Vai al contenuto
  • Iscriviti al forum

    Iscriviti al forum per usufruire di tutti i contenuti: la registrazione è gratuita!

mqdb

CR10S PRO sostituzione sonda heatbed

Recommended Posts

Ciao a tutti. 

Sono nella necessità di sostituire la termocoppia (termistore) della mia CR10S PRO dopo che continua a darmi il messaggio di thermistor error. I post in rete che sono riuscito a trovare non sono esaustivi ed il video YT del canale CREALITY relativo alla sostituzione della termocoppia è per la CR10S, il quale presenta, nella superficie inferiore del piatto, solamente poco nastro e un fazzoletto di materiale che trattiene la termocoppia. Ora, considerando che, a differenza della CR10S, come mostrato nel video ufficiale di Creality, sotto al hotbed io mi ritrovo tutta la superficie del piatto nastrata con il tape giallo ed INCOLLATO su tutta la superficie uno strato di gomma coibentatrice, vi chiedo: esiste un metodo con il quale riesco ad accedere alla sonda e sostituirla senza dover togliere tutta la gomma incollata? esistono video tutorial per la CR10S? avete avuto esperienza di questo problema? mi potete consigliare come sostituirla? Aggiungo che ho già smontato la stampante e verificato i cavi e le connessioni; il problema persiste. in allegato la foto della superficie inferiore del piatto. Grazie.

IMG_20200329_120108.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

facendo molta attenzione un buco in mezzo al materiale con un cutter in corrispondenza del termistore, dissaldi,sostituisci, risaldi, tappi il buco, finito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


I servizi di Stampa 3D forum

Seleziona il servizio che stai cercando:



  • Contenuti simili

    • Da Sirine
      Ciao a tutti.
      Ho una stampante 3d CR10 s  e mentre stava stampando il filo è andato a incastrarsi tra 2 cuscinetti: me ne sono accorta perché non usciva materiale dall'estrusore. Poi quando ho riacceso la stampante e ho provata a portarla in auto home, si muoveva molto lentamente, a scatti, come se avesse qualcosa incastrato. Vi allego un video.
       
      Ho lubrificato tutto ma nulla . Sapete quale potrebbe essere il problema?
      Grazie mille

      VID_20191103_172352.mp4  
    • Da kevin341
      Salve a tutti, 
      sono da poco più di 2 mesi un felice possessore di una GEEETech A30 e (da Natale) anche di una CR-10 S4. Vorrei vista la mia inesperienza chiedere consigli su un paio di questioni che nonostante le prime 16 pagine di post letti del forum ancora ho poco chiare (è vero che sto invecchiando ma non credevo cosi tanto 😞 ).
      Il dubbio più grosso che mi corrode letteralmente è la differenza abissale di prestazioni tra i due Hotbed... la GEEETech è una bomba... da temperatura ambiente a 105/110° max in pochi minuti, è vero che il piano è 300x300 Super plate mentre la CR-10 è 400x400 con un vetro sopra e con anche quasi 80% di superficie in più ma arrivare a 60/65° dopo 25 minuti (su 100° impostati) e rimanere tali per un'ora mi sembra esagerato. Pensando fosse una questione di alimentazione o comunque un problema di corrente, ho aperto i due box di controllo ed ho notato le seguenti differenze:
      GEEETech A30 - Alimentatore: S-500-12 (output +12V=41A), ha il mosfet esterno alla mainboard per l'hotbed con 4 connettori, Mainboard: GTM32 Mini (se ho visto bene)
      Creality Cr-10 S4 - Alimentatore S-360W-12-L (output +12V=30A), ha il mosfet esterno alla mainboard per l'hotbed ma con 3 connettori, Mainboard: Creality V2.1
      Il dubbio adesso è come e cosa cambiare nella CR-10 per far si che arrivi almeno a 90° costanti per stampare ABS visto che sulla A30 a 250° di estrusore e 90/95° di bed lo stampa tranquillamente...  
      Inizialmente pensavo che comprando alimentatore da 480W a 40A risolvevo il problema... ( già ordinato, deve arrivare ) ma dopo pagine e pagine di post su questo forum ora mi sento più confuso di prima se possibile 🤔 .Anche i due differenti mosfet mi portano a domandarmi se quello della A30 non sia qualitativamente migliore ( è quello che vende per la maggiore Amazon con l'aggiunnta di una microventola sul dissipatore ) mentre quello della CR-10 è leggermente più piccolo e con solo 3 connettori (nella foto si vede chiaramente)... oppure sia il piano riscaldante che sulla CR-10 non ho ancora smontato perchè completamente imballato dall'isolante ( isolante che sulla A30 non c'è nemmeno)...  
      ringrazio in anticipo chiunque abbia un consiglio e mi scuso per sto poema che ho scritto... non volevo dilungarmi cosi tanto...
      Allego immagini di alcuni componenti 
      - interno box CR-10 S4, alimentatore CR-10 S4, attacco cavi hotbed A30 (non so se 12V o 24V) e alimentatore A30 
      Grazie ancora e buona nottata a tutti




