Architettura: stampata in 3D la prima villa

architettura villa stampa 3d

Col tempo l’utilizzo delle stampanti 3D in architettura si diffonde con tecnologie e materiali sempre più economici, versatili e con particolare attenzione all’ecosostenibilità e al risparmio energetico. Nei mesi scorsi abbiamo potuto vedere diversi esperimenti ma la Cina si sta approcciando in maniera significativa nell’applicazione della stampa 3D in campo architettonico con l’intento di realizzare edifici di tipo residenziale.

Dopo il progetto olandese, 3D Print Canal House, che impiega molti blocchi stampati con materiale plastico, dalla KamerMaker è volta della Winsun Decoration Design Engineering che continua la messa a punto di una enorme stampante 3D (altezza 6,6m, larghezza 10m, lunghezza 150m).

architettura villa edificio stampa 3d

architettura villa edificio stampa 3d 8

Il funzionamento si basa sugli stessi principi delle stampanti 3D più piccole, dove al posto del classico filamento di PLA o ABS si utilizza una miscela di fibra di vetro, cemento, sabbia, tutto tenuto insieme da uno speciale agente indurente. Un ugello deposita strati della miscela fatta di materiale riciclato nella giusta sequenza, uno sull’altro creando dei blocchi strutturali entro i quali possono esser allocati travi metalliche, materiali elettrici, isolanti etc.. I blocchi stampati che andranno poi a formare tramezzi, muri portanti, solai, presentano vuoti d’aria che ne aumentano il valore isolante. Questi saranno trasportati in cantiere e poi assemblati sino a costituire tutte le parti dell’edifico progettato.

architettura villa edificio stampa 3d 6 architettura villa edificio stampa 3d 5

La Winsun ha dimostrato, con la recente edificazione del condominio di 5 piani nel SIP, Industrial Park di Suzhou, Cina Orientale, e con la villa residenziale da 1,100mq, prima di una serie, di poter realizzare un’edilizia a basso costo con l’utilizzo della tecnologia applicata alle stampanti 3D. Se nei 10 edifici stampati in 24 ore si limitava alle parti strutturali, ora realizza ogni parte dell’edificio, dai blocchi strutturali, agli arredi a tutti gli elementi decorativi interni ed esterni.

La Winsun risponde così a quanti avevano obiettato sull’impiego di questa tecnologia nell’edilizia. L’utilizzo di materiali bioplastici, progetto 3D Print Canal House, è ritenuta poco adatta ad una politica ecosostenibile, per le difficoltà di smaltimento, per l’energia spesa per la produzione dei filamenti, per il riciclo del materiale stesso.

architettura villa edificio stampa 3d 3 architettura villa edificio stampa 3d 2 architettura villa edificio stampa 3d 9

Nel caso cinese invece ci si può focalizzare sulle note positive: riduzione delle spese di cantiere, maggior razionalizzazione delle fasi produttive, minor margine di errori, minor produzione di scarti, minor tempo di realizzazione e maggior risparmio sui materiale.

Secondo quanto dichiarato dalla Winsun, la tecnica di costruzione da loro usata consentirebbe di ridurre gli scarti di costruzione tra il 30% ed il 60%, i tempi dal 50% al 70%, ed il costo del lavoro dal 50% al’80%.

Ne risulta un prezzo di costruzione di circa 139.400 euro per la villa di 1.100mq, a fronte dei 1,15 milioni di euro per uno stesso edifico di 700mq con tecniche tradizionali.

Testo scritto da Ryka Tempesta