Vai al contenuto

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 14/06/2020 in all areas

  1. 8 points
    https://youtu.be/foO6ZAyPoUk spero sia pubblico @Eddy72 @hokuro @Killrob
  2. 7 points
    Come promesso, la macchina è finita anche se devo capire ancora delle cose
  3. 7 points
    La mia carriera di maker continua senza respiro 🤣🤣🤣 Siccome mi sono stufato di usare lattine o altri mezzi di fortuna per allineare Z quando intervengo sulla stampante, ho progettato un supporto adatto alla mia stampante (altezza 130mm), da utilizzare alla bisogna. Ne stampate 2, le piazzate, fate scendere i due Z finché X non si adagia sui supporti e a questo punto avete l'asse X allineato rispetto al piano su cui poggia la stampante. Successivamente livellate il piatto. L'ho fatto per la mia AM8 MGN12 ma credo sia adattabile per qualunque stampante abbia un 2020 o analogo su X e sufficiente spazio fra piatto e Z. https://www.thingiverse.com/thing:4501378 PS Sicuramente esisteranno progetti migliori su Thingiverse, io ne ho trovato 1 ma era troppo corto per la mia stampante, per cui è nato questo. Lo condivido con voi sperando di fare cosa gradita...
  4. 7 points
    Ultima creazione... jeep e figure stampati a 0.08 con pla+ nozzle 0.3 e dipinti ... 😁😁
  5. 5 points
    E questo è il lavoro terminato
  6. 5 points
    Salve a tutti, é da un po che manco dal forum. Di recente ho provato a stampare dei rimpiazzi per i supporti degli indicatori di direzione per una Kawasaki EN500 che con il passare degli anni si erano completamente sfaldate. Questo é il ricambio che si trova in giro Il mio é un pelo diverso dall'originale visto che di fabbrica avevano vulcanizzato il perno nel corpo del supporto mentre sul mio é ad incastro. Siate buoni, non la conosco ancora bene la stampante dell'ufficio e la finitura non é propriamente ineccepibile 🙂 Ho usato una Zortrax M200 e come materiale Zortrax Semiflex Qui una vista dall'alto Ecco che ne é venuto fuori Qui si vedono i componenti montati all'interno La superficie esterna non é troppo liscia a dire il vero 😂 E qui si vede montata sulla moto
  7. 5 points
    Anche il box elettronica è fatto
  8. 5 points
    Dopo qualche piccolo inconveniente, ho ripreso a divertimi, e adesso siccome insisto a stampare pezzi grandi con una stampante piccola mi sto specializzando nella "saldatura" dei componenti.
  9. 5 points
    Grazie. Ho fatto un corso online (su Udemy) che mi ha dato le basi per approfondire. Devo dire che ho fatto diversi lavoretti per la casa stampati in 3D ed essere riuscito a disegnare il tutto, con le tolleranze necessarie, è una grande soddisfazione. Ho addirittura stampato un rimpiazzo di una vite (M10) in PLA e averla vista entrare nel filetto perfettamente e funzionare alla grande mi ha quasi commosso, vuol dire che la stampante funziona bene 🙂 Sono sempre più convinto che avere una stampante 3D senza saper utilizzare un CAD voglia dire perdersi un buon 50% dell'utilità (e del divertimento...).
  10. 5 points
    Alla fine ho realizzato lo schema seguente. La parte hardware è completa, adesso dovrei sistemare lo scketch Arduino che per adesso fa solo da pulsante di accensione e spegnimento. Appena completo dovrei mettere il tutto su Thingiverse. Intanto allego le foto della realizzazione.
  11. 5 points
    Io lo sospettavo e ne ho la conferma: una resina ha un post processing che, per usare un francesismo, è una gran rottura di coglioni. Pure con le resine lavabili in acqua (che poi se le lavi in alcool vengono meglio...). Poi non metto in dubbio la tecnologia, ma rileggi bene la parte sottolineata 10 volte prima di comprarne una.
