Vai al contenuto
[[Template core/front/profile/profileHeader is throwing an error. This theme may be out of date. Run the support tool in the AdminCP to restore the default theme.]]

invernomuto last won the day on June 4

invernomuto had the most liked content!

Su invernomuto

  • Rank
    Stampatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Sì vero, ma continua a non convincermi e a giacere nei contenitore dei "pezzi che userò per progetti futuri" 🙂. Per ora ho invertito le due schede, la 1.3 va alla delta e la 1.1 alla cartesiana con Bltouch. Ho terminato la configurazione del firmware della 1.1, domani provo a montare tutto sperando funzioni. Poi sotto alla delta con la 1.3. Ad ogni modo ho approfittato anche per prendere un display 12864 di scorta visto il costo esiguo, se mi gira lo monto sulla delta, ho visto che c'è un supporto carino per il telaio.
  2. Buongiorno, ho cominciato l'upgrade ai 32bit per le mie due stampanti. Ovviamente c'è già un intoppo 🙂 Pensavo di sostituire la Trigorilla (una buona scheda 8 bit - ATMega2560) della mia Anycubic Linear Plus (una delta) con la SKR1.1 in mio possesso, e la MksGen L della mia cartesiana con la più recente SKR 1.3. Terminato di configurare il firmware, la SKR 1.1 compila, ma solo se seleziono come LCD il "Reprap discount full graphic controller". Purtroppo la mia delta ha - credo - un "Reprap discount smart controller", più piccolo. Se seleziono quest'ultimo, con il marlin 2.0 scaricato dal repository della BigTreeTech, non mi compila e mi da il seguente messaggio di errore: "REPRAP_DISCOUNT_SMART_CONTROLLER is not supported by the BIGTREE SKR V1.1" Sapevo che la SKR 1.1 è parecchio limitata in termini di compatibilità con i display, ma volevo capire se è ancora effettivamente così oppure se si è trovato qualche workaround magari nelle successive versioni del Marlin almeno con i principali LCD in commercio. La SKR 1.3 invece funziona con lo smart controller? Perché altrimenti uso la SKR 1.1 per la cartesiana (preferivo la SKR 1.3 perché è già predisposta per il BLTouch), con cui uso un Reprap discount full graphic controller e uso la 1.3 per la delta.
  3. Non sono sicuro di aver capito: fai home e il BLTouch non ti fa il livellamento automatico del piano? Se sì, ammesso che sia configurato correttamente il firmware, devi aggiungere al GCODE iniziale che viene lanciato prima di ogni stampa (vedi le impostazioni dello slicer), dopo l'istruzione "G28", un "G29". http://marlinfw.org/docs/gcode/G029-abl.html
  4. Tra l'altro in preorder la nuova resina costa 50$ al litro... Chiuso il preordine il prezzo standard sarà 69$ al litro ma appunto come dici è probabile che cali Anycubic consiglia il lavaggio con alcool.
  5. @Tomto tu la usi questa funzione nel Marlin? Non pensavo desse problemi all'estrusore e che andasse calibrata! @Magopic Leggendo la documentazione nel Marlin qui c'è un generatore di GCode da lanciare per calibrare il K. http://marlinfw.org/docs/features/lin_advance.html#calibration
  6. https://all3dp.com/3d-printing-toxic-emissions-everything-need-know/ Nell'articolo trovi il link allo studio con tutti i dati che vuoi (qui: https://pubs.acs.org/doi/pdfplus/10.1021/acs.est.5b04983) NB per "tossicità" si intende: emissione di micoparticelle plastiche nell'aria emissione di fumi tossici L'ABS fuso nello studio, rilascia stirene, che è ritenuto cancerogeno. Anche i filamenti di nylon rilasciano moltissime particelle. Il PLA è, stando a quei dati, più "sicuro", per quanto sia opportuno sempre ventilare ed evitare di stare assieme alla stampante mentre stampa. Un normale sistema di ventilazione da ufficio NON è ritenuto idoneo per mantenere "sano" l'ambiente. Per l'ABS, il consiglio è utilizzare un sistema di filtraggio. Poi intendiamoci, se stampo ogni tanto e spesso e volentieri arieggio i locali no problem. Ma altrove ho letto gente che dorme con la stampante di fianco in funzione. In questo caso devi essere a conoscenza che ti stai esponendo a dei rischi.
