ce la fanno. Si risolverà anche questo.
  • Discussioni

  • Collaboratori più popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.