  12. 5 points
    Più o meno mi sembra che il discorso in generale sia considerare la stampante una "base" da adattare alle proprie abitudini. Io ho modificato la mia per fare dual material perchè volevo stampare una serie di scritte. Il mosfet esterno perché è ovvio (e mi sembra stupido che non sia di serie). Un monitor della tensione perché presumo di poter percepire eventuali problemi in variazione di tensione. Una ventola diversa perché l'originale era diventata rumorosa..... In estate sposterò i due estrsusori in modo da avere un percorso esclusivamente verticale (ho una delta) e porre il materiale sopra la stampante per ridurre ingombro. Diciamo che se hai una stampante 3d sei uno che vede un problema (o solo una cosa che ti sembra migliorabile) e la devi risolvere..... Se non sei fatto così o stampi statuine oppure hai sbagliato a comprarla (secondo me). Inviato dal mio tablet utilizzando Tapatalk
  13. 5 points
    E' un discorso abbastanza complesso. Personalmente sono il primo a dire di aver fatto tanti upgrade, sicuramente molti inutili oppure fini a se stessi. Ad alcuni amici che mi chiedono a cosa serve una stampante 3D io rispondo con una battuta, che però - almeno per me - nasconde un fondo di verità: "a stampare pezzi di upgrade per stampanti 3D!". A me piace sperimentare. Con la sperimentazione (che comporta una certa percentuale di fallimenti) apprendo. I soldi che tu vedi "buttati" o che avrei fatto meglio a spendere in stampanti di ordine superiore, io li vedo come una sorta di corso accelerato in tutte quelle competenze trasversali (molte) che la stampante richiede: un minimo informatiche, meccaniche, elettroniche, oltre all'inevitabile incontro prima o poi con la progettazione e modellazione 3D. Non ho problemi a dirti che per me la stampante è stata per me una sorta di LEGO Technics o Meccano per adulti. Entro certi limiti (perché quando mi incarto è frustrante), è divertente per il sottoscritto sperimentare. Non è un caso che di stampanti 3D ne ho più di una: una l'ho tenuta sostanzialmente stock, l'altra l'ho completamente smontata e rifatta da zero. Ti dico pure tranquillamente che in questi 2-3 anni in cui l'ho trasformata avrei speso meno a prendere direttamente una Prusa MK3S, ma sicuramente ne saprei molto, moltissimo meno di adesso. Se a te non interessa smanettare, fai benissimo a spendere qualche soldo in più e prenderti una Prusa o altra macchina il più possibile "user friendly". In sintesi, non tutti hanno le stesse aspettative dalla stampa 3D. Per me la modifica / autocostruzione della stampante è parte integrante del divertimento e del processo di apprendimento. NB Aggiungo che io non sono affatto un sostenitore degli "upgrade subito", anche perché un conto è se a farli è uno con 40anni pregressi di elettrotecnica e meccanica applicata, un altro e se li fa uno che ha un passato da ragioniere. Io sono rimasto stock per un bel po' con la mia Anet A6. Apprese le basi, mi sono lanciato nel "modding".
  14. 5 points
    Finalmente svelata la composizione chimica di questi nuovi materiali SunLu: PLA Normale: ----------- ----------- PLA Plus: ------------ +++++++ ------------ SPLA: ------------ SSSSSS ------------ @marcottt nel caso decidiate per il ban, non potrei biasimarti 🙂
  15. 5 points
    Eccomi qui col progetto che si avvia alla conclusione, queste sono foto del telaio montato, mi manca il carrello di X sul quale devo fare degli aggiustamenti
  16. 5 points
    Salve avevo bisogno di ritrovare il mio io interiore, quindi mi sono affidato ha un grande guru 😅😅😂
  17. 5 points