  7. Ma la geetech ha due motori Z indipendenti e due endstop per Z? Perché per quelle che ho visto io lo Z è uno solo e se si attiva blocca entrambi i motori. A lui, a quanto ho capito, uno va e l'altro no per cui potrebbe essere un problema di connettori non correttamente montati o un malfunzionamento di un componente (motore, driver, scheda, ecc). Condivido il suggerimento per fare uno scambio dei due motori Z: se il problema si presenta "scambiato" allora è il motore, altrimenti è sulla parte del driver / scheda. Ovviamente queste modifiche vanno sempre fatte a STAMPANTE scollegata dalla corrente onde evitare di bruciare i motori.
  8. Ma anche no. La tossicità dell'ABS è ampiamente dimostrata e documentata. Peraltro tutti i materiali stampati in FDM sono tossici, l'ABS ovviamente molto di più di PLA e PETG ma è sempre meglio mettere la stampante in un ambiente separato dal resto della casa ed arieggiare dopo. Ovviamente se stampi una volta ogni morte di papa e poi arieggi bene la stanza no problem ma francamente perché complicarsi la vita? Il PETG va benissimo e oltretutto è utilizzato per fare le bottiglie di plastica per l'acqua quindi direi, a naso, che stare a contatto con acqua non è un problema... Confermo che ho sentito le stesse cose. Pezzi in PLA usati per acquario e dopo 2 anni OK.
  9. Non so se c'era già qualcosa in giro, mi limito a segnalarla perché l'ho visto stamattina l'annuncio sulla pagina FB di Anycubic: https://www.anycubic.com/collections/uv-resin/products/anycubic-plant-based-uv-resin?fbclid=IwAR0MCMPt3ZqeZhsIPTWssnVkVQLKQY2IIc53yCyNdhcjeEK17cYW99HL76g Dovrebbe essere una resina non tossica ed eco-friendly fatta dall'olio di soia e atossica. Bisognerà vedere se poi è vero quanto dichiarato dal produttore, non sarebbe il primo produttore cinese che per fare cassa esagera o dichiara cose completamente false. I costi sono 45€ per mezzo litro e 65 per 1 litro (non ho idea se sia poco o tanto). La Photon inizia ad acquistare un senso?
  10. Su questo sono perfettamente d'accordo. L'ho scritto nel messaggio precedente: puoi fare con una Anet A8 le stesse cose che fai con una stampante commerciale a livello qualitativo. Sono pure d'accordo che la stampa FDM sia limitata: non è un caso che serve per prototipazione veloce e non per la produzione in serie dei pezzi a livello industriale. Un pezzo ottenuto con il classico stampo a fusione sarà meglio sotto quasi tutti i punti di vista. Il mio punto è che la qualità costruttiva, nel caso della WASP, incide. Perché se hai un telaio solido che non muovi neppure a martellate contro un telaio fatto da estrusi 2020 lunghi un metro e assemblati alla meno peggio dal cinese sottopagato quando stampi il primo non vibra, il secondo sì. E alla lunga questo di causa artefatti sul pezzo stampato. La prima ti tira fuori pezzi dimensionalmente corretti quasi subito, l'altra devi rimetterti con il cacciavite in mano e rimetterla in bolla. La WASP (per dirne una) la tiri fuori dalla scatola e stampi, l'altra pure ma devi essere consapevole delle limitazioni. Discorso analogo vale per le cartesiane (anche se la meccanica qui è sicuramente più semplice) e le CoreXY. Su queste ultime ho visto kit cinesi con soluzioni orripilanti pur di risparmiare qualche euro (vedi Tronxy X5...). Poi se ti piace smanettare è un altro discorso...
