Slicer software per la stampa 3D: guida di base

    slicer software stampa 3d

    Nei momenti precedenti alla stampa, un oggetto digitale è costituito da un’insieme di informazioni che caratterizzano la sua forma, le sue dimensioni e i suoi attributi fisici. Le fasi che compongono il procedimento di sviluppo di tale oggetto precedenti alla stampa vera e propria sono due: la fase di modellazione e quella di slicing.

    La modellazione (che è stata trattata in una mini guida che potete trovare a questo LINK) è il processo in cui il creatore realizza l’oggetto nel mondo tridimensionale del software scelto, formando un volume nel modo desiderato. Lo slicing è il passaggio intermedio tra la modellazione e la stampa 3D ed è la chiave di volta per reggere in piedi il procedimento di stampa in modo ottimale e il più vicino possibile all’idea formatasi nella mente del designer.

    A cosa serve uno Slicer?

    I software slicer permettono di convertire il nostro modello 3D in istruzioni che dialogano con la stampante 3D, impostando tutti i parametri di stampa. Tutte queste istruzioni sono recepite dalla stampante grazie ad un codice specifico, chiamato G-code.

    L’obbiettivo durante il processo di slicing è quello di impostare e ottimizzare alcune caratteristiche di stampa del modello, attributi che nei momenti durante e posteriori alla stampa possono influire sulla velocità di realizzazione e sull’aspetto/comportamento dell’oggetto stampato, oltre a quello di esportare il file 3D in un formato riconoscibile e leggibile dalla stampante. Queste impostazioni sono molte e varie, eccone una breve lista:

    • Altezza dello strato (Layer Height);
    • Larghezza delle pareti (Shell Thickness);
    • Densità di riempimento (Fill Density)
    • Tipo di supporto (Support Type, per strutture a sbalzo che hanno bisogno di supporti per garantire l’integrità strutturale);

    Altri dettagli possono a volte essere dettati dalla stampante che utilizzate, e questi possono essere:

    • Velocità di stampa (Print Speed);
    • Temperatura di stampa (Print Temperature, da determinare a seconda del materiale con cui vorrete stampare);

    Un altra serie di impostazioni importanti da caricare nel programma di slicing sono le informazioni relative alle caratteristiche tecniche della stampante 3D in uso (chiamati “profili”), pressoché unici per ogni stampante e ottenibili di norma sul sito delle stesse.

    Programmi Slicer sul mercato

    Ora che abbiamo chiarito quali sono gli aspetti analizzati e modificati all’interno di uno slicer vediamo, in una breve overview, quali sono i giocatori in campo, con le loro caratteristiche:

    SLIC3R

    Slic3r

    “Slic3r” è uno dei più usati programmi di slicing, vantando un’ottima flessibilità di OS e di stampanti compatibili.. Presente sul mercato da un anno e mezzo, riceve molto spesso aggiornamenti.
    Features: Open source, molti formati input/output, ampio spettro di compatibilità, UI semplice,  stampa a estrusore multiplo, veloce generazione G-Code.

    Link: http://www.slic3r.org/ 

    CURA

    Curaslicer

    Il programma all-in-one (slicing, g-code sending, …) della Ultimaker, Cura può vantare un’interfaccia snella per i processi di slicing, ma anche di collegamento con la stampante ed esportazione. Poter accedere a molte utilità in un unico programma è molto vantaggioso. Se volete avere già un’anteprima del suo funzionamento vi consigliamo la lettura della nostra guida specifica ai settaggi di Cura: LINK
    Features: all-in-one software suite, UI snella e intuitiva, Open Source.

    Link: https://www.ultimaker.com/pages/our-software 

    SIMPLIFY 3D

    Simplify3D

    Un programma slicer all-in-one (anche con la parte di modellazione) che permette di avere a che fare con ogni parte della creazione, ottimizzazione e esportazione del tuo modello, fino alla stampa finale in 3D. Le prestazioni comprensive di questo prodotto hanno tuttavia un prezzo.
    Features: semplifica ogni passaggio del processo di stampa, supporto per multi-estrusore, alta velocità di calcolo slicing, preview interattiva strato per strato, generazione intelligente delle strutture di supporto, impostazioni avanzate.

    Link: http://www.simplify3d.com/software/ 

    KISSLICER

    KISSlicer

    Riconosciuto come uno dei più veloci slicer sul mercato, parzialmente grazie alla sua interfaccia minima che gli consente di concentrarsi su quella funzione. La UI è scarna, ma permette di metter mano a molte impostazioni necessarie.
    Features: veloce calcolo slicing, impostazioni minime, preview facile, upgrade al Pro per aggiunto supporto di multi-estrusore e stampa di più modelli.

    Link: http://www.kisslicer.com/
     

    Questi sono alcuni dei programmi slicer presenti ora sul mercato: alcuni sono dei nuovi front-end con un fondamento slicer comune, altri sono proprietari e interamente differenti.

    Seguendo questa breve introduzione ci attiveremo per creare guide approfondite per ciascuno dei programmi qui esposti, fornendo un punto di vista più integrale dei pro e contro di questo o quello slicer.

    Hai ancora dubbi su questo argomento? Chiedi aiuto sul forum!

    VAI ALLA GUIDA AI CLIENT SOFTWARE

    TORNA ALLA GUIDA AI SOFTWARE PER LA STAMPA 3D

    TORNA ALL’INDICE