    Nel paese di Geeetech si era scatenata una violenta tempesta,dalle prime ore del pomeriggio, ora verso sera sembrava già notte fonda. Gli abitanti, ignari di quanto stava per accadere, erano tutti chiusi in casa; fuori, come si dice, non c'era anima viva. L'oscurità era rotta a intervalli regolari dalle sciabolate di luce del faro che imponente sul promontorio dava sicuro riferimento ai naviganti. Nella piccola casa, accanto al faro, i coniugi Bowden erano intenti ad una tranquilla conversazione, seduti accanto al camino acceso. Sopratutto loro, completamente ignari di cosa stava per riservare il destino. Ad un tratto; un lampo! Per pochi secondi viene illuminata una losca figura che, incurante della tempesta, si dirige proprio verso la piccola casa accanto al faro. Cammina con passo spedito quasi conosca la strada da tempo. Intanto nella piccola casa mentre il Signor Bowden stava dando una occhiata al giornale, domani finale di coppa Sunlu-Warhorse , la Signora stava finendo , ai ferri, un bel maglioncino di pla. Lo sconosciuto, giunto in prossimità della piccola casa, con fare guardingo scavalcò la recinzione e si introdusse nel giardino; per fortuna non ci sono cani pensò. Si avvicinò, ancora più guardingo, ad una finestra; doveva controllare la situazione all'interno. Ad un tratto; un lampo! A quella luce inaspettata la Signora Bowden alzò gli occhi e guardò la finestra... lanciò un urlo, si avvinghiò al marito e additando la finestra gridò: l'ho visto...l'ho visto.. ma chi hai visto, chiese il marito visibilmente agitato Ho visto il famigerato TERMISTORE......... Fine prima puntata. Bando alle ciance: da ieri sera ho fatto due stampe,circa 10 ore l'una, senza problemi ne intoppi vari Solo il pomeriggio mi aveva fatto buttare due volte una stampa, pazienza. Il punto è che dal pomeriggio alla sera non ho fatto nulla alla stampante. Comunque volevo ringraziare tutti per i consigli che mi avete dato (non nomino nessuno per non dimenticare nessuno) una cosa è certa, domenica se riesco a stare tranquillo farò tutta una serie di controlli, cablaggi, continuità,etc.etc. poi metterò in pratica l'ultimo consiglio, lanciando una stampa e monitorando l'andamento con repetier-host. Ovviamente devo sperare di riscontrare qualcosa di anomalo in modo da capire cosa mi crea questi problemi. Ancora grazie a tutti (ovvio che al prossimo problema sarò di nuovo a scocciare il prossimo) Spero di non aver infranto qualche regola del forum
  18. 4 points
    Stampata la mia mini curing box. La lampada UV ci sta pefettamente sopra. Un po' piccola ma meglio della confezione della resina che ho convertito a scatola per UV curing temporanea foderandola con il cuki. PS Si vede pure dalla foto, dopo 8+ ore di stampa mi si è staccato un pezzettino dell'ultimo layer per ragioni da indagare (non so se possa dipendere dal fatto che, nonostante la spruzzata di lacca, a 40° mi si è un po' imbarcato il pezzo). Per fortuna nulla di irreparabile, avevo già pronta la mazza da baseball per "terminare" la stampante e avere la scusa di farmi la BLV Cube 😄 A 20% di riempimento si vede parecchio sui lati con il PLA nero, mi sa che gli darò una spuzzata di fondo nero.
  19. 4 points
    Qui da un'altra angolazione Rispetto a quella originale l'ho disegnata in due pezzi che vengono uniti tramite quattro bulloncini. Avete consigli su che vernice usare per proteggere il materiale dal sole e dall'acqua?
  20. 4 points
    Facevano prima a scrivere nelle brochure: "fatti una temp tower e non scassare i maroni" 🙂 Sarei curioso di sapere l'affidabilità dei termistori nei nostri hotend (nel mio caso, rigorosamente "il meno caro" che trovo su Amazon / aliexpress / chinapovery fabbricato in un sottoscala della periferia di Shenzhen da manodopera altamente specializzata; solo ultimamente piano piano mi sto convertendo a roba un po' più di qualità). Sarei curioso di capire l'ordine di magnitudine in termini di differenze di letture fra i vari sensori...
  21. 4 points
    la mia chiave a pipa non è qua con me ora.... ma a memoria mi sembra sia del 7.... non del 6 e ne dell'8... giochiamo a tombola...