  11. Sgombriamo il campo da equivoci: può una stampante economica cinese stampare bene nonostante costi 150 euro? Certamente, e la qualità è paragonabile a quella di una stampante da 1000-2000 euro. Questo è valido solo nel mondo della stampa 3D e non, ad esempio, in altri campi (es, fresatrici CNC) dove se spendi 300 euro non puoi (perché è impossibile) aspettarti gli stessi risultati di una macchina da 5000 euro. Fin qui, credo, siamo tutti d'accordo. Come hai giustamente detto, con una stampante commerciale stampo però senza troppi pensieri: ho un firmware ottimizzato di fabbrica per quella precisa macchina, non devo perdere tempo a fare "upgrade" vari, stampo e tocco il meno possibile e i risultati sono più o meno buoni. Stampo a ripetizione ed ho minori rischi di dover buttare tutti i pezzi perché la stampa è andata male... Sulla velocità, non so a che velocità di default venga consigliato di usare una Zortax: dubito però abbia difficoltà a superare una Anet A6/A8 che oltre i 45- 50mm/s iniziavano ad avere problemi causa problemi strutturali. Anche perché c'è kit cinese e cinese, fino a 2 anni fa il default dei kit cinesi "economici" era il telaio in acrilico e già quello era un grosso limite alla solidità strutturale del progetto. Solo recentemente abbiamo sul mercato stampanti sui 200-300 euro con telai solidi e che non necessitano di modifiche importanti. Sul discorso degli upgrade ai kit cinesi io sono sempre più scettico, alla lunga spesso e volentieri ti fanno buttare un sacco di soldi per miglioramenti marginali della qualità. In alcuni casi non sono neppure "upgrade" ma sarebbe meglio restare con il progetto originale. Sono il primo a dire, pur avendole fatte, che fare certe conversioni tipo A8 --> AM8 --> BLV mod sono più un divertimento per l'hobbista se consideriamo il tempo, lo sbattimento e i soldi spesi: si fa prima a prendersi una Prusa originale e stampare in tranquillità. Sono già intervenuto ad esempio sui benefici delle guide lineari che ora sembrano andare per la maggiore rispetto alle classiche barre cilindriche + cuscinetti. Al netto di cose proprio minimali ed indispensabili, gli upgrade li fai perché ti diverte farlo e per scopo "didattico", non perché vuoi raggiungere vette qualitative estreme. Non conosco le Ultimaker, ho però visto le differenze fra una delta da 3000-4000 euro (Wasp) e una Anycubic da 250 euro. Le differenze in termini di qualità costruttiva le vedrebbe anche un cieco e hai voglia a cambiare pezzi sulla linear per farla diventare una Wasp: fai prima a buttare tutto nell'indifferenziato e comprarti altro. Ribadisco, nessuno ti regala nulla a questo mondo, manco i cinesi.
  12. In Cura è possibile impostare il costo al kg del materiale ed avere una stima del materiale impiegato per fare il pezzo. Ti stima quindi il costo del pezzo considerato solo il materiale. Magari aggiungici un tot orario per la corrente e il disturbo e sei OK.
  13. Esatto, mi ha preceduto @marcottt. Non facevo riferimento al fatto che il piano fosse disallineato, ma che non fosse in bolla la struttura della stampante. Puoi livellare il piano storto per metterlo in parallelo con la stampante "storta" ma stai facendo lavorare il tutto male. Questi blocchi improvvisi su uno dei due assi Z può dipendere dal fatto che una delle due barre Z è sollevata rispetto all'altra: questo crea degli attriti / torsioni che possono mandarti in blocco il tutto. Esperienza personale: avevo il motore Z2 che, inevitabilmente, perdeva qualche mm rispetto all'altro. L'asse X finiva per non essere mai in bolla rispetto al pavimento, perdendo qualche da un motore all'altro. Misura e rimisura, smonta i motori, il problema era banalmente che il giunto di uno dei due motori era più "compresso" dell'altro, creando una torsione sul motore Z2 che si traduceva in una inevitabile disallineamento dell'asse X.
  14. Assolutamente d'accordo ed è il motivo per cui una stampante di marca di qualità costa 2000 euro mentre una Anet 1/20 di quella cifra. Nessuno regala nulla. Il mio punto è che pure una Anet A8 è in grado di fare buone stampe nonostante il telaio in acrilico, le barre non rettificate, scheda limitatissima ecc, ma devi mettere parametri molto conservativi e mettere in conto molti sbattimenti. Se vuoi qualità, velocità e meno sbattimenti devi mettere mano al portafogli e spendere per tutti i componenti creando una build bilanciata. Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk
  15. Davvero complimenti, bel lavoro. PS vi spiace mettere stampante, filamento e parametri usati per la stampa assieme alle foto? Giusto perché uno si fa un'idea di come stampare cose analoghe...
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.