Vai al contenuto
[[Template core/front/profile/profileHeader is throwing an error. This theme may be out of date. Run the support tool in the AdminCP to restore the default theme.]]

FoNzY last won the day on September 18

FoNzY had the most liked content!

6 Seguaci

Su FoNzY

  • Rank
    Evangelista
  • Compleanno 24/10/1990

Profile Information

  • Gender
    Array
  • Location
    Array

Visite recenti

2.489 visite nel profilo
  1. FoNzY

    Stampa gomma

    si stacca se metti pochi supporti 😅 nel dubbio abbonda in modo da avere una base a contatto molto ampia
  2. FoNzY

    Stampa gomma

    è normale che venga spiattellato senza supporti.... se guardi al primo layer di questa stampa avrai un punto centrale e le basi dei supporti ai lati, è normale che si deformi nel centro in quanto il singolo punto di contatto stampato nel layer 1 deve tenere il peso di tutta la parte finche' dopo 2\3mm non si congiunge con i primi supporti..... la migliore qualita' in questo caso la ottieni stampandola in verticale e sospesa (anche di 1mm) quindi solo i supporti a contatto con la base
  3. capisco che avrei dovuto essere piu' chiaro e specificare che non parlavo della photon... comunque usa una vaschetta in plexiglass con un sottile strato di silicone sul fondo che fa da "antiaderente"
  4. tu hai il sensore, il quale ha 3 cavi: +12volt\ gnd \ segnale. il +12 volt lo colleghi all'alimentatore (la soluzione piu' giusta) il meno lo colleghi all'alimentatore ed anche alla schedina del sensore (quella in foto) (questo gnd ha la funzione di gnd per l'alimentazione e anche per il segnale) il cavo signal che proveniente dal sensore lo colleghi sull'ingresso signal della schedina. [Questa schedina serve solo a convertire il segnale(di 12 volt)del sensore ad un segnale (di 5volt) idoneo per la scheda madre.] parliamo della scheda madre: hai 3 pin su "end stop Z": +5 volt \ gnd \ segnale collegherai la schedina del sensore (il lato con 3 cavi) in questo modo: +5 volt schedina a +5volt sulla scheda madre (nel connettore di Z ednstop) gnd schedina con gnd sulla scheda madre (sempre nel connettore di Z) signal schedina con signal sulla scheda madre (sempre in uno dei 3 pin del connettore Z end-stop) [il pin segnale va abilitato in marlin in quanto l'end stop meccanico non lo usa ,nfatti esso manda i 5volt direttamente a terra per indicare il punto 0 (on\off come l'interrruttore della luce)] LE CONNESSIONI SONO QUESTE, ANCHE I PIN SONO CORRETTI
  5. questa la vedo come una pessima idea, sconsigliatissimo per il neofita e la lascerei come ultimissima spiaggia...... potrebbe essere questo il problema->PREVENT_COLD_EXTRUSION. marlin non estrude con ugello ad una temperatura inferiore a x gradi (mi pare siano 120 ma comunque qualcosa intorno a 120, per la prova metti 200) quindi scaldi l'ugello a 200 e fai la stessa cosa del video....
  6. devi alimentare il sensore con 12volt, puoi usare un uscita della piastra o collegarlo direttamente all'alimentatore. per quanto riguarda i pin, il sensore meccanico usa solo +5v e gnd invece il sensore usa anche il 3 pin (signal). i pin che adesso vengono usati per l'end stop(che non misura la distanza ma solo lo zero in maniera meccanica on\off) alimenteranno la schedina del sensore, tutta la parte relativa al sensore (tranne la sua alimentazione)è contenuta nel segnale, che verra' elaborato per dedurre la distanza.
  7. spero di aver capito cosa intendi.....in questo caso stamparlo in piu' parti consente una stampa senza supporti nel caso di 4 pezzi (pochi suporti se lo fai in 2 pezzi) puoi dividere gli stl con software come meshmixer o direttamente nello slicer. puoi usare colla bicomponente: https://www.amazon.it/Pattex-1478140-Saldatutto-Instant-Minuti/dp/B00UXHIHDW/ref=sr_1_12?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&crid=U2XA5HPYHDAU&keywords=bicomponente+5+minuti&qid=1568808070&sprefix=bi+componente+5%2Caps%2C165&sr=8-12 o colla uv: https://www.amazon.it/MMOBIEL-industriale-performante-trasparente-precisione/dp/B072XNPQ4B/ref=sr_1_6?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&keywords=colla+uv&qid=1568808152&sr=8-6 (per indurirla poi ti serve la lucina uv) la colla uv è chimicamente identica alla resina quindi una volta indurita "l'incollaggio" è piu' simile ad una fusione (non ci sono 2 pezzi e la colla ma un unico grande pezzo)