  22. 4 points
    risposta lunga, intanto grazie a tutti quelli che mi avete risposto, mi avete dato un po' di spunti varii 😄 faccio 3d dal 91, quando per ottenere determinati risultati dovevi scriverti da solo gli shader, l'ho fatto perchè dovevo farlo, non perchè volevo farlo. Io nasco come artista tradizionale con la creta, stampi e controstampi e iniezioni di resine, schiume etc, e mi affacciai al 3d perchè vedevo li il futuro. Agli inizi del 2000 lavoravo in una azienda che faceva prototipazione con le frese a controllo numerico, allora decisamente costose (intorno ai 50k), e poi dovevi rifinire a mano perchè comunque le finiture su plexiglass scavato non erano da lucidatura perfetta (facevamo prototipi di flaconi di profumo di lusso). Quindi lavorazione manuale, colorazione ad aerografo e finiture tutte manuali. Negli ultimi 6-7 anni si stanno chiudendo i cerchi per tornare dal 3d nel mondo reale a cifre alla portata di tutti e come ho fatto nel mondo del software ho rotto i coglioni agli sviluppatori per poter fare meno il tecnico e tornare a fare l'artista, da qui il motivo delle mie domande e della mia curiosità. 😛 @FoNzY ho già fatto esperienze di montaggio smontaggio e ho qualche centinaio di ore di stampa con una stampante vecchia, che avendo problemi, ho cercato di migliorare ma ho trovato intoppi per la mia ignoranza, che non volevo più colmare (su quella macchina) perchè perdevo più tempo a metter a posto la macchina che stampare i miei oggetti. come shiny3d ha visto (gli ho regalato la mia vecchia stampante), non significa che se devo non mi ci metta, ma se posso evitarlo.. anche perchè non nascendo come tecnico elettronico, posso cercare, leggere tanti manuali e studiare, ma... se posso evitarlo... ho una lista di cose che invece voglio imparare in tanti altri ambiti che non mi basteranno tre vite 😛 Infatti lper scegliere cosa prendere come macchina nuova, e leggendo in giro mi è sorta la curiosità di questo trend, ed essendo una persona a cui piace chiacchierare e capire le scelte degli altri ho posto la domanda. Mi piace capire come pensano gli altri, lo trovo un modo utile per imparare da tutti, da diversi modi di pensare. Non ho il budget per prendermi una Zortrax. Ma se fosse andrei in quella direzione per l'assistenza. Come dico spesso, ad ognuno il suo lavoro, e pur avendolo dovuto fare, e dovendolo fare in tanti miei lavori, non voglio fare il tecnico, quindi cerco di restare lontano da ciò che oltre a non competermi, non voglio fare, lo farei male. @jagger75 (complimenti per l'avatar), se vai di stampante brand da 2000euro prima che si rompa ce ne vuole, ho diversi amici che hanno le zortrax in azione, uno in particolare che stampata da quasi tre anni, tutti i giorni, e tranne la manutenzione ordinaria zero problemi banali. Il prezzo sul brand giusto vuol dire anche affidabilità, che però non posso permettermi 😞 @Shini3D Su quelle a resina, di recente ho fatto le prove su una mars e una anycubic da chi mi ha introdotto alla stampa 3d anni fa. Abbiamo stampato delle cose insieme spiegandomi come fare, ma... no grazie, non è da uso casalingo per me, lui ha una stanza di casa dedicata a quello, io devo ritagliarmi gli spazi, e non posso metter su il laboratorio (non che non vorrei :-P) A parte la qualità migliore per me si hanno una serie di contro non trascurabili, dalla resina che ha possibili danni alla salute se mal gestita, allo smaltimento del materiale speciale (anche quelle lavabili in acqua), perchè i residui non si potrebbero scaricare in water o altro, e anche pulendo con carta, poi essendo elemento speciale non si butta nel secco, ma va smaltito, ai problemi di sunction, adesione, fissaggio, la durata delle resine se non ben fissate, il tipo di "manutenzione" sia della stampante che della stampa 3d. Ripeto, per me, per il mio modo di pensare e/o per le mie esigenze, che poi per ognuno sono differenti, ovviamente. @marcottt "Diciamo che se hai una stampante 3d sei uno che vede un problema (o solo una cosa che ti sembra migliorabile) e la devi risolvere..... Se non sei fatto così o stampi statuine oppure hai sbagliato a comprarla (secondo me)." tra virgolette si, stampo statuine (sono un ex sculture), ingranaggi per le cineprese, mod di altri ambiti dove c'è la mia passione, per questo trovo meno interesse a modificare la stampante, e trovo più interessante trovarne una che anche se mi costa 150-200 euro in più è già a posto per