    • Da EnzoGeno
      Ciao ragazzi, sono nuovo sul forum e mi chiedevo se voi sareste in grado di aiutarmi.
      Ho da poco rimesso in funzione la mia stampante prusa i3 pro b della geeetech e dopo qualche ora di lavoro per rimetterla in sesto la avvio, muovendo in avanti il carrello del letto però mi si è strappato il filo presente sotto a questo; la temperatura quindi quando è tutto spento non è di circa 20 gradi (temperatura ambiente) ma di 0 gradi
      Ho visto che c'era una testina trasparente di plastica alle estremità della rottura del filo, anch'essa spaccata in due e se provo a saldare i fili saltandomi la testina la temperatura del letto passa da 0 gradi a 368 gradi (temperatura indicata e non reale)
      Ho ipotizzato che quella testina di plastica fosse una termoresistenza o qualcosa di simile ma non ne conosco minimamente le caratteristiche; qualcuno saprebbe dirmi cosa posso fare? 😁

    • Da Edoardo C.
      Uno degli upgrade per Anet A8 più popolari, l'installazione di un MOSFET per l'HOTBED! Oltre a migliorare la sicurezza e l'affidabilità della tua stampante, il MOSFET riduce il carico sulla mainboard Anet per una migliore dissipazione del calore. 
      Infatti il carico che deve sopportare il connettore dell'hotbed non è da sottovalutare e potrebbe portare a malfunzionamenti gravi. La prima versione dell'Anet A8 soffriva di seri problemi di cablaggio dell'elettronica ma con la versione 1.5 della scheda le cose sono cambiate e ora possiamo contare su dei terminali più soliti e affidabili. Quindi, se la tua stampante ha la scheda logica v1 questo upgrade è (quasi) obbligatorio, se come ne mio caso hai la v1.5 il MOSFET è semplicemente consigliato (sopratutto per la dissipazione del calore). 
      Un altro vantaggio è la possibilità di collegare un secondo PSU da 12 o 24V e dedicarlo esclusivamente al riscaldamento dell'heated bed. Questo permetterà non solo al primo PSU di lavorare con meno carico e ridurre quindi il calore da dissipatore, ma sarà possibile raggiungere temperature dell'hotbed elevate molto più velocemente con l'utilizzo di un PSU da 24V oppure agire nell'AVR di un alimentatore da 12V per portarlo a 14V.
      Per seguire il tutorial avrai bisogno di:
      MOSFET Connettore JST a 2 pin Cavi siliconici 14/16 AWG Terminali a forcella Per l'installazione, in calce trovi il video tutorial. Rimango a disposizione per qualsiasi domanda, buona visione! 😊
       
    • Da Edoardo C.
      Durante la stampa con il piatto riscaldato la tua stampante 3D monitora costantemente diverse parametri, tra cui la temperatura dell'Heated Bed. Impostata una certa temperatura la scheda si occupa di leggere il valore e riprendere quando necessario la fase di riscaldamento. Con la Hotbed Thermal Insulation MOD potrai ridurre drasticamente la dispersione di calore e diminuire i tempi d'attesa per il raggiungimento della temperatura soglia per iniziare la stampa. Addirittura per temperature molto elevate un'isolamento è necessario al raggiungimento di tali gradi centigradi.
      Questa semplice mod è realizzabile con diversi materiali, alcuni più o meno vantaggiosi di altri. Puoi utilizzare un taglio di sughero, una lastra di silicone, un foglio di cotone e altri, nel mio caso ho deciso di utilizzare un foglio di cotone per non gravare sul peso del carrello e per la sua praticità.
      Questa semplice mod è utilizzata per termo-isolare la parte sottostante dell'heated bed per ridurre tempi di riscaldamento e per evitare dispersioni di calore. Economica, funzionale e facile da installare, perché non provarla?
      Rimango a disposizione per qualsiasi domanda, buona visione! 😊
       
  • Discussioni

  • Collaboratori più popolari

  • Chi sta navigando

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.