  8. parlando per assoluti è sicuramente fattibile ma è difficile. 9 ore di stampa richiedono almeno 4 rabbocchi di resina sulla piccola photon. si, una quanitta' enorme(relativo alla photon). mettere pochi supporti è come rimanere senza benzina dopo un viaggio in auto di 9 ore, quindi meglio sempre abbondare in numero e mantenerli piccolini in dimensione. purtroppo la quantita' di supporti e dove metterli è questione di esperienza e serve un po' di pratica, come ho detto nel dubbio abbonda! P.S. hai valutato l'ipotesi di stamparlo vuoto o parzialmente vuoto? se l'intenzione è quella di crearte un oggetto "estetico " potresti svuotarlo, tagliarlo in due o 4 parti e poi incollare il tutto. stampare questo "cerchio" in piu' parti consentirebbe la rimozione quasi totale dei supporti.
  9. ad ogni azione che vorresti far compiere alla stampante corrisponde un comando e non devi avere la scritta "X comandi in attesa" non devi avere la scritta "non è stato rilevato il segnale di reset"
  10. allora il problema non è "fare home" ma connettersi alla scheda.....quiindi tutto quello che ho scritto per il momento non serve..... controlla che la scheda invii la diagnostica quando ti connetti altrimenti non c'è connessione.....
  11. puo' essere anche correto che non si muovano gli assi a patto che siano gia' a zero. ci sono solo due casi possibili quando fai home, gli assi si spostano fino ad andare a zero o gli assi non si spostano in quanto sono gia' a zero(tuttavia dovrebbero avanzare di qualche mm per poi tornare a zero) mi sembra di aver capito che gli assi riesci a muoverli da repetier host tramite controllo manuale,quindi per il momento ti suggerisco di controllare gli end-stop. gli end stop non sono altro che interruttori che cambiano il loro stato quando vengono premuti e possono essere di due tipi NA e NC controlla di che tipo sono, controlla i relativi cavi e se lo hai ccontrolla con un multimetro che siano funzionanti. intanto prima di cimentarti in queste prodezze se il controllo manuale di repetier sta funzionando puoi inviare il codice: M119 la stampante dovrebbe rispondere: Reporting endstop status x_min: open y_min: open z_min: open z_probe: open filament: open se gli end stop risultano premuti: x_min: TRIGGERED ... ovviamente se risultano premuti e non lo sono (o viceversa) c'è un problema. P.S. quella stampante è un dinosauro, non farti venire idee di smanettare con i firmware senno' diventa un bel fermacarte
  12. nella sezione materiale puoi abilitare "ritrazione sul cambio layer" ma il problema è intrinseco nella stampa fdm, è un suo limite e non scomparira' mai del tutto.....
  13. non so' se sia giusto, controllero' ma c'è un problema di fondo nel tuo discorso (o sono io a non aver capito) il gcode è l'output dello slicer, dire " cura versione 2.4.1 (32bit) è possibile stampare lo stesso Gcode" è "sbagliato" o non si capisce cosa intendi. se repetier ha gia creato il gcode cura non puo' piu' fare niente.... per il resto non ho capito un tubo.... hai 100mm da estrudere e per farlo bene cambi il valore stepp\mm poi parli di primo layer....che con repetier?! non riesci a fare e qui non ho capito che vuoi mettere in cura....cura avra' anche la % in (polli)🐥\s ma a te cosa cambia? AGGIORNO entrambi gli slicer hanno il flusso in % che modifica direttamente il valore "distanza di estrusione" nel gcode(il quale non è influenzato da stepp\mm) entrambi gli slicer hanno una costante "flusso stimato"(ragionevole pensare che sia in mm3) alla quale non puoi accedere.volendo potresti dedurre questa "costante" dal gcode.se questa "costante" fosse diversa per i due software (cosa che dubito fortemente) un valore di flusso identico nei due slicer porterebbe ad una estrusione effettiva diversa.....
  14. l'isopropilico confermo che tende ad opacizzare ma io non lo uso piu' da tanto tempo ormai a causa del prezzo.... ottengo ottimi risultati con questo: https://www.amazon.it/4PZ-ALCOOL-DENATURATO-CERTIFICATO-LT/dp/B0721TC8XD/ref=sr_1_7?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&crid=3D05UPGR3D750&keywords=alcool+99%2C9&qid=1568634507&sprefix=alcool+99%2Caps%2C164&sr=8-7 aggiungendo il fatto che lo trovo alla ferramenta sotto casa la mia vaschetta non ha il fep e non viene opacizzata da questo alcool ma comunque come ho detto non la pulisco quasi mai...sicuramente è meno agrressivo dell'isopropilico e puzza meno
  15. questo accade se l'oggetto si stacca dalla piattaforma a causa della forma stessa del pezzo o per una esposizione troppo breve.... impostare la home è piuttosto facile e non credo sia questo il problema.... consiglio vivamente di non pulirla quasi mai e solo quando la situazione lo richiede (cambio colore resina o troppi residui solidi) come hai detto pulirla la rovina è inevitabile.... io uso alcool e con il dito (con il guanto) strofino delicatamente poi altro alcool e scolo la vasca....
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.