quello che devo fare, perchè il mio obiettivo è la stampa 3d e non la stampante 3d, che penso sia una buona parte degli obiettivi di chi si avvicina alla stampa 3d. quanto a chi ha una stampante 3d... ho un amico che stampa pezzi di ricambio per il tutore del figlio disabile, perchè lui è bravo a progettare in 3d e viviamo in una nazione dove il pezzo di ricambio di plastica da 20 centesimi non lo vendono, ma la asl ti cambia tutta la sedia a rotelle, peccato che devi prima restituire la vecchia e dopo qualche mese ti daranno la nuova, con tutti i disagi del caso. Un altro amico fa strutture per droni autocostruiti. Un altro ancora usa la stampante 3d per fare props per teatro e cinema. Una amica progetta fermagli, un'altra stampa i prototipi per verificare prima di far produrre le sorpresine della ferrero che siano sicure e che non otturino la gola artificiale (test per chi produce giocattoli), un amico produce tappi custom per moto, li stampa in 3d, fa stampo, colata in materiale adatto e via... vedi non conosco nessuno che le modifichi, ma tutti che le usano cosi come sono 😛 Il tuo "sei uno che vede un problema (o solo una cosa che ti sembra migliorabile) e la devi risolvere..... (secondo me)" è perfetto con (il secondo me). Dipende da chi sei, se sei un ingegnere o un tecnico di nascita è ovvio che vorrai migliorare lo strumento, è stata la tua scelta di vita, e ti/vi ammiro perchè è grazie a voi che posso usare questi strumenti, io non li avrei mai creati; se invece sei un utilizzatore, vuoi che gli strumenti che creano i tuoi oggetti funzionino e bon, perchè il tuo obiettivo è l'oggetto stampato, non lo strumento per stamparlo. E' sempre una questione di punti di vista, io conosco più creatori che tecnici, quindi il tecnico viene visto dalla categoria come l'anomalia; premettendo che io vengo messo nella categoria tecnico perchè comunque se posso risolvere senza chiamare l'assistenza, lo faccio e smonto nei miei ambiti tutto quello che uso 😛 Ammiro e ringrazio chi ci smanetta dietro perchè è grazie a tutte quelle persone che io posso comprare una macchina, montare le basi e stampare il modello 3d che mi interessa o costruirmi gli strumenti che voglio con la stampa 3d. Ma andando oltre aggiungere un bl-touch, aggiornare un firmware, non vorrei andare, ma lo posso fare grazie agli smanettoni come voi che vi mettere "sotto il cofano", e avete la pazienza di spiegarmi come "allienare le puntine" per restare nelle analogie motoristiche 😄
  23. 4 points
  24. 4 points
    Pienamente d'accordo, bisogna certamente vedere l'uso che uno ne fa, se con la fdm stampi tutti i giorni e vuoi fare lo stesso con la resina fai prima a scolpirteli a mano 😅 se stampi una volta a settimana puoi anche pensare di fare tutto quel casino stile laboratorio di metanfetamina
  25. 4 points
    mentre leggevo seguendo il filo del tuo discorso giustissimo per altro però per un attimo ho temuto che continuavi cosi : "è come quando impari a guidare e compri la prima macchina,mica la compri gia montata ,ma la compri a pezzi cosi mentre la monti impari i pregi e i difetti e conosci i suoi limiti" ahhaahhhahah 🤣
  26. 4 points
    @Carlo Macchiavello la mia esperienza: Un anno fa ho comprato la mia ender 3, sapendo che era la stampante più utilizzata e più versatile, l'ho comprata perchè sapevo che averi fatto degli upgrade, il mio parere è che tutti dovrebbero comprare una stampante cheap per prima, ti serve a capire come funziona una stampante, quali sono i suoi limiti, risolvere i problemi meccanici aggirandoli o riparando la stampante stessa, è come quando impari a guidare e compri la prima macchina, mica compri una super auto giusto? compri una macchina che anche se la righi o l'ammacchi non importa ( o quasi) ti serve per fare esperienza. Tu sei più avanti, avendo la tua stampante mi sono accorto che queste cose le hai già passate, conosci bene o abbastanza bene la meccanica e l'elettronica di una stampante, ti conviene orientarti su una stampante già fatta e finita, magari una Sharebot. Chiediti cosa vuoi dalla stampa 3D, divertirti a riparare i problemi, stampare pezzi dimensionalmente perfetti ogni volta, pezzi super definiti, il costo e il tempo che hai a disposizione; da quanto mi è parso di capire tu sei un artista, io mi orienterei su una stampate a resina, hai più rogne per quanto riguarda il post processing questo è vero ma hai una resa finale ineguagliabile per una stampante FDM.
  27. 4 points
    A me quei vermicelli li fa quando ci sono problemi con la ritrazione, il che farebbe scopa con il discorso della temperatura più alta del normale. Che la parte bassa sia venuta bene non mi stupisce, è un cilindro, hai pochi "stacchi", per cui fa poca ritrazione (o la può nascondere all'interno dell'infill). Sulle dita necessariamente deve passare in aria, per cui lì ti crea problemi. Ti consiglio di fare i test sulla ritrazione, quello con il cubo e le 4 punte sottili è fetentissimo, se passi quello non hai problemi a stampare nulla 🙂
  28. 4 points
    Prodotto SunLu, da tenere d'occhio: https://www.sunlu.com/collections/3d-printer-accessories/products/sunlu-fila-dryer-s1-an-advanced-drying-box-fit-3d-filament
  29. 4 points
    ciao a tutti volevo ringraziarvi per i consigli dati e farvi vedere i risultati dopo i nuovi settaggi.. confido in voi per altre info che mi possono servire sicuramente in futuro!!!
  30. 4 points
    In attesa di farla ad una grandezza decente, ho provato a stamparla in miniatura...0.08 di layer....
  31. 4 points
    Ho acquistato da questo genio la torretta laser Death Star Turbo .. https://www.etsy.com/uk/shop/BigBangCollectables?fbclid=IwAR0ozHkwiHQ6dUpiwxVlywAaZXH8IYwb-O07qnLt0VR9IT3CFH6yYYnrP9A ecco il risultato, stampata ridotta del 50%.... ...
  32. 4 points
    E' andata alla grande! Ho usato i custom block di CURA e ho fatto costruire una "torre" di supporti a circa 1cm di distanza dallo spadone. Risultato PERFETTO! Non riesco a postare una foto decente perchè ho stampato con uno di quei pla "sparklY" glitterati che in foto, essendo la miniatura piccola, non rende nulla ma vi assicuro che dal vivo, sapendo i limiti dell'FDM, per i miei gusti è molto più che soddisfacente.
  33. 4 points
    non so se ho capito benissimo.... ma io semplicemente aggiungo il secondo filamento dietro al primo tagliando di netto le due estremità sino a quanto l'estrusore ha "aggrappato" il filo nuovo... fatto diverse volte senza problemi. L'unica anomalia sono le ritrazioni sino a quando i nuovo filo non è dentro il nozzle.
  34. 4 points
    purtroppo su questa fascia di prezzo le stampanti non sono esattamente "impeccabili" dal punto di vista meccanico....migliorare la stampante da 300 euro nonostante quasi tutti lo facciano è sicuramente superfluo,l'unica cosa da tenere a mente è che su una stampante di questo tipo ogni "poche" stampe dovrai "sistemare qualcosa"....
  35. 4 points
    Il problema del z offset dopo la home la risolvete con il babystepping.
  36. 4 points
    Oppure fa un raft come adesione di stampa
  37. 4 points
    hmmm se così fosse... andrei a prenderla solo per i pezzi di ricambio 🤣
  38. 3 points
    Premettendo che io il jerk preferisco modificarlo e salvarlo da pannello lcd e non da slicer queste sono 3 prove di jerk a 8-20-30 prima immagine jerk a 8 seconda jerk a 20 terza jerk a 30 si notano benissimo i rigonfiamenti nelle curve a 90° nelle prime 2 immagini, nella terza l'angolo a 90° è quasi perfetto
  39. 3 points
    costa poco meno di un "buon" estrusore desktop (non saprei come chiamarlo) ma oltre a pesare piu' della stampante secondo me ha ben poco controllo...il pellet viene sballottato in giro,il colore non è uniforme,hai una buona estrusione solo quando il serbatoio è pieno(credo)?!, come funziona la ritrazione?....molto meglio(si fa per dire) estrudere 100gr\h con un estrusore da banco. questa guida ti aiuta a costruire lo stesso recycler che sul sito "brand" pagheresti 3.000€( https://www.filabot.com/) guida: https://www.instructables.com/id/Build-your-own-3d-printing-filament-factory-Filame/ questo ha un ottimo rapporto qualita' \prezzo ma il sito in cirillico non mi da una grande sicurezza https://epo3d.com/ invece della "bobina" di filo usa il pellet. invece del pellet volendo potresti usare vecchio filamento tritato
  40. 3 points
    una delle presentazioni piu' belle della storia...
  41. 3 points
    una stampante che ha piu' problemi di quelli iniziali è quello che accade nel 90% dei casi infatti spessissimo si ha l'abbandono della macchina stessa (a causa della moltitudine di problemi auto-creati)dopo nemmeno 10 ore di stampa esattamente come avviene nel modellismo dinamico...dei 1000 modellisti che comprano kit solo una decina poi li usano veramente gli altri ci smanettano un po' e poi buttano tutto nel dimenticatoio... senza offesa per nessuno, questo succede perche' la gente è ignorante in materia...tanti credono che la stampante 3d debba essere rigida come una cnc, raffredata come un rettore nucleare e con la stessa elettronica che si userebbe in una missione spaziale quando in realta' basta poco piu' di quello che viene fornito con il kit cinese da 200 euro... personalmente con i kit di oggi bastano 50 euro di modifiche per rendere il prodotto sufficientemente affidabile e sicuro. un alimentatore idoneo e che non ti manda a fuoco casa, un mosfet esterno (perche' se si rompe l'integrato il 95% degli utenti non sa cambiarlo) e qualche ritocco meccanico qua' e la' per migliorare l'affidabilita' (non le prestazioni)...tutto il resto è superfluo.... su questo non sono d'accordo,tra un kit cinese da 200 euro ed uno da 500 o anche 1000 niente cambia...se voglio fare un netto salto di qualita' nella macchina devo spendere 2000€ e passare ad una brand 80% di chi compra la stampante 3d non la usera' mai o la usera' molto poco, la volta che decide di usarla riscontra un problema,abbandona l'idea di "stampare" ed il divertimento è ripararla....poi succede il frankestein...piu' problemi di prima...abbandono della macchina....
  42. 3 points
    Per riprendere anche la parte della ritrazione... Mi sono appena arrivati questi da aliexpress, completamente in acciaio e già si nota la differenza della presa sul ptfe. Li ho montati sulla Ender 3 sia lato estrusore che lato hotend notate anche il numero di lamelle interne... Non quelle schifezze stock
  43. 3 points
    Cosa usi come jerk e accelerazione? E cosa usavi quando stampava male? Io non frattempo ho finito la fibbia: questo ASA e' decisamente meglio del Frontierfila. Qualcuno potra' anche prendermi in giro perche' compro i filamenti "cinesi", ma stampano da dio. 🙂 Mi dispiace che questo fornitore stia finendo le scorte. Ieri ne ho preso un'altra bobina gialla ma ormai e' tutto finito. Sono come le meteore, come le mode.
  44. 3 points
    Prima prova in assoluto venuta perfettamente, sono molto soddisfatto di questo materiale, non l'avevo mai provato. Anche il bed a 70 gradi è più che sufficiente, probabile non sia la temperatura reale e che sia molto di più, non posso lasciarci la mano per più di 3 secondi, scotta... Devo procurarmi un rilevatore di temperatura ed è forse per questo che se imposto a 90 mi va in allarme
  45. 3 points
    Ah ok....non avevo capito che lui voleva la irms e non la vref il che spiega perché parlate in ma e non volt 😅 comunque a me viene 495ma...potrebbe essere che l’assorbimento dichiarato dai cinesi di 0,7A non sia corretto
  46. 3 points
    Se tutto fila liscio domani pomeriggio prove di giunzione dei rimasugli delle bobine. Per adesso il sistema a induzione è sospeso a metà. domani vedrò l'esito delle prove. spero in un esito positivo
  47. 3 points
    E diminuirei anche la velocità di stampa, 60mms sono, almeno per me, esagerati per pezzi piccoli. Può andar bene quando stampi pezzi grandi ma quelli mi son sembrati piccoli. Se vuoi una faccia superiore bella liscia attiva la stiratura su cura. Poi mi sembra che la larghezza linea sia un pò eccessiva rispetto a quella dell'ugello
  48. 3 points
    75 a me. (ripeto non è un problema immane... Ci vuole un pizzico di fortuna di non essere in un punto dove serve ritrazione) Anycubic kossel linear plus, Inviato utilizzando Tapatalk
  49. 3 points
    @Killrob vedro di caricare su youtube, guarda cosa devo imparare alla mia età😄 Appena mi riprendo dai vari intoppi proverò a fare un video usando del pla bianco
  50. 3 points
    Ottimo, giusto per creare ancora un po' più di casino😂😂😂😅😅😅

I servizi di Stampa 3D forum

Seleziona il servizio che stai cercando:



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.